Gazzetta: «Il marziano Ronaldo sale in cielo, ma la Juventus ha tirato a sopravvivere»

Secondo Luigi Garlando, «il Real ha trattato la Juventus come la Juventus tratta le piccole di Serie A: ha segnato in fretta e poi gestito senza stancarsi».

Gazzetta: «Il marziano Ronaldo sale in cielo, ma la Juventus ha tirato a sopravvivere»

Il commento sulla Gazzetta

Luigi Garlando commenta Juventus-Real Madrid secondo due chiavi di lettura. Da una parte l’ovvia celebrazione del “marziano” Ronaldo. Che «è salito in cielo, si è sdraiato su una nuvola e ha mandato alle spalle di Buffon una meraviglia che non dimenticheremo». Dall’altra ci sono le scelte di Allegri, che «ha preferito la strada dell’umiltà, convinto di aver pagato a Cardiff la tracotanza per aver osato sfidare il Real sul piano del gioco e della tecnica».

Secondo Garlando, la decisione di «abbassare la Juventus, rinunciando in extremis a Matuidi e al modulo 5 Stelle», ha in qualche modo spiegato l’atteggiamento del tecnico livornese. Che «ha tirato a sopravvivere, per poi giocarsi la speranza al Bernabeu. Solo che  una strategia del genere può riuscire solo al prezzo di una concentrazione feroce e di un’attenzione massima. Non puoi dopo 3 minuti lasciare quello spazio a Isco per il cross; Chiellini e Barzagli non possono regalare frazioni di secondo a uno come CR7, come hanno fatto anche con Bonucci. Non possono Buffon e Chiellini combinare quel pasticcio che ha portato in cielo Cristiano. Allegri ha puntato tutto su una difesa sgretolata dal tempo».

Altre critiche sparse, anche individuali: «Ogni volta  che la Juve si è spinta verso l’umanissima difesa del Real, ha messo paura. Solo che Higuain non mè mai stato centravanti da gol al primo tocco. Anzi… E Dybala che, un anno fa si sentì Messi dopo due gol al Barça, ieri è finito espulso, ai piedi di Ronaldo. L. La Juve che qui domina da 7 anni. Avvilente per il calcio italiano».

ilnapolista © riproduzione riservata