Grazie Higuain, per me non sei un traditore

Posta Napolista / Napoli lo accoglierà con sacchetti, carta igienica e fischi. Tutto quel che consentirà di etichettarci come sappiamo.

Domenica sera non sarà possibile

Lo dico da qui. Agorà della libertà d’opinione. Domenica sera al San Paolo sarà impossibile gridarglielo. Grazie Gonzalo. Ti ringrazio per una stagione entusiasmante. In cui tanti hanno avuto il terrore che finisse come al solito. Altri avevano paura di sognare. Ed è finita come al solito. Poi l’ultima serata insieme. Tutti sicuri che quel matrimonio non sarebbe mai finito. Convinti di avere davanti tante altre serate come quella. Quelle di Champions. Quelle di campionato Eravamo tutti ignari che quella sera fosse l’epilogo. Non c’era nell’aria odore da ultimo giorno di scuola. Per tre stagioni nelle quali sei stato il punto di riferimento in attacco e ti sentivi sicuro, al netto dei tuoi isterismi. Non me ne voglia Dries. Ma è una questione di “9” e di spazio, non di reti.

“I tifosi del Napoli devono stare tranchili”

Le ultime parole da giocatore del Napoli furono a margine di una passeggiata con doppietta in Coppa America: “I tifosi del Napoli devono estare tranchili”. Invitava alla calma, Gonzalo. Consapevole di quello che poteva succedere, visto quello che era successo. Visto dove aveva deciso di andare. Visto che aveva deciso di tornare in prima classe. Dopo il River dopo il Real, Napoli era una tappa incidentale. Una parentesi, in attesa di tornare nel calcio che conta. La Juventus è la sua casa. Qui è stato curato con affetto ed attenzione. Ma per lui era un calesse. E credo che non abbia mai avuto dubbi.

Non ha tradito la nostra fiducia

Per me non è un traditore. Traditore è quello che tradisce la fiducia altrui. Lui non ha tradito la nostra fiducia. Lui ci ha insegnato fino in fondo cosa significhi essere professionista, perché poi a 34-35 anni devi avere le palle di Maggio per rimanere dove sei infischiandotene degli sfottò e delle critiche.

Una città distante anni luce dalla modernità

La città ovviamente abbarbicata ai sentimenti che ci macchiettizzano lo riceverà come si aspettano tutti. Sacchetti, carta igienica, fischi. Insomma tutto il repertorio che da luglio alberga in città. L’accoglienza consentirà agli juventini, agli opinionisti, ai maître à penser di etichettarci come sappiamo. Napoli è ormai una città di pensiero troppo radicato nel passato. Una città distante anni luce dalla modernità. Una città che non riesce a recepire il calcio di oggi come uno spettacolo e come un affare. Ma la recepisce come questione di appartenenza. Nulla di più errato.

P. S: Auguri per ieri Napolista

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Luigi Rusciano 29 Marzo 2017, 12:03

    Voglio ringraziare tutti quelli che hanno postato un commento. Sono colpito da tanta opinione in questo senso. Non sono juventino. Per nulla. Sono tifoso del Napoli nei 90′ minuti di partita. Poi dopo cerco di vedere le cose da un’angolazione il più razionale possibile. Non capisco perchè mi accusiate di antinapoletanità o altro. Ho espresso un mio parere. Oltre il quale non c’è nessuna accusa e nessuno snobismo.

  2. DougSmith#34 29 Marzo 2017, 10:21

    Per la cronaca stamattina a Piazza Garibaldi già c’erano i manifesti a lutto di Higuain…”1evr 1evr a’mort’ e’ Lotain….”… W funniculì funniculà

  3. Enrico Pessina 29 Marzo 2017, 9:04

    Higuain è un professionista che si è comportato male. Ognuno lo accoglierà come meglio crede.
    Ma lo scritto del sig. Rusciano, a mio parere, è pessimo.
    I nostri sentimenti ci “macchiettizzano” solo agli occhi degli stolti e dei razzisti.
    In realtà, ci rendono semplicemente diversi. Forse un po’ più umani.
    Napoli non è una città “di pensiero troppo radicato nel passato … distante anni luce dalla modernità”.
    Napoli è il caso quasi unico di una città che ha saputo essere moderna, senza perdere la propria identità culturale e di popolo.
    Infine, sig. Rusciano, il calcio non è mero affare e mero spettacolo ed ha un senso proprio e soltanto in virtù di quell’appartenenza che lei ripudia.
    Temo che lei non riesca a capire né Napoli, né il calcio.

    • Aggiungerei che nessuno aveva chiesto al Sig. Higuain di andare a cantare sotto la curva, parole a cui noi davamo un significato speciale…Per questo motivo i tifosi lo avevano eletto loro simbolo, oltre che dal punto di vista sportivo

      • DougSmith#34 29 Marzo 2017, 9:44

        Ditelo anche a Rafael che basta cantare sotto la curva per diventare un idolo….

      • Enrico Pessina 29 Marzo 2017, 9:47

        Sono assolutamente d’accordo.
        Avrebbe potuto giocare le sue brave partite ed alla fine limitarsi a salutare e, caso mai, ad applaudìre il pubblico.

    • È per commenti come questo che continuo a leggere questo sito!

    • Applausi e tutti in piedi

      • Enrico Pessina 29 Marzo 2017, 11:41

        Grazie quqquacha, troppo buono, ma io sono più abituato a coppetielli di carta, febbi e pernacchie.

        • Ti ricordo che per quanto ami la vostra città e la vostra squadra sono un leccese che vive a Roma, non afferro proprio tutti tutti i termini del vernacolo 😀

          • Enrico Pessina 29 Marzo 2017, 12:20

            Caro fratello del Sud, il fatto che tu sia leccese e tifi Napoli ti rende ancor più simpatico ai miei occhi.
            Anticamente a Napoli per dileggiare qualcuno in pubblico (oratore, attore, cantante, amico da prendere in giro in occasioni di feste etc.), gli si lanciavano contro dei coni di carta volanti stretti e lunghi (usando le mani a mo’ di cerobottana e soffiandoci dentro) oppure appendendoglieli alle spalle a sua insaputa.
            Il febbio (o ferbio) era la canzonatura o la burla molesta ed insistente, spesso ad opera di fanciulli.
            La pernacchia non ha bisogno di presentazioni.
            Un abbraccio.

          • Grazie per le delucidazioni, ma non mi sembri degno di tali accoglienze in tutta onestà 😉
            Un abbraccioa te!

          • Enrico Pessina 29 Marzo 2017, 14:25

            🙂

    • dino ricciardi 30 Marzo 2017, 12:50

      Bravo Enrico.
      Lo letto solo adesso.

  4. Ma era il caso. di dire devono stare tranchilli .? Vai via come il sorcio thz .

  5. quindi ricapitoliamo.
    in un articolo di qualche giorno fa si impetra pietà e comprensione per il povero agnelli, facendo capire che siamo noi che in un impeto di buonsenso dovremmo quasi “capirlo”. poi esce questo articolo, in cui dovremmo non dico accogliere con applausi ma con educazione e buongusto ‘nu chiattone argentino che abbiamo letteralmente salvato dalla morte calcistica dopo un rigore buttato alle stelle che ci ha ripagato andando via di notte senza salutare nessuno per andare alla juve?

    secondo quali criteri si scrive sul napolista?
    bisogna essere perbenisti a tutti i costi? bisogna avere la tessera del partito?

  6. Aureliovattene 29 Marzo 2017, 7:15

    Il prossimo traditore chi sarà ?
    Martens?
    Insigne?
    Koulibay?
    Tra qualche anno Diawara?
    E chest facimm…
    Ma dico io ‘e pigliamm tutti noi ‘sti traditori??

  7. Aureliovattene 29 Marzo 2017, 7:07

    Higuain: “non vado via per soldi. Anzi il Napoli mi aveva offerto di più.Ma per la mancanza di un progetto vincente. A Napoli pensano di vincere coi giovani, ma così é difficile poter competere con la Juve.
    VADO VIA PER LA MANCANZA DI UN PROGETTO VINCENTE.

    Per me l’unico traditore é sempre lui il cialtrone romano.

    Con la politica che sta portando avanti, in futuro formerà “traditori” a zeffun.

  8. Diego della Vega 29 Marzo 2017, 1:17

    Ti sfugge un piccolo particolare: non conta come ti comporti, cosa fai o cosa non fai. L’etichetta c’è l’hai già addosso. Sei napoletano. Tu, noi, nasciamo etichettati. Detto questo, secondo me tu sotto sotto sei rubentino. Forse invece di farci i pistolotti su quanto siamo arretrati dovresti solo fare coming out, inscriverti al Club Ndranghetini di Cercola e cantare saltellando felice insieme al club Rubentus della Locride “Vesuvio lavali col fuoco”. Eh sì, noi dobbiamo stare attenti a quello che diciamo e facciamo. Gli altri, possono fare quello che cacchio gli pare. Sient’a’ me’: togliti l’etichetta e cambia sponda.

  9. La questione sta tutta in una frase: “i napolitani possono estare tranquili”. È tutto qua il problema.
    Poi i gol, i canti sotto la curva, contano zero. Circa 2000 anni fa, un tizio fece lo stesso con un uomo infinitamente più grande di questo virus che ha solamente portato malessere in chi lo aveva eretto a idolo. E pensare che c’era qualcuno che pensava di avvicinarlo a Diego.
    Si goda i suoi agognati trionfi da calciatore perché quelli da uomo segnano solo fallimenti.

  10. Franco Sisto 28 Marzo 2017, 23:26

    E perche errato??
    Magari a te il calcio mercenario piace, a tanti di noi no.
    E poi resta il fatto, pesante come un macigno, anzi, come una sacchetta di nunnezza, che sia scappato di notte, come un ladro, classico di chi tiene o mariuolo n’cuorp.
    No, i professionisti non fanno così, caro Luigi, i professionisti si comportano con professionalità, con chiarezza, con rispetto.
    Lui non lo ha fatto.

  11. UE ragassi……forse, forse l,albanese non giuoca!!!
    E chi se ne frega di giudainnnnnnnn

  12. eugenio muzzillo 28 Marzo 2017, 21:39

    Ma poi il calcio è paasione e cazzeggio. Se dobbiamo prenderlo sul serio meglio fare altro. E poi questo è juventino anche se non lo sa (ma secondo me lo sa)

  13. Ma quanta puzza sotto al naso !!!!

  14. eugenio muzzillo 28 Marzo 2017, 21:17

    lezioncina bacchettante, Chi lo ha nominato maestro?

  15. Stefano Valanzuolo 28 Marzo 2017, 21:08

    Non so se il tono della lettera voglia essere anche ironico… Forse sì, ed è l’unico caso in cui potrei accettare l’osservazione per cui il Napoli, oggi, non sarebbe “prima classe”. Si diceva per sorridere?

  16. Stefano Valanzuolo 28 Marzo 2017, 20:56

    No, infatti, non è un traditore. È una lota di uomo.

  17. Oscar Rafone 28 Marzo 2017, 20:38

    Higuain è un traditore. Senza se e senza. Altrimenti non mi spiego perché in estate quando ho cominciato a realizzare che poteva accadere davvero, quello che mai avrei pensato potesse accadere, cioè che andasse via e andasse alla Juventus, ho cominciato a non dormirci la notte, esattamente come si fa quando ti tradisce un amore. Ho cominciato rimuginare sulla frase “i Napolitani devono stare tranchilli” e torturarmi sul fatto che le visite va a farle a Madrid. Sul fatto che per tre anni ha detto che la Juventus giocava in 12. Detto ciò, sportivamente parlando, non mi auguro infortuni o malanni per l’argentino. Mi auguro invece che sia accolto con bordate di fischi, senza insulti, ma fischi si, mi auguro che non segni e se segna, ci eviti la pagliacciata di non esultare, perchè la mancata esultanza non è altro che il cappello messo sul tardimento estivo. Perciò non c’è nulla di mal nel fischiare ed esprimere così la disapprovazione per il comportamento tenuto l’estate scorsa, non certo per sminuire le sue indiscutibili doti tecniche.

  18. gabriele salemme 28 Marzo 2017, 19:30

    Napolista, come è possibile che diate spazio ad articoli di questo tipo?
    E come può il Sig. Rusciano ad affermare che Higuain, per lui, non è un traditore?
    Higuain non è un traditore, è vero, Higuain è l’ARCHETIPO del traditore.
    Ha tradito una maglia, i colori, la città, la gente, i suoi compagni.
    Come faccio ad affermarlo? E’ molto semplice, è evidente:
    Higuain si è comportato da TRADITORE. Lui per primo ha ammesso di esserlo, lui per primo si è definito tale, comportandosi come ha fatto.
    E’ andato via di nascosto, non ha salutato i compagni, non ha salutato l’allenatore, non ha salutato la città, ha fatto le visite mediche a Madrid. Questo è comportarsi da traditore.
    Oggi la questione non si può più porre, perchè lui stesso, con i suoi gesti, ha dichiarato la sua colpa.
    “Sono un traditore, e me ne vado di nascosto, come un ladro”.

  19. Fabio Cozzolino 28 Marzo 2017, 18:40

    ovviamente sono d’accordo con l’autore dell’articolo in tutto e per tutto: 1) Higuain ( ma prima di lui Cavani, Lavezzi , ecc. ) sono dei professionisti che per lavoro giocano a calcio; 2) sono dei professionisti che giocano dove vogliano e dove gli è possibile giocare scegliendo il club in base a quanto lo pagano e/o alle loro ambizioni di vincere dei titoli; 3) Se Higuain ( o Cavani o Lavezzi) avessero fatto una scelta di cuore magari l’avrebbero dovuta fare a 16 anni giocando per la loro squadra del cuore ( River , Rosario Central, , Montevideo….) non vedo perchè il loro cuore deve battere per il Napoli come succede a me che sono di Portici e tifo Napoli fin da bambino insieme al mio papa’; 4) Credo che il Napoli abbia fatto un vero affare comprato a 35 Milioni rivenduto dopo 3 anni ( alla soglia dei 30 anni) per 94 milioni ( soldi spesi per prendere Zielinsky, Rog, Milik, Diawara, Maksimovic, ecc. ) P.S. solo se si vende Hamsik ci potrei rimanere male dopo 10 anni….mi sono affezionato …e cmq mai mi verrebbe di chiamarlo traditore, fischiarlo o peggio…( come non lo farei per Higuain, Lavezzi o Cavani….)

  20. Vincenzo D'Agostino 28 Marzo 2017, 18:29

    Personalmente condivido parte dell’articolo.
    Mi spiego : lo ignorerei. Lascerei perdere tutte quelle cose “tarantellistiche” che ci farebbero solo etichettare come i soliti napoletani. Quindi, in questo sono d’accordo.
    E sono d’accordo che lui ha fatto una scelta da professionista.
    Ne poteva fare altre ma…….non gli si può imputare niente.

    Non ho condiviso quando ha sparato su De Laurentis. E’ stata la cosa più ovvia, come sparare sulla croce rossa. Ed ha dimostrato che personaggio è. Per giustificarsi, ha fatto la cosa più semplice. E non si fa così. Anche perchè quando il Napoli, quindi Dela, lo ha acquistato nessuno lo voleva più.

    Per quanto riguarda il resto non condivido.
    Su Higuain sono sempre stato fuori dal coro.
    A me personalmente non è mai piaciuto. Non mi piaceva quando era al Real, non mi piaceva a Napoli, non mi piace ora. Forte quanto volete, fantastico quanto volete ma a me non ha mai garbato. E ogni suo gol, in un certo qual senso, mi infastidiva. Sono folle ma è così.
    Molti hanno parlato di un Higuain mostruoso. Non condivido. Mi spiego.
    Prima osservazione
    Ricordo che Higuain in tre anni ha fatto 76 gol in campionato : media eccellente.
    Cavani però, giocando con giocatori infinitamente meno forti, ne ha fatti 95 di gol sempre in tre anni, in campionato. 19 gol in più!!!!!!!!!!!! Questo è un mostro
    Seconda osservazione
    Sembra che solo io mi ricordo l’Higuain dei primi due anni, e credo abbiate capito a cosa mi riferisco…….vox populi…….., culminato in un inizio di 2015 DISASTROSO. Ricordo ancora le semifinali con Lazio e Dnipro : in quelle quattro partite letteralmente si mangiò 10/12 gol.

    Quindi, domenica IGNORATELO

    • Diego della Vega 29 Marzo 2017, 1:20

      Invece se non le fai quelle cose ti considerano svizzero. Svegliaaaaa!!!

      • Vincenzo D'Agostino 29 Marzo 2017, 7:08

        L’indifferenza è la migliore risposta, la più signorile

  21. Grazie ai soldi di Higuain il Napoli ha rinforzato la squadra, soprattutto per il futuro.
    Poteva andare altrove?Questa è tutta colpa del Napoli che chiedeva cifre fuori mercato o peggio ancora pensava di poterlo trattenere contro la sua volontà.
    Per 60-65 milioni lo avrebbero preso in molti e magari sarebbe stato anche più contento andando a prendere più soldi.

    • Luigi Ferrara 28 Marzo 2017, 20:12

      Per me 90milioni per un trentenne non sono proprio un pacco al 100% ma stiamo lì. Specie se non vincerete la CL.

      • Nessuna spesa può garantirti la Champions ma per 90 milioni mi aspetterei un attaccante da sfruttare almeno 6-7 anni oppure 2-3 anni con la possibilità di rivenderlo.Huguain non può garantire nessuna delle due opzioni

  22. Marco Napoletano Russo 28 Marzo 2017, 18:00

    Mi pare che Luigi Rusciano abbia messo le cosiddette “mani avanti” da subito, con l’alibi della libertà d’opinione…Forse aveva i sintomi di quello che nella città distante anni luce da questa modernità che vogliono propinarci (direi vivaddio!) si chiama “mariuolo in corpo”! Beh il taglio del pezzo ci dipinge come “trinarciuti” ignoranti, beceri e provocatori…Nulla di più lontano dalla realtà dato che qui è pur vero che non abbiamo vinto tanto (come nella nostra “amata” capitale per entrambe le compagini) ma abbiamo accumulato 24 partecipazioni tra Coppa Campioni, Coppa delle Coppe, Coppa delle Fiere e Coppa Uefa fino al fallimento del 2004…Quindi il discorso della parentesi nella squadra “non blasonata” non lo accetto dato che Higuain è costato 37 milioni di euro più 3 di bonus, cifra che la Juventus nell’estate del 2013 non era in grado di sostenere…
    Purtroppo le etichette vi saranno sempre, non si è fatto minimamente riferimento alla civiltà con cui siamo andati a Madrid. Oramai la differenza con quelli lì (non li nomino nemmeno) è di natura puramente economica, di mentalità e nel Palazzo.
    Per quanto riguarda Higuan io l’ho vissuta come un tradimento perché è andato via con la coda tra le gambe, quasi di nascosto…A questo punto ho stimato maggiormente Cavani che fu coerente nel dire che andava a guadagnare di più e cercare di vincere qualcosa d’importante (cosa che gli riuscirà difficilmente a questo punto)

  23. Fabio Milone 28 Marzo 2017, 17:52

    Ora e’ lecito chiedersi come mai il Napolista decida di dare risalto nella rubrica della posta a posts del genere, che francamente sono difficilmente catalogabili come scritti da veri tifosi.
    Odio le etichette, sopratutto quelle che categorizzano il grado di tifoseria, ma quando e’ troppo e’ troppo.
    Ci fosse una volta che date la stessa visibilita’ nella rubrica ad un post di Franco Mingrone, White Shark, Dino Ricciardi, Effe Bongi… mi scuso coi tantissimi che non elenco qui per brevita’.
    No, invece si pubblicano post come questo e quello della scorsa settimana (Ruotolo) che, mi si consenta, rappresentano una minima e trascurabile parte di come la pensa la stra-grande maggioranza della tifoseria.
    Mi viene il sospetto che, da quando la pubblicita’ ha preso in mano le pagine del blog, abbiate una qualche fame di click.
    Spero non sia cosi’, veramente lo spero, ma come si dice “a pensar male… eccetera”.
    Nel merito: l’ex-9 non e’ un traditore, su questo siamo d’accordo; e’ solo un mercenario che pero’ ha finto amore per la maglia e per i tifosi. E’ scappato nel buio, senza salutare i compagni e chi lo ha portato ad essere quello che e’.
    Per quanto mi riguarda allo stadio non lo fischierei piu’ di tanto, cio’ lo farebbe sentire come uno che e’ stato amato e che causa dolore a chi ne e’ stato abbandonato.
    Io per lui provo solo sdegno, non lo rimpiango perche’ so che ha avuto MOLTO piu’ lui dal Napoli che non viceversa.
    Infatti c’e’ gia’ chi, pur non essendo specialista del ruolo, nel Napoli di Sarri ha fatto un gol piu’ di lui in campionato.

    • quoto anche gli spazi bianchi.

    • Ben detto Fabio. Condivido tutto in particolare la considerazione sulla fame di click.
      P.S. Grazie per la stima.

    • Fabio Milone portavoce del pensiero di moltissimi anzi mi sbilancio di quasi tutti

      • Fabio Milone 29 Marzo 2017, 11:00

        No, Franco dai! Non per fare il modesto, ma non mi sono mai sentito un portavoce dell’altrui pensiero.
        E’ una responsabilita’ troppo grande che richiede tra l’altro un’enorme dose di presunzione che non ho per natura.
        Grazie comunque per la condivisione e per la stima.

        • Non ho mai detto che l hai fatto consapevolmente;-) ma l hai fatto

        • Permettimi ma creano commenti facendo polemica avessero scritto che higuain sta sulle pa..e a tutti non avrebbero avuto commenti

    • Condivido tutto, bravissimo

  24. non è un traditore, è na sacchett

  25. Luigi Ricciardi 28 Marzo 2017, 17:42

    Forse l’ estensore dell’ articolo non ha capito una cosa: Higuain era funzionale all’ avvicinamento tecnico alla Juventus, altrimenti molto piu’ difficile in condizioni normali tra Napoli e Juve stessa. E parlo quindi di calcio, non di passione, di amore, tradimenti, e cose varie.
    Mi spiego meglio: il Napoli e la Juventus, tranne che per periodi brevissimi, sono stati su livelli tecnici assolutamente diversi. L’ anno scorso il combinato disposto squadra + Sarri + mancanze altrui + varie ed eventuali hanno permesso che il Napoli potesse competere per la conquista del titolo per due/terzi di campionato, e Higuain ha avuto ovviamente un peso enorme in questa rincorsa.
    Andando alla Juve, non ha solo indebolito il Napoli (che ha comunque “apparato”, grazie alla rosa e alle indubbie capacita’ tattiche dell’ allenatore) ma ha rafforzato proprio il principale rivale, che era scoperto nel ruolo di centravanti di qualita’, tant’ e’ che ha dovuto pagare tutta la clausola.
    Ovviamente, il carico di “odio calcistico” verso la Juventus ha aumentato il tutto.
    Accoglienza? Una sana indifferenza, e arrivederci e grazie.
    Ma dappertutto poteva andare, tranne che alla Juve: lo sa lui, e lo sappiamo tutti: poi ognuno si comporti di conseguenza.

  26. Carmelo Bauman 28 Marzo 2017, 17:38

    Higuain nel Napoli ha avuto un rendimento pazzesco. Uno dei più forti centravanti nella storia azzurra. La Juve ha dovuto sborsare una cifra fuori mercato. Higuain è risultato un affare tecnico ef economico. Nel calcio moderno calciatori e allenatori sono professionisti. Nessun tradimento.

  27. Gonzalooo... HIGUAIN!!! 2-1! 28 Marzo 2017, 17:38

    92 minuti di applausi!!!

  28. Bocca_storta 28 Marzo 2017, 17:37

    Caro Napolista, invece di perdere tempo con queste lettere che rappresentano l’1 per mille (a essere generosi) dei tifosi (se si possono dire tali gli amanti dell’argentino triste) partenopei, perché non aprite un bel dibattito sull’accoglienza da riservare a Giudain? Io propenderei per un gigantesco pernacchio di eduardiana memoria, da eseguirsi in forma estesa (almeno un minuto) al suo ingresso in campo e in forma di pernacchietta continua ogni volta che tocca palla.

    • dino ricciardi 28 Marzo 2017, 18:25

      Un pernacchione unico di 60.000 napoletani.
      Solo per ricordagli di essere”la schifezza, della schifezza, della schifezza degli uomini”

      • alla de filippo. sarebbe un modo unico di manifestare il nostro disappunto.

  29. Bocca_storta 28 Marzo 2017, 17:13

    Commento patetico di uno juventino mancato (o nascosto, è uguale). Napoli “parentesi”…? “Prima di entrare nel calcio che conta”…? “Aveva deciso di tornare in prima classe”…? Manco a Marotta sarebbero venute in mente frasi più servili alla Vecchia Signora.
    Coraggio, fai coming out, sfogati e vai tranquillo al Rubentus Stadium: quella è casa tua e ci trovi pure il tuo amichetto Giudain.

  30. a Bologna Diawara un giovinotto é stato sommerso da fischi e non aveva ancora fatto niente. Tutti hanno diritto di sentirsi o meno traditi offesi ed essere arrabbiati, questo é calcio non é l andamento delle azioni in borsa. detto questo posso solo ribadire il sentimento di PENA ma sincera e non incavolata (non lo ero piu all andata figurarsi al ritorno dopo che abbiamo segnato ancora piu senza di lui e la squadra é piu forte piu completa piu armonica e non ce piu nessuno che manda i vaffa ai compagni) la pena di colui che sa che non é un leader non lo sará mai, non sará mai un trascinatore e mancherá sempre gli appuntamenti importanti (forse si forse no, lui lo pensa perché finora é stato cosi) ecco, sbagliero´ ma nonostante i soldi che ha e la fama etc etc a me fa PENA non so che dire mi fa pena

  31. dino ricciardi 28 Marzo 2017, 16:14

    Provate solo ad immaginare se Del Piero ai tempi di Moratti passava all’Inter.
    Li volevo sentire parlare di ” PROFESSIONALITA ” a questi Gobbi di m….

  32. Scommetto che “è un professionista”…

  33. giancarlo percuoco 28 Marzo 2017, 15:53

    Anch’io, se fossi juventino, non mi sentirei tradito.

  34. dino ricciardi 28 Marzo 2017, 15:44

    La lista stilata da Marca dei piu grandi traditori.

    1) Figo dal Barça al Real Madrid
    2) Roberto Baggio dalla Fiorentina alla Juventus.
    3) Ruggeri dal Boca al River Plate.
    4) Sol Campbell dal Tottenham all’Arsenal.
    5) Batistuta dal River al Boca.
    6) Romario. Del Flamengo al Fluminense, attraverso un passaggio al Vasco da Gama.
    7) Cruyff dall’Ajax al Feyenoord.
    8) Caniggia dal River al Boca.
    9) Hugo Sánchez dall’Atlético al Real Madrid.
    10) Mo Johnston dal Celtic al Glasgow Rangers, attraverso il Nantes.
    11) Tardelli dalla Juventus all’Inter.
    12) Luis Enrique dal Real Madrid al Barça.
    13) Krancjar dal Dinamo Zagreb al Hajduk Split.
    14) Paul Ince dal West Ham al Manchester United.
    15) Laudrup dal Barça al Real Madrid.
    16) Aldo Serena dal Torino alla Juve.
    17) Cáceres dal River al Boca.
    18) Denis Law dal Manchester United al Manchester City.
    19) Schuster dal Barça al Real Madrid.
    20) Gatti dal River al Boca.

    Il calcio è passione.
    Questi calciatori hanno avuto tutti la loro dose di fischi in tutte le latidutini e culture del mondo.
    Non vedo perchè a Napoli deve fare notizia piu di altri posti.

  35. DougSmith#34 28 Marzo 2017, 15:38

    Andare alla Juve significa guadagnare di più, vincere di sicuro, avere meno pressione, suddividere le responsabilità, poter fare una vita più tranquilla a Torino… Insomma tutte cose che se offerte a chiunque in questo sito, per la propria professionalità, andrebbero bene e Higuaìn invece va criticato…Al Napoli ed a Napoli nessuno poteva offrirgli, soldi a parte, quello che gli si prospettava a Torino. Non pensate che sia solo una questione di società. Potrebbe essere anche una questione
    di città…

    • Luigi Ricciardi 28 Marzo 2017, 15:42

      O questione di Presidente, come detto da lui nella conferenza stampa di presentazione alla Juventus.

      • DougSmith#34 28 Marzo 2017, 15:48

        Ma quella è la colpa buona per tutte le stagioni…

      • Domenico Sapio 28 Marzo 2017, 15:55

        Mi sembra che il rampollo degli Agnelli sia da anni sceso a associazioni e compromessi con esponenti della ‘ndragheta……….

        • “associazioni e compromessi con esponenti della ‘ndrangheta”?
          Hai le prove?

      • Stefano Valanzuolo 28 Marzo 2017, 21:05

        Ma lui il rapporto doveva averlo con l’allenatore, con i compagni e con la squadra. Il presidente era il suo datore di lavoro e basta. E credo sia sempre stato pagato puntualmente. È un isterico, lo sanno tutti, perché nonostante segni tanto non è e non sarà mai un leader. E lo sa.

        • Luigi Ricciardi 29 Marzo 2017, 9:07

          Vero, ma se dice che se ne e’ andato per il presidente, forse anche il rapporto con lo stesso ha valore.
          Mi ricordo anche che in passato alcuni presidenti erano punti di riferimento imprescindibili per la squadra: Mantovani, Viola, Boniperti, lo stesso Ferlaino. Qualcuno potra’ dire che era un altro calcio, ma per come e’ strutturata la SSCN rispetto alle societa’ di una volta, la differenza non e’ poi tanta.

    • Perché Higuain è un borghesotto figlio di buona famiglia, il padre già giocava e cresciuto prima al River e poi al Real come giocatore. È uno con la puzza sotto al naso e lo si è visto per tutti e tre gli anni in cui è stato qui. A me non fa né caldo né freddo che sia andato via, però per quanto uno possa razionalizzare ed evitare di mitizzarlo come han fatto altri che lo volevano fare addirittura capitano (denigrando sempre il povero Hamsik) purtroppo dà fastidio vederlo in quella squadra, dopo che per tre anni è stato sostenuto e ci ha sostenuto nella lotta contro di loro.

      • DougSmith#34 28 Marzo 2017, 16:31

        Higuaìn al Napoli era fuori dai canoni della normalità. Higuaìn alla Juve è ordinario, ovvero nei canoni della normalità. Per aver vissuto in un contesto fuori dall’ordinario dovremmo apprezzare il lavoro di due che sono disprezzati dal 95% del tifo napoletano: ADL e Rafa. Il primo perchè lo ha comprato il secondo perchè lo ha convinto. Sarri lo ha fatto rendere. Ma lo ha trovato già qua.

  36. a parte il tono che trovo veramente gratuitamente caustico verso la nostra squadra e la nostra cultura, io non condivido proprio il pensiero di fondo.
    il calcio è sentimento, è una professione per chi ci lavora ma non per noi, e il giorno in cui i tifosi guarderanno i giocatori solo come professionisti, morira’.
    non sono dentisti, o architetti, sono pagati per dare corpo ad una passione, si vestono di essa.
    e la passione e’ amore, odio, gelosia.
    da tifoso io rivendico il diritto di sentirmi tradito, e lui per primo sa che e’ giusto e naturale.
    tra qualche anno le ferite guariranno, e lui tornera’ ad essere visto con affetto.
    I tifosi sono cosi’, ad ogni latitudine.
    ma chiedere oggi di non sentirci traditi e’ troppo, sarebbe questo si’ rinnegare tre anni di amore.

    • Ma piuttosto sfugge il fatto che sono professionisti che guadagnano grazie all’indotto creato dai tifosi che comprano maglie, vanno allo stadio e vedono la tv. Peraltro nessuno dice che non potesse cambiare squadra, anzi per me poteva andarsene già dopo la semifinale col Dnipro l’anno prima, ma poteva evitare di andare ad una diretta concorrente, una squadra che è già una corazzata in Italia e che in 5 scudetti consecutivi non aveva avuto certo bisogno di lui. Poteva fare come Cavani tranquillamente, non credo gli mancassero gli estimatori tra Arsenal, PSG, United o addirittura il Barça.

      • Aureliovattene 29 Marzo 2017, 7:12

        La Juve è stata l’unica squadra tra le grandi disposta a pagare la clausola.

    • Marchese di Carabàs 28 Marzo 2017, 19:06

      “I tifosi sono così, ad ogni latitudine”
      No

  37. Guga Stimolo 28 Marzo 2017, 15:24

    Visite mediche fatte di nascosto come un ladro, massima disponibilità ed aiuto alla rube per poter permetterle di esercitare la clausola prima del ritiro per nn incontrare i tifosi e nn avvisando minimamente la Società…….di professionalità ne ho vista molto più in benitez e mazzarri che hanno fatto scadere il contratto non rinnovandolo o in altri che in lui…

  38. Curioso, sembra la descrizione dei tifosi del Bologna. Ah no, loro hanno fischiato Diawara per molto meno.

  39. Mancava solo che prima di andare via dicesse ” Ti lascio perche’ ti amo troppo “………..
    Sarebbero bastate due parole in croce per sancire la fine di un amore, perche’ e’ stato amore.
    L’avremmo accettato, con dolore, dispiacere, tristezza, ma l’avremmo accettato e ce ne saremmo fatti una ragione.
    Ma cosi’, no.
    Vivere insieme, fare castelli in aria, pensare ad un futuro meraviglioso insieme.
    Per poi vederti alll’altare, radiosa come la piu’ bella delle spose, CON IL TUO PEGGIOR NEMICO!
    Ti auguro di trovarti un domani , nella stessa situazione-

  40. Quello che tante menti che si vogliono illuminate non capiscono: se il calcio fosse solo spettacolo , siti come questo non avrebbero ragione di esistere, le serie cadette non avrebbero ragione di esistere. I tifosi non dovrebbero esistere né avrebbero dovuto seguire il Napoli in B e C.

  41. Manuel Fantoni 28 Marzo 2017, 14:29

    Ma perchè il Napoli di oggi non è prima classe ??? Una lettera che con finto affetto demolisce Napoli ed il Napoli….

  42. Bah. Io lo ripagherei con la più totale indifferenza. Lui rimane una lota. Poteva andare dappertutto, è andato proprio lì. Problema suo, comunque

  43. DougSmith#34 28 Marzo 2017, 14:21

    Sentimento condivisibile. Ma il calcio a Napoli è vissuto male. In pochi condivideranno questo punto di vista.

  44. Ora guai a sprecare energie nervose in null altro che sia la partita o le partite.

Comments are closed.