Gazzetta: il rinnovo di Allan (due milioni l’anno), ora il Napoli punta a rivedere il contratto di Jorginho

Il nuovo accordo con la mezzala brasiliana, dopo quello con Chiriches, indica la via per la prossima stagione: le certezze di questo ciclo saranno le fondamenta del prossimo Napoli.

Gazzetta: il rinnovo di Allan (due milioni l’anno), ora il Napoli punta a rivedere il contratto di Jorginho
Foto Ssc Napoli

Il mercato interno

Ieri è arrivato l’annuncio del rinnovo di Allan. Questa mattina ci sono le prime analisi e le nuove indiscrezioni sulle prossime mosse del Napoli, sempre sul mercato interno. La Gazzetta dello Sport snocciola cifre e rumors, a cominciare dal nuovo contratto della mezzala brasiliana: «Il nuovo accordo che legherà Allan al club partenopeo prevede una base fissa di due milioni l’anno. E una nuova scadenza posta al 2023».

Secondo la rosea, l’esito ancora tutto da scrivere rispetto a questa stagione porterà in ogni caso allo scioglimento del patto-scudetto sancito nella scorsa estate. Alcuni protagonisti andranno via, e sarà «una cosa fisiologica». Si tratta di Reina e Maggio, entrambi in scadenza e per i quali non sembrano esserci trattative in chiave rinnovo. Del portiere spagnolo sappiamo tutto o quasi, con netto anticipo: dovrebbe andare al Milan, scatenerà un vero e proprio caso diplomatico da qui a fine stagione.

Dopo il rinnovo di Chiriches e di Allan, la prossima mossa dovrebbe riguardare Jorginho. Leggiamo: «Con il centromediano italobrasiliano, il Napoli cercherà di siglare un’intesa di lunga durata. Insomma, il club parenopeo ripartire innanzitutto da quei calciatori di 26-28 anni che possono ancora dare tanto alla causa azzurra e che potrebbero tornare utili con qualsiasi allenatore (il rinnovo di Sarri – clausola rescissoria di 8 milioni di euro – potrebbe essere discusso durante la sosta, ma il tecnico non ha fretta)». Le certezze costruite in questi tre anni dovrebbero essere le fondamenta del Napoli che verrà, dunque. Il rinnovo di Allan è solo un primo passo.

ilnapolista © riproduzione riservata