Girone d’andata, le statistiche: il Napoli è meritatamente primo in classifica

La qualità del gioco espressa attraverso i numeri: il Napoli ha il miglior rendimento difensivo del campionato, è secondo per tiri in porta (dopo la Roma) e primo per possesso palla.

Girone d’andata, le statistiche: il Napoli è meritatamente primo in classifica

Dagli Expected Goals in giù

Ieri abbiamo letto un interessante pezzo de L’Ultimo Uomo, un recap statistico sul girone d’andata del campionato di Serie A. Basandosi sul concetto dei gol attesi, o expected goals (qui una definizione del nostro analista Fabio Fin), Flavio Fusi ha spiegato che il primato del Napoli è ampiamente meritato. I numeri, del resto, possono mentire fino a un certo punto. E infatti si legge di come la squadra di Sarri debba il suo primato più alla crescita della sua fase difensiva che alla forza del suo attacco. Vi invitiamo alla lettura, qui trovate il pezzo completo.

A questi dati particolari, vorremmo aggiungerne altri. Sono più grezzi, ma vanno oltre il semplice concetto di gol segnato/subito, rappresentano un’indicazione più profonda rispetto al rendimento della squadra nelle due fasi. Iniziamo dalla fase difensiva, che attualmente è la vera eccellenza del sistema di Sarri. Nonostante il solo gol subito dalla Juventus nelle ultime sei partite di Serie A, il Napoli è ancora la squadra che concede meno conclusioni agli avversari. Anzi, il margine sui bianconeri (seconda squadra per rendimento arretrato) è anche abbastanza ampio: 7.7 contro 8.8. Si tratta di un miglioramento enorme rispetto allo scorso anno, quando la difesa azzurra concedeva 10.2 tiri per match all’avversario di turno.

La qualità del sistema difensivo di Sarri si evince anche da un altro dato: quello sui falli commessi. Il Napoli è ultimo per quantità e per media di scorrettezze (appena 10.2 per match). È un segnale importante: la difesa azzurra non ha bisogno di bloccare l’avversario utilizzando metodi al di là del regolamento. Concede poco attraverso la qualità del dispositivo, non attraverso l’improvvisazione di un espediente.

L’attacco

Dal punto di vista offensivo, come riportato anche da Ultimo Uomo, la grande qualità individuale dei giocatori della Juventus fa la differenza per il numero dei gol. Perché i bianconeri segnano moltissimo in rapporto alle conclusioni effettive, un dato che vede il Napoli prevalere rispetto all’immediata inseguitrice in classifica. La squadra di Sarri è seconda, dopo la Roma, per numero di tiri verso la porta avversaria (18.4 per match), i bianconeri si fermano a 16.8 e rappresentano la quinta squadra di questa particolare graduatoria.

Allegri e i suoi calciatori sono i migliori per numero di reti su azione manovrata (32, il Napoli arriva a 26), ma c’è il rovesciamento dello status quo (e dei luoghi comuni) per quanto riguarda i calci piazzati. Il Napoli, infatti, è pericoloso esattamente quanto la Juventus sugli sviluppi di palle inattive. 12 gol a testa per le due regine del campionato, con 5 corner e 2 punizioni indirette. Cifre identiche, sfalsate solo per quanto riguarda rigori (4 per gli azzurri, 2 per i bianconeri) e punizioni dirette (una per Mertens, 3 per i calciatori juventini).

Il possesso palla

Chiudiamo con gli ultimi dati, che descrivono il modello di gioco più che dimostrare la forza della squadra di Sarri. Il Napoli, ovviamente, è la miglior squadra della Serie A per possesso palla. La percentuale media è pari al 58%, i passaggi per match sono 702. Altro dato importante riguarda la precisione (88%, prima quota della Serie A, per 618 scambi riusciti) e la lunghezza media (16 metri, la più bassa del campionato) di questi appoggi. Insomma, il Napoli costruisce il suo gioco sulla qualità del possesso palla. Attacca benissimo e difende ancora meglio, la proiezione a 96 punti della 38esima giornata è perfettamente bilanciata col rendimento della squadra. Almeno, con quello tenuto finora. Da Napoli-Verona, comincia un’altra (mezza) stagione. Sarà fondamentale mantenere alta la qualità delle performance, per cercare di lottare fino alla fine per il titolo.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Luca Di Giacomo 5 gennaio 2018, 0:02

    Un grandissimo girone d´andata. Da 9 solo perché purtroppo abbiamo perso (e male) l´ennesimo scontro contro quelli la, altrimenti sarebbe stato da 10.

  2. Luigi Ricciardi 4 gennaio 2018, 17:31

    Praticamente le statistiche dicono che il Napoli e’ la squadra che produce di piu’ in fase offensiva e subisce di meno in quella difensiva: il gioco del Napoli e’ quindi il piu’ efficace della Serie A.

  3. Il Napoli mi da questa impressione; quando il gioco si fa duro e i punti diventano pesanti si squaglia un po’.
    Spero di sbagliarmi ma non ne rimarrei sorpreso.

  4. Io ritengo che la formazione del Napoli titolare con Ghoulam se la giochi tranquillamente con la Rube e le staremo pure davanti
    Senza Ghoulam perdiamo molto in produzione di gioco e di pericolosità e servirebbe un miracolo oppure un suo ritorno record
    Tornando all undici titolare ritengo sia comunque migliorabile sebbene siano tutti nelle grazie del mister
    Sulla dx un giocatore che possa saltare l’uomo in luogo di Callejon ci darebbe alternative di gioco e grande pericolosità
    anche a costo di perdere qualcosa sul piano difensivo
    Per non parlare di Hysaj che alterna momenti di totale amnesia a giocate apprezzabili ma mai rassicuranti

Comments are closed.