Allegri, il calendario e Sarri: «Se sei fuori da Champions e Coppa Italia, giochi dopo»

La risposta di Massimiliano Allegri alle parole di Maurizio Sarri: «Abbiamo una semifinale di Coppa Italia e un ottavo di Champions. Dobbiamo per forza andare in campo prima del Napoli».

Allegri, il calendario e Sarri: «Se sei fuori da Champions e Coppa Italia, giochi dopo»

Dopo Juventus-Genoa

Il duello scudetto è già bello che acceso dalla classifica, dalla distanza minima tra Napoli e Juventus. Un solo punto a dividere le due regine, la sensazione che il testa a testa si protrarrà fino in primavera. Ora, però, la polemica più calda riguarda il calendario. Domenica, dopo il successo sull’Atalanta, Sarri ha definito «una cazzata clamorosa» la scansione oraria del calendario di Juventus e Napoli da parte della Lega Serie A. Secondo il tecnico azzurro, la squadra di Allegri gioca per troppe volte prima dei suoi concorrenti per il titolo.

Dopo il successo contro il Genoa di ieri sera, è arrivata la risposta di Allegri. In conferenza stampa, il tecnico livornese ha risposto in maniera piccata al collega: «Il calendario? Non è di mia competenza, non sta nemmeno a me replicare a Sarri. L’allenatore del Napoli dovrebbe essere felice per ciò che sta facendo. È primo sta dando vita ad un bel duello provvisorio con la Juventus, in realtà le altre non sono tagliate fuori. Per il calendario ci sono gli organi competenti. Noi quando c’è da giocare, il giorno prima andiamo in ritiro e quello dopo giochiamo».

Le altre competizioni: «E poi si tratta di una questione di tornei. Se sei fuori da Champions e Coppa Italia, giochi dopo. Se sei ancora dentro, giochi prima. Devi giocare prima per forza, noi abbiamo una semifinale di Coppa Italia e un ottavo di Champions. Dobbiamo necessariamente andare in campo prima del Napoli».

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Giulio Valerio Maggioriano 28 gennaio 2018, 16:02

    In un campionato con Milan e Inter forti voi dove sareste? Sei autocontraddittorio, molto divertente da leggere perché finisci col darti torto da solo. Un saluto, buona domenica

  2. caro amico juventino, probabilmente sei di caivano o castellammare. la mia domanda per te e’… ma perche supporti e difendi sul napolista una multinazionale che ha fatto i soldi sulla pelle dei tuoi compaesani trattati come animali nelle fabbriche di torino? e che ora fa i soldi con la finanza? perche vuoi dar il merito a questi sciacalli? perche una cosa e’ tifare una qualunque squadra di calcio, altra e’ prendere inutilmente partito per uun gruppo industriale che non mi pare abbia contribuito seriamente al benessere del paese. tifa juve e basta, senza fare analisi strampalate

  3. infatti la vergogna sta nel fatto che Sarri ha 54 punti senza i soldi di Allegri non che la Juve abbia 53 punti. La vergogna sta nel fatto che Allegri non fara mai 54 a meta stagione con una squadra come il Napoli

    • Giulio Valerio Maggioriano 25 gennaio 2018, 7:11

      Non capisco quale sia la vergogna, perdonami ma la tua spiegazione non ha senso. Al massimo chapeau al Napoli.

      • Bah per me invece non ha senso uno come che te che viene a sfruculiare sul napolista.

  4. Beh considerando che la Juve ha più partite di coppa da giocare negli stessi giorni direi che tutti i torti non li ha

  5. Diego della Vega 23 gennaio 2018, 18:43

    Il problema di Allegri è semplice: se vince lo scudetto ha fatto una cosa ordinaria, con quella squadra che si ritrova lo vincerebbe anche Oronzo Canà. Se non vince sarà distrutto dal suo ambiente. Così come se esce dalla Champions. Allegri è infastidito perché da 1 anno e mezzo parlano solo di Sarri. E a ragione: la sua squadra non ha gioco, a differenza delle grandi squadre che hanno vinto in a Europa come il Milan di Sacchi o il Barça di Guardiola, la sua squadra gioca come il Chievo. Un Chievo pieno zeppo di campioni. E secondo me non è nemmeno colpa sua: quando devi vincere per forza “perché è l’unica cosa che conta” e i tuoi tifosi sono accecati dalla voglia di sentirsi “vincenti” in quanto provenienti da piccole e desolanti realtà del nostro territorio, questo è il risultato. Sacchi o Guardiola non avrebbero mai potuto allenare la Ndranghetus. Sarebbero stati fatti fuori dopo due mesi.

    • Vero Zorro, piccole desolanti realtà calabrecampanesiculepugliesi i suoi tifosi.

  6. Allegri, lo capisco quando a fine gara s’incazza e si toglie la giacca e il cappotto e lo getta a terra. Ma ieri non ci è stato bisogno, ha trovato un Genoa ballardiniano che in 95 Minuti di gioco mai ha oltrepassato la metacampo. Ora mi chiedo, allora avevano ragione i cugini genoani quando per il poco impegno della loro squadra li chiamarono sotto la Curva e gli intimarono di togliersi la maglietta non sudata. hanno ragione, quella maglietta del Genoa porta 9 scudetti e questi di ieri allo stadium non l’hanno onorata. C’è modo e modo di perdere, senza cointare il PAVIDO DI BELLO siciliano che ha arbitrato asenso unico dispensando cartellini gialli 5 solo al Genoa ma come al Genoa? se non ha giocato. C’è qualcosa che non va nel sistema arbitrale italiano. Arbitri sempre più PAVIDI.

  7. Sarri fa bene a rimarcare una volta, ma spero che questo discorso non torni più.
    Per togliere pressione dobbiamo distanziare la Juventus di un altro paio di punti in modo che non possa mai virtualmente superarci, ma al massimo affiancarci. Confido in un Chievo tosto e fortunato la prossima…ovviamente noi pensiamo a battere un Bologna in salute e un Verdi voglioso di far vedere di che pasta è fatto.

    • Diego della Vega 23 gennaio 2018, 18:45

      Secondo me arriveremo alla sosta sotto di loro di due punti. Poi loro avranno un ciclo terribile. Lo scudetto dovremo vincerlo a Torino. Impresa al limite del sovrumano.

      • No meglio essere sempre sopra, come per l’amore. Ricordati TURONE li a Torino. Senza scomodare i Ronaldo e i Muntari……

  8. Ma infatti ,se avesse ascoltato quanto dichiarato da Sarri,avrebbe capito che la contrarietà sul calendario era sulle altre partite non su quelle anticipate per le coppe.

  9. ma a ‘sto incapace (alla benitez) c’è ancora gente che gli dà la parola? Con la rosa che si ritrova già essere a pari punti con il Napoli sarebbe una vergogna incredibile, figuriamoci dietro… stia zitto… che con la squadra che ha 20 allenatori italiani su 20 vincerebbero lo scudetto….

    • Giulio Valerio Maggioriano 23 gennaio 2018, 12:33

      Quindi essere dietro il Napoli è una vergogna?

      • si sei hai il fatturato della tua squadra

        • Da quando scende in campo il fatturato scusa? Seguendo questo ragionamento il Manchester United ed il Real Madrid dovrebbero essere primi a più 50 dalla seconda… nessuna vergogna ma tanti meriti ad una squadra che è prima con 54 punti dopo venti giornate, nonostante sia uscita da tutte le altre competizioni a cui ha preso parte

        • Scusa…. seguendo questo ragionamento il MU ed il Real Madrid dovrebbero avere 20 punti di vantaggio sulle secondo…. invece non sono nemmeno primi o secondi…. invece bisogna fare i complimenti al Napoli, che ha ben 54 punti, nonostante sia uscito da tutte le competizioni escluso il campionato

          • ancora con sta storia del fatturato che non conta? Il MU e il Real Madrid in media vincono di piu del Leganes e del West Ham, punto. E’ innegabile. Il calcio moderno e’ cosi, anzi forse a certi livelli lo e’ sempre stato. Chi ha i soldi, ha strutture migliori e giocatori migliori. La juve vince perche ha piu soldi e perche e’ rimasta l’unica con un potere devastante nella lega. Milan e Inter erano le uniche al livello, ma ora fanno pena. Il discorso bel gioco, entusiasmo etc si potrebbe solo fare se tutte le squadre del campionato partissero dallo stesso livello economico o almeno da una situazione molto piu equilibrata…tipo NBA per intenderci. Ecco perche tutti odiano Sarri, comunque vada, lui e il Napoli hanno gia vinto.

          • Su questo posso darti ragione… ma di sicuro non è l’unica cosa che conta… e comunque il Napoli ha/avrebbe mezzi economici comunque importanti, tali da poterlo rendere un serio competitor per il campionato!! Insomma non è che il Napoli sia proprio povero o senza potere ecco… inoltre aver un grande fatturato è anche segno di lungimiranza ed ottimo lavoro svolto dal management aziendale

          • Mario Pansera 25 gennaio 2018, 0:51

            si certo grande lavoro di casa agnelli.. ma fammi il piacere

    • tranne Sarri che è stato esonerato da tutti prima di avere una botta di culo a Napoli(dove comunque ha visto vincere)

    • Anche il ciabattino alla rubevincerebbe con aiuti e …altro. Ormai ciabattino, figura artigianale quasi sparita. Allegri? non rispondiamogli non merita risposte un emerito….

Comments are closed.