Tifosi del Napoli, godiamoci le vacanze

Non facciamo gli autolesionisti. Osserviamo le difficoltà della altre. Rilassiamoci, ci aspetta una stagione intensa.

Tifosi del Napoli, godiamoci le vacanze

San Benedetto del Tronto

Da San Benedetto del Tronto, Maurizio Sarri ci ha fatto sapere che sta pensando intensamente al Napoli e alla prossima stagione. E lo sta facendo studiando le possibili avversarie dei preliminari di Champions. Non che ci abbia sorpreso, però in tempi in cui a Napoli l’autolesionismo rischia di prendere il sopravvento da una momento all’altro, Sarri ci regala il primo richiamo alla realtà. Vacanze italiane, sobrie, per l’allenatore del Napoli che non rincorre località dai tanti zeri e attraversa di poco l’Italia: dalla Toscana alle Marche.

La stagione più importante

La prossima sarà la terza stagione alla guida del Napoli. Una stagione importante, diversa dalle precedenti. Perché se la prima fu la stagione del signor nessuno che dopo due mesi era in testa al campionato, e quella successiva fu un’altra stagione da outsider vista la partenza di Higuain, la prossima sarà la stagione con i riflettori puntati. Il Napoli di Maurizio Sarri ha incantato in Italia e in Europa, ha totalizzato più punti di tutti dalla nona giornata in poi. Ha conquistato gli ottavi di finale di Champions League e li ha persi contro il Real Madrid che poi quella coppa l’ha alzata. E ha dimostrato che si possono segnare caterve di gol anche senza avere Gonzalo Higuain al centro dell’attacco.

Guardiamo i problemi delle altre

Ecco, sarà una stagione diversa anche per Sarri. Perché non sarà la stagione della nostalgia. A meno di clamorosi risvolti di mercato che potrebbero riguardare solo e soltanto Koulibaly (ma al momento anche i rumors tacciono). Sarà la stagione più importante perché il Napoli non solo è forte ma è considerato altrettanto forte. Il Napoli è l’unica squadra di vertice che fin qui non si è privata di alcun giocatore. La Roma ha ceduto o sta cedendo Salah al Liverpool (ma ha preso il messicano Moreno, buon acquisto forse ottimo). La Juventus ha visto Dani Alves praticamente fuggire. Se non avessero rescisso il contratto, avrebbe rilasciato dichiarazioni anche sul ritorno del dottor Agricola. Che poi attendiamo ancora l’ufficialità di questa notizia. L’Inter è costretta a vendere, forse Perisic, almeno Perisic, e il Milan non ha ancora venduto ma è alle prese con il caso Donnarumma.

Ounas e Berenger come Starsky e Hutch

Sarri, facendo gli scongiuri, potrebbe già presentare la distinta per le formazioni dell’andata del preliminare. Titolari e panchina. Il portiere dovrebbe essere Reina e ci sembra una mossa ragionevole, la migliore possibile. Il Napoli ha provato il colpo Szczesny. Ottima scelta. Ma Reina è Reina. E l’accoppiata con un giovane da far crescere – come Meret – ci sembra la più efficace. Ounas e Berenguer ormai sono come Starsky e Hutch. Inseparabili. Il talentino del Bordeaux e l’aspirante Callejon dell’Osasuna. Se dovessero arrivare, il Napoli non avrebbe altro da fare. Sarri ha tutto apparecchiato: le riserve a centrocampo, i cinque centrali difensivi (che potrebbero ridursi a quattro), l’attacco con Milik addirittura panchinaro (almeno sulla carta).

La lezione di Siddharta

C’è solo da aspettare. E, per dirla alla Siddharta, bisogna saper aspettare. Senza farsi prendere da strane idee. Le vacanze servono anche a staccare la spina. La prima partita vera il Napoli la giocherà a Ferragosto, bisogna arrivare tutti distesi e con la mente sgombra. Nell’attesa, qualche tifoso più ansioso potrà guardare le azioni del Napoli di quest’anno. Non snerviamoci in attesa di un mercato che nulla deve promettere. E che, speriamo, nulla prometterà. Vorrà dire che quel famoso patto – “tutti insieme ancora per un anno” – sarà stato rispettato. Per una volta, guardiamo gli altri e vediamo come se la caveranno con i loro problemi. Il Napoli non ne ha. E speriamo che non ne avrà. Persino i procuratori tacciono. I contratti più spinosi – Insigne e Mertens – sono stati rinnovati. Che cosa vogliamo di più dalla vita?

ilnapolista © riproduzione riservata