ilNapolista

Maradona punge De Laurentiis e Ferlaino: «Ci vogliono i soldi, il mio Napoli pareggiava con la Cremonese»

Maradona punge De Laurentiis e Ferlaino: «Ci vogliono i soldi, il mio Napoli pareggiava con la Cremonese»

Il fatto che sia intervenuto alla Partita della Pace di Parigi pare non basti a calmare gli istinti polemici di Diego Maradona. L’ex Pibe, a margine della sua giornata da allenatore di calcio a cinque, ha parlato del Napoli del presente paragonandolo al suo, quello pre-scudetti. Con un attacco frontale, senza quartiere, a De Laurentiis e al “suo” Ferlaino.

«Napoli è sempre nel mio cuore – esordisce Maradona -, mi auguro che Sarri rimanga, così come deve rimanere anche Higuain. De Laurentiis deve muovere la tasca: se tira fuori i soldi ha la possibilità di fare una grande squadra, così finalmente potremo dire anche noi a Juve, Inter, Milan e qualsiasi altra grande società che per la lotta al titolo ci siamo anche noi. Abbiamo el bota de oro Higuain, servono altri giocatori. Mi sento di parlare in questo modo soprattutto alla luce dell’esperienza che ho avuto io. De Laurentiis deve mettere i soldi per fare felici i napoletani. Ai miei tempi portavamo 80mila persone allo stadio, però poi pareggiavamo con la Cremonese, con tutto il rispetto per la Cremonese. Non stavamo giocando all’altezza della situazione».

Come dire: la storia si ripete, almeno secondo Maradona. Il riferimento al passato, però, sembra abbastanza benaugurante più che un “attacco al potere”. Perché, poi, Diego ha effettivamente vinto due scudetti al Napoli. Un solo appunto, infine: il Napoli di Maradona ha sempre vinto al San Paolo con la Cremonese. Uno a zero nel 1985, 3-0 nel 1990. Solo per la precisione. 

 

ilnapolista © riproduzione riservata