Il mercato del Napoli, ovvero “squadra che arriva terza non si cambia”

Né con Sarri né con De Laurentiis. Fabio Avallone è il Giddens del Napolista, vara la terza via e dà ragione a Sacchi

Il mercato del Napoli, ovvero “squadra che arriva terza non si cambia”

Il mercato soporifero

Le previsioni del tempo parlano dell’avvento di Lucifero, l’anticiclone che sta portando un caldo torrido su tutta la penisola, ma da tifoso del Napoli sono più preoccupato dell’avvento di Morfeo, il Dio del sonno.

Il mercato di quest’anno, infatti, è (almeno sino a questo momento) soporifero, senza tormentoni, senza sogni di nuovi acquisti e senza incubi di cessioni. Sarri sul finire dello scorso campionato rivelò alla stampa di aver fatto alla società una sola richiesta: la conferma in blocco della squadra. De Laurentiis lo ha accontentato al 100%. Da Napoli non si muove nessuno e, come corollario, a Napoli non arriva nessuno (dove per “nessuno” intendo nessun giocatore in grado di innalzare il livello della squadra).
Massimiliano Gallo, in un pezzo un po’ provocatorio, si è augurato che sul Napoli si abbatta il ciclone di Mino Raiola, il re dei trasferimenti contestati. Una linea confermata anche in altri articoli apparsi sul Napolista (quello sul Liverpool, per esempio), anche se non manca (come sempre su questa testata) chi la pensa diversamente.

Ha ragione Sacchi

Io non mi schiero con nessuna delle due fazioni. Mi limito ad evidenziare qualche incongruenza che riscontro sia in chi è felice del mercato conservativo (e addirittura si spinge a pensare che questo sia l’anno buono), sia in chi indica nelle cessioni dei grandi club l’esempio da seguire. Partirò dal fatto che reputo insensata la richiesta di Sarri di confermare in blocco la squadra.
Per carità, la squadra gioca bene, siamo usciti sconfitti contro fior di avversari a testa alta, ci divertiamo a guardare i video di Super Sarri Bros e a contare il numero di passaggi consecutivi che finiscono con una marcatura. Ma siamo arrivati terzi in campionato, usciti in semifinale di Coppa Italia e agli ottavi di Champions League. Alcuni dei nostri giocatori più forti sono abbastanza avanti con gli anni (Hamsik, Mertens e Callejon hanno 30 anni, Reina ne ha 34, Albiol 31) e se riusciamo a tenere bassa la media è solo grazie agli acquisti che abbiamo effettuato con i soldi di Higuain. Non chiedere forze nuove, in queste condizioni, sembra il rovesciamento del mantra “squadra che vince non si cambia”.
Il Napoli 2016/17 ha giocato a tratti benissimo, ma non era una squadra vincente. Come ha giustamente sottolineato Sacchi in una recente intervista, cosa spinge, razionalmente parlando, a credere che la stessa rosa dell’anno scorso (un anno più vecchia) possa trasformarsi in vincente? Per quale motivo, in un campionato che si annuncia più competitivo dello scorso, il Napoli dovrebbe aver colmato il gap con Juventus e Roma (per tacere del Milan e dell’Inter che allo stato sono un’incognita)?
Si tratta di un ragionamento che non sta in piedi. Come non sta in piedi il desiderio di non cedere nessuno quando proprio dalla cessione eccellente di Higuain è nata la squadra che oggi si vuole conservare.

Facciamo cherry picking

Delle due l’una:
a) il Napoli dello scorso anno è più forte di quello con Higuain, quindi la strategia di vendere un pezzo importante per rinnovare la rosa è vincente e bisognerebbe augurarsi che Insigne o Hamsik – che però non ha mercato – vadano al Barcelona per tentare di crescere ancora;
b) il Napoli dello scorso anno si è indebolito rispetto a quello con Higuain, quindi non ha senso chiederne la conferma in blocco o, almeno, chiedere la conferma e contemporaneamente credere che sia l’anno buono.
Dall’altro lato non mi convince il ragionamento di chi vede nelle cessioni di Bonucci e Coutinho (e Neymar?) il modello da seguire. Se guardiamo alle strategie complessive dei grandi club e ci concentriamo solo sulle cessioni, facciamo cherry picking, ovvero prendiamo solo la parte del discorso che ci conviene.
Lo abbiamo già detto molte volte, il Napoli attualmente è una società che può contare esclusivamente sul proprio parco giocatori. Non abbiamo strutture, non abbiamo una società all’altezza, non abbiamo un settore giovanile, non abbiamo prospettive di lungo periodo.

Non siamo né l’Udinese né il Liverpool

Paragonare il Napoli al Liverpool è insensato. I Reds fatturano 3 volte il Napoli, giocano in Premier League, hanno una struttura societaria che non possiamo nemmeno sognare. Dunque a che pro paragonarli agli azzurri? Lo stesso discorso vale per gli altri grandi club coinvolti nelle grandi trattative di questa estate.
Il Napoli non è di quella categoria e con tutta probabilità non lo sarà mai. Da questo postulato nasce il corollario che gli obiettivi degli azzurri sono giocoforza diversi. Mai e poi mai (a condizioni immutate) potremo presentarci ai nastri di partenza con il ruolo di favoriti. Ciò non implica che la vittoria ci sia preclusa, ma se dovesse avvenire sarebbe perché si è riusciti a sovvertire l’ordine naturale delle cose. Sarebbe una vittoria come quella del Leicester o, per rispolverare qualche precedente italiano, come quelle del Verona e del Cagliari.
Il Napoli non può, a meno di follie in questo momento inimmaginabili, ambire al ruolo di favorita. Può cercare di rimanere nella parte alta della classifica, puntando ad una qualificazione Champions, ad aggiungere qualche Coppa Italia alla propria bacheca, sperando che un giorno gli astri si allineino e giunga la vittoria inaspettata.

La consapevolezza di De Laurentiis

Anticipo il commento che più volte segue queste considerazioni: siamo dunque l’Udinese del Sud? La risposta è no. L’Udinese ha un’altra ragion d’essere. Fa parte di un sistema internazionale di squadre che la famiglia Pozzo ha messo su allo scopo di far girare e vendere giocatori di belle speranze. Il risultato sportivo non interessa all’Udinese ed una stagione può dirsi vincente o meno non in base al piazzamento in campionato, ma in base alle richieste che pervengono alla società a fine campionato. Il Napoli non c’entra nulla con tutto questo.
Il primo ad esserne consapevole, naturalmente, è il Presidente De Laurentiis: «Chi dice che siamo favoriti lo fa soltanto per metterci pressione. Prima o poi lo vinceremo, meglio prima ovviamente che poi… ma poi andrebbe bene». Prima o poi, appunto, senza che ciò sia programmabile.
ilnapolista © riproduzione riservata
  1. “Squadra che arriva terza non si tocca” è una contraddizione in termini.
    Se è arrivata terza, significa che aveva bisogno di qualche rinforzo. Cosa che secondo me non è stata fatta, e non credo che miriamo a un altro terzo posto….

  2. Gianni Staiano 2 Agosto 2017, 14:11

    io condivido senza problemi l’analisi di avallone. la mia previsione è che ci contenderemo il terzo posto con roma milan ed inter. ci risentiamo a fine maggio … (sic!)

  3. Alfonso De Vito 2 Agosto 2017, 10:46

    d’accordo con le premesse non con la conclusione. Se le tue premesse sono condivisibili allora vuol dire che con questo mercato ADL ha rinunciato all’idea di competere per il prossimo campionato non rinforzando la squadra

  4. stevm scarz a fetient…….

  5. Franco Sisto 1 Agosto 2017, 17:47

    Continuo a ripetere la stessa cosa, a costo di fare una bella figura di cioccolata, tutti aspettiamo Mertens, giustamente, ma vi raccomando Milik, sarà il suo anno, e carico e forte, praticamente un nuovo acquisto , molto sottovalutato.

  6. Insomma ecco come si comportano i PAPPA BOYS.
    IN MANCANZA DI ARGOMENTI O TROLLANO O TI SBATTONO FUORI DAL SITO SITO.
    Adesso bannami sto ceppo .
    Pagliacci!
    Alla prossima oggi ho priatorio abbastanza https://uploads.disquscdn.com/images/1f40abcc4dbf22d9045c94791054d1702a8124dfc32d412357497683817eaed5.jpg

  7. Ho sempre detestato ADL. Sia umanamente che come stile di conduzione del Napoli. L’ho sempre trovato inadeguato, accentratore, furbo, spilorcio, approfittatore, portatore di secondi fini e interessi un po’ biechi. Per non parlare del lato umano sbruffone, narcisista, egocentrico, pacchiano e via dicendo.
    In tutto o in parte ho conservato la mia opinione non proprio costruttiva sul suo conto, ma a furia di leggere certa gente e certi commenti qua sopra mi è diventato quasi simpatico e ho rivalutato anche le sue abilità e le sue intenzioni come presidente del Napoli.
    Certa gente se meriterebbe Preziosi, Zamparini o Cellino.

    • Invece a leggete voi nel corso del tempo mi viene una nausea solo a guardarlo!

    • Chiunque sia stato a rispondermi sappia che non dialogo coi roditori, è già stato bloccato per tempo.

    • Io certe volte lo vorrei prendere a schiaffoni forti, ma a schiaffoni ancora più forti quelli che dicono meglio il fallimento, loro si che si meriterebbero un Tanzi o un Gaucci qualsiasi.

  8. Sarri: lo scudetto in base al nostro mercato…a quello delle altre… e a dove siamo arrivati l’anno scorso….

    E UNA C@ZZATA. Fatevene una ragione.

    Ah dimenticavo del ban dei Pappa Boys mi pulisco il c.u.l.o

  9. Franco Sisto 1 Agosto 2017, 16:23

    Ma dai, a leggere te e Sacchi sembra che il Napoli abbia tutti giocatori di serie C, mentre gli altri tutti toppp plaierrrr
    La squadra non e cambiata semplice cemento perché da dicembre un più ha fatto più punti di tutti, più goal di tutti, giocato meglio di tutti, ed arrivata 5 punti dalla vetta, un po’ perché dopo la partenza di Higuain si è infortunato Milik (quando eravamo in testa, non dimentichiamolo), un po perché oggettivamente, e senza voler fare vittimismo, ci sono stati tolti almeno 4 punti con decisione al limite dello scandalo.
    Ecco, si e riconfermata in blocco la squadra che “da dicembre in poi ha vinto lo scudetto”, ed in più si sono inseriti un paio di eventi funzionali al gioco della squadra.
    Ho avreste preferito che si facesse come la Roma, che dopo essere arrivata (sic!) Seconda, ha smantellato la squadra?

  10. Tempo fa su un’altro sito dissi:
    Scommettiamo che alla fine spacceranno Mertens e Insigne per nuovi acquisti?
    Infatti è diventato il nuovo mantra 😀

    • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:23

      No, i nuovi acquisti saranno Milik (per ovvie ragioni), Ounas, Mario Rui e in parte quelli che sono arrivati lo scorso anno a campionato in corso.

      • .Non basta la difesa va rifatta.
        Hai sentito Sarri?

        • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:46

          Certo, ha detto che non partiamo per vincere lo scudetto e lo sappiamo tutti.
          Albiol ha parlato di 90 punti come quota da raggiungere: bastera’? Non si sa, Vediamo di farli e vediamo che succede.

          • Mentre il tuo pagliaccio romano ci parla di scudetto senza prendere a nessuno con le casse piene di $$!

  11. Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:13

    Allo stato attuale, la vittoria del Napoli in campionato ha una quotazione per i bookmakers della meta’ rispetto allo scorso anno. La Juve e’ sempre lontanissima, ma noi ci siamo avvicinati.
    Quindi, per i professionisti di quel settore abbiamo eccome ridotto il gap.

    • Vorrei solo precisare che i bookmakers non sono un termometro indicativo riguardo praticamente nulla. Le quote si assestano in base alle puntate, quindi ti possono servire solo a capire qual è la percezione generale. Ovviamente quest’anno tra la conferma di tutti i titolari, il famigerato “patto scudetto”, le esternazioni di molti giocatori che dicono di voler puntare allo scudetto, in molti si son fatti influenzare e hanno cominciato a puntare sul Napoli. Da cui le quote. Ma non è che i bookies facciano previsioni tecniche eh, non caschiamoci anche noi.

      • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:19

        Vero, ma queste quote erano date come iniziali, cioe’ all’ apertura delle campagne di scommesse. Ovviamente cambieranno in base ai flussi e al mercato, ma quelle iniziali erano fissate cosi’.
        Piuttosto, mi fa ridere quella su Benitez: se viene esonerato anche quest’anno, prevedo suicidi di massa in redazione… 🙂

    • Ah si eccome?
      Con la stessa formazione dell’anno scorso?
      Intanto le altre si sono pure rinforzate e noi no.

      • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:19

        Chiedilo a loro, oggi mi sono stancato di risponderti caro Napule’.

        • Morto un Papa se ne fa un altro pagliaccio.
          Tu è la redazione che ti supporta

          • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:23

            Non e’ la mia, e’ del sito, io sono un utente come tanti altri.

          • Hanno bannato Luis Napule’ dopo che da giorni siamo stati insultati su tutto il blog.
            Contento pagliaccio?

          • Che fa, tanto puoi creare altri nick oltre a questi 3 (anzi 4, aggiungo fimarciano) e continuare ad usare male la libertà di parola come stai facendo ora. Ah, giusto per la cronaca, tra libertà di parola e libertà di idiozia c’è differenza, la seconda non è sancita dalla costituzione, spiace per te e le tue altre personalità.

          • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:32

            Mi fai onestamente una pena infinita.

          • Tu invece mi fai ?

          • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:38

            Ah, ecco lo stile di papponis.
            Mi raccomando, dopo fatti il bidet.

          • Questo è il livello a cui mi ha portato sto sito di ?

          • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:48

            E non venirci, non ti obbliga nessuno.

          • No mi imcazzo ancora di più sopratutto se da mesi vegono SISTEMATICAMENTE BANNATI TUTTI I PIÙ ACCESI CONTESTATORI DEL PAPPONE ROMANO!
            Pagliaccio!

          • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:58

            Sai cosa c’ e’ di divertente?
            Che io sono stato chiamato “papponista” da diversi utenti, perche’ ho criticato De Laurentiis in tantissimi post, ma nessuno mi ha mai bannato.
            Piuttosto sei stato bannato tu diverse volte con diversi nick, e non perche’ sei contro De Laurentiis, ma perche’ non apporti nessun contributo di alcun valore alle varie discussioni, e rovini anche graficamente queste pagine.
            E’ facile da capire: sei come quello che va contromano in autostrada e accusa tutti gli altri di andare controsenso.

          • Tu non sai un AZZO allora taci!!
            Qui è da mesi che hanno già bannato una marea di utenti di cui molti miei amici del mio blog pagliaccio!
            E GUARDA CASO TUTTI ANTI ADL!

          • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 17:08

            Vedi, uno che scrive in maiuscolo, dice parolacce e offende viene bannato per come scrive, non per quello che scrive.
            sei sprovvisto di educazione e anche intelligenza, ma se la mancanza della seconda non e’ motivo di espulsione da un sito, quella della prima si.

          • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:30

            Bello che ti dai del pagliaccio da solo… Un lapsus freudiano niente male.

    • Ciccio Bomba 1 Agosto 2017, 16:51

      il gap, sulla carta, è ridotto. la juve è passata da 1.70 a 1.80. il napoli da 6 a 4.50. la roma da 6 a 10. il milan da 20 a 6. poi, è naturale, si parla solo sulla carta. magari poi la juve stravince nuovamente e amen.

  12. non so perchè ma mi fido più di sarri che dell’articolista!

  13. CorSera – Il Napoli ha incassato 65mln dalla Champions, 15 in meno del Real campione!

    E nonostante questo il nostro mercato è praticamente NULLO

  14. Guga Stimolo 1 Agosto 2017, 15:35

    Ottimismo e pessimismo dipendono molto dalla conoscenza di Sarri e del suo gioco….rispetto all’anno scorso zielinsky, diawara, rog, milik, maksimovic, hanno avuto l’opportunità di assimilare meglio il manuale NASA sarriano e lo stesso Sarri di conoscerli meglio….l’anno scorso Milik è stato fuori 4 mesi (+ 2 di convalescenza sul campo) e si sono persi punti in 9 partite nel mentre che Mertens si scatenasse…..qls nuovo acquisto che nn sia Cr7 o Neymar (fuori dalla ns portata come tanti altri) si farebbe una bella panchina (non si sa x quanto tempo) per assimilare il manuale Nasa Sarriano….il terzo anno è sempre stato profetizzato dal ragioniere come quello dove poter raggiungere il livello più alto di sviluppo del suo gioco da parte della squadra…..tutto ciò mi porta ad essere ottimista…

    • Manuale NASA!!!
      Ahahah! mi hai fatto morire dal ridere ed hai centrato in pieno il punto.
      Anche io penso che abbiamo almeno 3 nuovi acquisti (Milik, Rog, Maksi), piu’ Rui e Ounas.

      • Rui che peraltro ha avuto già modo di assimilarlo, il Manuale NASA e Ounas che essendo giovane e plasmabile ed essendosi fatto il ritiro dovrebbe metterci poco ad impararlo per bene, già ha dato ottimi segnali in ritiro (in più pare che già cominci a masticare l’italiano e dimostra molta voglia e molto impegno)

        • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 15:40

          Che peraltro Zielinski e Milik avevano imparato gia’ l’ anno scorso.
          E’ cosi’ difficile capire che il ritiro non e’ una scampagnata, ma il momento in cui si mettono le basi per tutta la stagione, fisicamente e tatticamente?
          Mi ricordo di quando si disse: Gagliardini e’ arrivato all’ Inter e gia’ gicoa! E infatti l’Inter giocava male e ha finito peggio…

          • Guga Stimolo 1 Agosto 2017, 15:43

            mi sembra che nessuno dei nuovi acquisti dell’anno scorso aveva fatto il ritiro….

          • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 15:44

            Milik e Zielinski si, anche Tonelli e Giaccherini, ma da infortunati.
            Rod, Diawara, Maksimovic e Pavoletti no.

          • Guga Stimolo 1 Agosto 2017, 15:47

            controlla meglio…zielinsky e milik sono stati acquistati ad agosto…i ritiri finiscono di solito a luglio…tonelli e jack si ma come hai detto tu erano infortunati

          • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 15:50

            Hai ragione, ho controllato, avevano fatto il precampionato, non il ritiro, intendevo comunque la fase di preparazione.
            Gli altri neanche quella.

  15. Gino Di Costanzo Pitture 1 Agosto 2017, 15:29

    Il “gap con la Roma” … 😀 … ma quale gap? una squadra che ha quasi battuto il record di rigori a favore di cui la metà inesistenti e un altro quarto dubbi… beneficiata in maniera vergognosa dalla Juve di Buffon nel ritorno a Roma… una squadra che sarebbe certamente fallita se…. Nemmeno terza doveva arrivare quest’anno… il gap…

  16. Alberto De Rosa 1 Agosto 2017, 15:28

    Mi soffermo sulle considerazione circa il fatto che Il Napoli non può fare parte dell’elite europea, tipo Liverpool. Il motivo è uno. La SSC Napoli si appoggia ad un unico uomo che la gestisce, finanzia e ci mangia pure (giustamente) sopra. Noi siamo ancora agli anni 90′ per intenderci mentre le grandi squadre sono da tempo in mano a grandi investitori e potenti oppure arabi con risorse illimitate (un discorso a parte sono le spagnole, visto che il RM e il Barca sono vere e proprie rappresentative della regione e non della città e L’Atletico è una succursale dei procuratore specializzati in TPO più o meno mascherati).Questo gap non potrà essere mai colmato ecco perché ADL dice prima o poi vinceremo lo scudetto. Sa benissimo che non dipende da lui ma dalle condizioni esterne. Il fatto che si appella alla scaramanzia (nun’ fat e secc’) per respingere i presunti favori del pronostico è ancora più ridicolo. Mi spiace ma questo modo di fare non mi convince; anzi, mi fa veramente girare le palle (scusate l’eufemismo). Ma quale società può andare avanti senza un progetto vincente e senza programmare il salto di qualità o migliorare le infrastrutture, il settore giovanile, la comunicazione ecc. ? Non vorrei passare per pessimista ma la squadra andava sicuramente rinforzata con un giocatore abituato a vincere anche se non più di primo pelo. Per questioni economiche, di ingaggio e di equilibri di spogliatoio non si è fatto e non si farà. Allo stato attuale, partiamo indietro poi si vedrà se riusciranno i nuovi (Milik, Rog, Diawara, Zelinski), specie se più impiegati. a dare di più dell’anno scorso.

    • Quoto. La squadra andava rinforzata con dei giocatori abituati a vincere

    • Ciccio Bomba 1 Agosto 2017, 15:38

      Resta il dato di fatto che questo sia il napoli migliore della storia, fatta eccezione per quello maradoniano che però ci è anche costato il fallimento.

      • Raffaele Sannino 1 Agosto 2017, 19:44

        Come confutare un papiello con due righe.Condivido totalmente..

        • Alberto De Rosa 1 Agosto 2017, 20:18

          Mi spiace se Ti ho costretto a leggerlo tutto…sarò più conciso la prossima volta.

      • Alberto De Rosa 1 Agosto 2017, 20:14

        Che ti devo dire…aggrappiamoci ai ricordi.

        • Ciccio Bomba 2 Agosto 2017, 8:39

          ricordi? io sto parlando di questo napoli, quello presenet. è questo ad essere il migliore della storia.

  17. Mi chiedo con questo mercato se così si può chiamare, ADL come si permette di parlarci di scudetto??

    • Giacomo Molea 1 Agosto 2017, 16:04

      infatti nn ne parla, dici prima o poi lo vinceremo, meglio prima che poi

  18. Insomma qui si passa allegramente dal “siamo una pippa” al “siamo i favoriti per lo scudetto”. Ah… se non ci fossimo noi utenti a tenere giornalisti e blogger con i piedi per terra!

  19. Nel frattempo di là leggevo che ci sono più di 300 mil di fatturato?
    Ebbene il nostro presidente nel frattempo che fa?
    Si conta i soldi??

    • Ciccio Bomba 1 Agosto 2017, 15:16

      ciao luis05 alias napulè alias partenopeo alias bipolare/tripolare/multipolare. ciao e addio.

      • Sono stati bannati entrambi e adesso ci sono io.
        Questo per chi legge per evidenziare ancora una volta come viene gestito questo sito.
        Ebbene dopo giorni di insulti solo perché esprimevano un loro pensiero, giusto o sbagliato che sia, SONO STATI BANNATI.

        Ovviamente chi ha insultato continua a scrivere qua.

        Pazienza morto un Papa se ne fa un altro..
        Un saluto agli amici LUIS e NAPULE’.

        • Spe’ che blocco pure te…

        • Che fai, ti autosaluti? Stai facendo ad autogara a quanto poco riesci a far durare un nick? Ma poi ti fai pure gli autoapplausi la notte, mentre ti autodici quanto sei fico?

    • più di 300? se cosi fosse è al lordo delle plusvalenze.

    • Hai letto male, sono 300 milioni di orsetti gommosi alla liquirizia.

  20. Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 15:11

    Stavo scrivendo cosa non mi trovasse d’accordo, ma ci hanno pensato gia’ tanti altri utenti…

    • Giacomo Molea 1 Agosto 2017, 16:00

      hahaha grazie x avermi citato, fa sempre un certo effetto leggere il mio nome, e’ si, bisogna puntare a trasformare due pareggi in due vittorie e arrivare a 90, poi e’ chiaro che se la rubentus continuera’ a vincerle tutte in casa grazie anche agli arbitri nn ce storia, ne faranno uno in piu’ sicuro

  21. l´analisi é mal fatta e molto molto parziale: si dice che la rosa é un anno piú vecchia, VERISSIMO ! ma un anno piu vecchia quando di anni ne hai 20-25 é un valore aggiunto non un valore in meno;
    non per essere troppo ottimista ma Reina é un portiere e Buffon ha 38 anni perció non cambia molto un anno in piu o in meno, Albiol ne ha 31 l´etá forse migliore per un difensore, Hamsik ne ha 30 é nel pieno della carriera e in piú ha il fisico alla Hamsik mica alla Higuain, é sempre stato professionista e ben allenato. Hysaj Jorginho Ghoulam Insigne Allan entrano anagraficamente parlando nell´etá piú matura per un calciatore di calcio, Mertens ha appena compiuto 30 anni e ha vissuto la migliore stagione della carriera, Zielinski Diawara Rog sono giocatori che stanno da un anno con Sarri e soprattutto sono nella fascia di etá in cui un anno in piú é meglio che un anno in meno. Callejon: ha fisico e polmoni che a volte nemmeno gente di 20 anni. Ounas giovane e forte ne vogliamo parlare? ha 20 anni, Pavoletti non ha infortuni come l anno scorso al pari di Maksimovic, Milik ne vogliamo parlare? é un giovane ma ha carattere da vendere e la sfortuna dell´infortunio dalla sua, queste cose a livello cartteriale temprano e fanno crescere ancora di piú; poi possiamo obiettare che sul mercato si poteva/doveva fare di piú ma é da FOLLI e incompetenti dire che l´anno in piú pesa sul napoli, forse tra tutte le squadre della serie a quella che si giova di un anno in piú é proprio il napoli e non solo per motivi anagrafici ma anche perché é una squadra che gioca secondo uno schema preciso e definito senza lasciare ai singoli l iniziativa e questo ha bisogno di amalgama e tempo.. poi la decisione di non cambiare é scaturita dal gruppo dall allenatore in primis.

  22. Squadra che arrivare terza non si cambia.
    Allora la Juve che lo fa da 6 anni arrivando prima sono fessi?
    Ma che discorsi sono?
    Comunque il nostro mercato al momento è deludente. Se così si può chiamare

  23. Ciccio Bomba 1 Agosto 2017, 15:02

    Sinceramente trovo quest’analisi per nulla condivisibile per diversi motivi:
    1. il paragone tra napoli con il verona e il cagliari è impietoso e non sta in piedi sotto alcun punto di vista: sportivo, economico, geopolitico, storico. sembra fatto da un qualsiasi troll juventino.
    2. si parla di gap con juve e roma. con la roma non c’è alcun gap. a meno che non si voglia intendere un gol al 94esimo dell’ultima partita un gap.
    3. il gap con la juve si è ridotto – all ostato attuale – perchè sulla carta la juve è meno forte dell’anno scorso mentre il napoli è almeno uguale. stesso discorso per la roma che si è indebolita (fermo restando che con la roma non vi è alcun gap).
    4. il napoli ha un milik in più rispetto all’anno precedente.
    5. l’età dei senatori. reina ha 34 anni, ma è un portiere. buffon ne ha 40… gli altri giocatori possono essere al top per almeno altri tre anni. nel frattempo si cercano già sostituti all’altezza. zielinki per hamsik già c’è. ounas si vedrà. rog si vedrà. milik per mertens gia c’è se mertens è punta. se non lo è, c’è insigne…

    insomma, analisi veramente superficiale.

    • punto 2 consentimi la roma non aveva nemmeno la champions da giocare ed é dovuta andare avanti a rigori… ah la roma riparte da di francesco che non ha esperienza e manca di RÜDIGER SALAH E SCZECZNY

      • Ciccio Bomba 1 Agosto 2017, 15:10

        infatti. mi sono limitato solo a confutare la premessa: fra roma e napoli, risultati e classifica alla mano, non c’è alcun gap.

      • Jacopo Carrucci 1 Agosto 2017, 16:30

        SOno fantastici i contro-articoli sotto gli articoli del Napolista, che raccolgono anche più consensi perchè sono sempre pro status quo, quindi perfetti per la curva ma ben poco giornalistici

        • Ciccio Bomba 1 Agosto 2017, 16:41

          complimenti per l’accurata disamina. magari se oltre a sparar sentenze le argomentassi anche, potremmo anche discuterne.

          • Jacopo Carrucci 1 Agosto 2017, 16:46

            Concordo con l’articolo, ecco la mia argomentazione. DeLa ci ha fatti fessi e contenti con la storia del bel gioco, la squadra più bella ecc.

          • Ciccio Bomba 1 Agosto 2017, 16:48

            io ho confutato tutte le tesi dell’articolo. se vuoi avere una discussione elevata, devi confutare i miei punti. anche se, leggendo la tua seconda frase, si è già capito il tuo livello di analisi dove arriva. zero.

          • Jacopo Carrucci 1 Agosto 2017, 16:52

            Fessi, amico mio. Ci ha fatti fessi.

          • Ciccio Bomba 1 Agosto 2017, 16:57

            beh, mi hai convinto. grande.

          • Le discussioni mature e argomentate sono il pane di questo sito a quanto pare.

          • Purtroppo trovi ovunque persone che parlano per sentito dire o giusto per fare i bastian contrari

          • Quindi nella seconda metà della stagione non abbiamo fatto più punti di tutti, non ci sono giocatori come Maksimovic, Milik e Rog che raramente hanno visto il campo e sono quasi nuovi acquisti, non siamo arrivati dietro di 5 punti alla squadra più forte del campionato avendo avuto i soliti arbitraggi “discutibili”, non siamo arrivati ad 1 punto dalla squadra con probabilmente il record di rigori inesistenti in serie A in una stagione, non abbiamo subito l’infortunio del nostro attaccante principale? Hai ragione, tutto questo è un film di De Laurentis, il migliore della sua carriera devo dire, in realtà il Napoli è una pessima squadra e arriverà di sicuro non oltre il quinto posto. Ok.

            P.S. Giusto per, pensa se alla scolorita si fosse rotto Higuain e avessero scoperto che come Gabbiadini per noi Mandzukic non fosse adatto a giocare e avessero avuto unica punta disponibile Dybala tutto l’anno, magari sarebbero arrivati 10 punti dietro di noi. Al mio paese che sia accaduto a noi e non a loro si chiama sfortuna. Quest’anno abbiamo tutti a disposizione, non vinciamo di sicuro che di sicuro c’è solo la morte, ma di certo ce la giochiamo come ce la siamo giocata l’anno scorso senza demeritare niente.

          • Ciccio Bomba 1 Agosto 2017, 17:06

            Credo si debba lasciar perdere. il caro carrucci non è uno sprovveduto. ho letto altri suoi commenti. tuttavia credo si interessi più degli aspetti politici e sociali e, probabilmente, vede il “tifoso” napoletano come una persona dotata di poca ragionevolezza e non illuminata come lui che, dall’alto verso il basso, si complimenta con il napolista per l’abilità nel catturare consensi ma ancor di più dissensi.

          • Jacopo Carrucci 1 Agosto 2017, 17:06

            Il what if è un gran bel gioco, lo ammetto. In quello abbiamo 16 scudetti e una manciata di coppe europee (e zero infortunati, è chiaro)

          • Tra “l’abbiamo vinto un paio di coppe ci giochiamo lo scudetto grande De Laurentis che ci hai salvato dal fallimento” e il “non abbiamo fatto mercato non abbiamo vinto un ca$$o De Laurentis ci ha fatto fessi” ci sono almeno un paio di migliaia di sfumature di realtà, ragionevolezza e, soprattutto, capacità di argomentare.

          • Jacopo Carrucci 1 Agosto 2017, 17:17

            alt. Non dico ‘non vinceremo nulla’ solo mi meraviglio, e tanto, della vostra straordinaria apertura di credito a DeLa, che ha capito che meno fa meno sbaglia

          • Se giudichi solo in base al mercato di quest’anno, terzino destro a parte (il portiere non lo conto solo perché bene o male siamo coperti, sarà l’anno prossimo il vero problema), la squadra è rimasta la stessa le cui prestazioni puoi leggere nel mio post sopra, e mi sembra quantomeno una buona base di partenza per una stagione nella quale ce la possiamo ragionevolmente giocare. Quindi la mia apertura di credito è verso la squadra ed al massimo verso Sarri, anche se sinceramente non me la sento di mettere la croce addosso a De Laurentis (o Giuntoli), la priorità era trattenere i migliori e per farlo si è aumentato non poco il monte ingaggi e non era scontato, basta un attimo a smobilitare, vedi Roma. Poi se, come altri qui, vedi nel sostanziale ed innegabile immobilismo sul mercato un déjà vu del secondo mercato fatto per Benitez che dire, lì si che ho criticato e aspramente De Laurentis, ma non mi pare affatto ci sia mossi in quel modo, al netto del valore della rosa che non mi sembra proprio lo stesso. Quindi sinceramente l’affermazione secondo la quale De Laurentis che ci avrebbe fatto fessi non mi trova affatto d’accordo.

          • Raffaele Sannino 1 Agosto 2017, 18:43

            Ciccio,non farti irretire,questo è sempre lui in uno dei suoi 100 nick.

    • Unica obiezione da parte mia: non capisco perché si veda la Juve meno forte dell’anno scorso…

      • Ciccio Bomba 1 Agosto 2017, 15:34

        perchè se da un lato ha “infoltito” il reparto d’attacco, dall’altro ha perso il leader del pacchetto arretrato che era la vera differenza rispetto alle altre.

        • Sono un po’ scettico su questo punto. Non si discute la personalità ed il talento di Bonucci, sia chiaro. Ma è altrettanto chiaro come fosse un elemento destabilizzante per lo spogliatoio e per l’allenatore. Ora non è possibile fare un calcolo comparato tra costi e benefici a livello di personalità e di leaderismo, ma di certo a livello tecnico conoscendoli un qualcosa si inventeranno, troveranno un sostituto degno. Temo che al contrario quest’anno siano ancora più forti

          • Ciccio Bomba 1 Agosto 2017, 15:39

            è possibile. però i nostri ragionamenti attuali sono “sulla carta” e al netto dei possibili acquisti da qui al 31 agosto. e alla luce di queste due premesse, mi sembra oggettivo che la juve sia più debole.

        • Io dico che Kedhira quest’anno torna a spaccarsi ogni due per tre come in precedenza.
          Poi vediamo chi giochera’ nei 2 di centrocampo

          • lì un acquisto pesante lo faranno a breve…che sia Matuidi, N’zonzi o chi per loro credo che faranno lì il loro investimento più importante di quest’anno

          • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 15:54

            Penso anche io.. Ma magari perdono Dybala! 🙂

          • Dybala non apporta nulla né toglie nulla alla juve. Dybala è un prodotto mediatico.

          • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:00

            Onestamente non sono d’ accordo: ha un’ immagine superiore al valore, ma il giocatore e’ forte.

          • Insigne è di gran lunga più forte!

          • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:03

            Vero, ma il fatto che Insigne sia piu’ forte non vuol dire che Dybala non abbia la sua importanza nel gioco della Juve.
            Parlavo di lui perche’ insieme ad Alex Sandro (quando lo prende il Chelsea?) mi sembrano quelli che possono partire.
            Purtroppo Higuain non lo puo’ prendere nessuno all’ estero…

          • Purtroppo resta lui il punto forte della juve: Gonzalo è il 9 più forte del mondo.

          • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:06

            Almeno insieme a Lewandosky e Suarez.

          • Perfettamente d’accordo. Un fenomeno da baraccone pompato all’eccesso dai media servili e lecchini. Per carità, un buon giocatore con qualche buon numero. Ma non è uno che sposta gli equilibri.

          • Perfettamente d’accordo: un Balotelli qualsiasi!

      • Franco Sisto 1 Agosto 2017, 17:41

        Perché ha perso Bonucci e Dani Alves, e Buffon , Barzagli e Chiellini che hanno un anno in più sul groppone (gli ultimi 2 anche piuttosto ammaccati fisicamente), che alla loro età è molto.

    • dino ricciardi 1 Agosto 2017, 15:34

      Bravo ciccio,condivido tutto.
      mi permetto di aggiungere che oltre a Milik abbiamo altri due nuovi acquisti maxi e Tonelli.
      E finalmente un centrocampo a regime con l’inserimento quasi completo di Rog,Diawara,Zielinski.
      Si analisi decisamente superficiale .

    • La cosa di Milik in più è assolutamente vera. La questione terzino destro, sollevata dal Napolista è però un dato di fatto. E, a titolo strettamente personale, trovo la perdita di Strinic rilevante, un giocatore di qualità. Non conoscendo per nulla Mario Rui non so dire se ci perderemo o ci guadagneremo, spero nella seconda of course. Però, in generale, penso che l’articolo non consideri la questione “gioco di Sarri”, con un Napoli ormai cintura nera negli schemi del proprio allenatore. Magari riuscissero ad “ingarrare” anche con i calci piazzati ne vedremmo delle belle.

      • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:35

        Piu’ che altro dobbiamo ingarrare i corner, perche’ sulle punizioni tra Insigne e Mertens siamo coperti.
        Basta che non tira Ghoulam! 🙂

        • Io voglio beccare quello che ha fatto nascere il mito di Ghoulam tiratore di punizioni e cercare di capire quali sostanze avesse assunto.

          • Piccinini prima e Caressa poi.

          • Chiaro, vino rosso.

          • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 16:50

            Sai, a volte basta una accadimento fortunoso e nascono le leggende.
            Ricordo quando Gargano azzecco’ due gol di seguito contro la Roma e la Juve, e ogni volta che si avvicinava all’ area di rigore il telecronista di turno diceva”attenzione, e’ un gran tiratore dalla distanza!
            Ovviamente poi non azzecco’ piu’ un tiro…

          • Colpa della traversa colpita contro la Juve con deviazione di Buffon. Mai più rivista nei tentativi successivi.

          • Filippo Santucci de Magistris 1 Agosto 2017, 22:02

            Un gol in coppa d’africa. Uno.

      • Anche a me dispiace per Strinic, ma purtroppo l’addio sarebbe stato certo anche senza Rui con Ghoulam ancora in rosa. Non credo andremo a perderci con Rui sinceramente, penso sia eccessivamente ostracizzato e sottovalutato, è un giocatore tecnicamente molto valido e ha tanta tanta corsa, unica pecca la struttura fisica.

        Sul terzino destro continuo a confidare in un colpo a sorpresa a fine mercato. Magari non un nome roboante, ma una seria alternativa ad Hysaj sì.

      • Ciccio Bomba 1 Agosto 2017, 16:44

        sulla mancanza del terzino dx siamo praticamente tutti d’accordo. Peccato che è una di quelle poche cose che in questo articolo non siano state citate.

    • Franco Sisto 1 Agosto 2017, 17:01

      Concordo, aggiungerei che anche i per giocatori Juventini l’età avanza, Bonucci e Dani Alves andati, Barzagli e Chiellini oramai giocano 1/3 della partite tra acciacchi e età avanzata, Hicain va per i 31, e guadagna chili, Marchisio ha l’età di Hamsik, Kedira piezz e peggio, Buffon.. che to dic affa’
      L’anno scorso ci hanno penalizzati l’infortunio a Milik e alcune cessioni arbitrali contro che sono costate almeno 4 punti, nonostante ciò, da dicembre in poi ci hanno letto tutti la targa permisero di punti conquistati.

  24. Fabio D'Andrea 1 Agosto 2017, 14:47

    L’idea che questa squadra senza altri acquisti possa essere più forte dell’anno scorso sta in piedi eccome, per ragioni tanto semplici che quasi ho pudore a esporre.
    1- Milik (e basterebbe questa)
    2- Sarri: “Il Napoli giocherà come l’Empoli fra tre anni”. Ci siamo.
    3- Rog, Maksimovic, ma anche Zieliniski e Diawara hanno un anno in più. E per giocatori forti e giovani come questi la cosa conta, eccome, sia che siano risorse già utilizzate (gli ultimi due) sia che siano risorse che finalmente possono entrare a pieno titolo nell’organico (i primi due).

    • Luigi Ricciardi 1 Agosto 2017, 15:01

      Bravo, concordo su tutto.

    • Michele Montesano 1 Agosto 2017, 15:02

      E’ incredibile come l’articolo non contenga nemmeno uno dei punti che hai, giustamente, evidenziato. Ovviamente nemmeno considerando questi è possibile avere una qualche certezza sulla vittoria del campionato, ma come si fa ad ignorarli del tutto?

    • Concordo in pieno

  25. Carlo Beccaria 1 Agosto 2017, 14:46

    tutto giusto, tranne il fatto che non si considera la terza opzione: rinforzarsi acquistando giocatori senza dover cedere i pezzi forti. Qualcuno dirà: e i soldi li cacci tu?
    Segnalo semplicemente che è di ieri la notizia che il Napoli ha appena ricevuto dalla Uefa l’assegno di 65 milioni relativo agli introiti per lo scorso anno e che circa altri 90 giungono dai diritti tv per il campionato italiano. Certo ci sono gli ingaggi, quest’anno parecchio lievitati. Ma per prendere codice fiscale del’Arsenal, un buon terzino destro e un centrocampista di forza, sostanza ed esperienza europea, bastavano 50 milioni in tutto.

Comments are closed.