Osvaldo? No, Ibra. Anzi, Dzeko. E siamo appena al 3 maggio

Osvaldo? No, Ibra. Anzi, Dzeko. E siamo appena al 3 maggio

Osvaldo è a un passo, anzi no, svolta nella notte, Cavani al City in cambio di Dzeko e soldi, ma De Laurentiis pensa a Immobile e poi vuole Osvaldo ma prima vorrebbe annunciare Benatia, lunedì si chiude, ma la trattativa non chiuderebbe le porte ad Astori, anche perché il Napoli pensa sempre a Naingollan, le parti si sono riavvicinate negli ultimi giorni, intanto si pensa al rientro di Vitale dalla Ternana dove ha fatto molto bene però prima bisogna piazzare gli esuberi, tanti sono i giocatori dati via in prestito che potrebbero tornare alla base, tra questi c’è Gargano, il caso più spinoso, El Mota all’Inter non ha convinto Moratti anche se Stramaccioni vorrebbe tenerlo, poi c’è da affrontare la questione Donadel, ormai ai margini della rosa, però il Napoli difficilmente potrà investire molto sul centrocampo anche perché Osvaldo non basta, ma forse arriva Dzeko, i due potrebbero giocare assieme anzi no, infatti Bigon punta Jovetic ma l’affare è difficile, sull’asso della Fiorentina c’è anche la Juve che pensa di includere nell’accordo Quagliarella che però non sarebbe convinto del trasferimento allora la viola vuole solo soldi in quel caso il Napoli dopo aver ceduto Cavani potrebbe tornare a bussare alle porte dei gigliati, nel frattempo si punta un giovane terzino del Modena, Filippo Manarini, 19 anni, ma Mazzarri ha detto chiaramente di non volere giocatori senza esperienza, allora potrebbe tornare Fernandez che ha fatto bene al Getafe, dove lo hanno affettuosamente ribattezzato “El Moviolion”, ma il difensore argentino sarebbe perplesso perché vuole giocare, teme di perdere la nazionale, intanto si aspetta sempre il sì di Mazzarri, il mister sta temporeggiando perché vuole prima raggiungere l’accesso diretto alla Champions ma poi ha già chiesto garanzie sugli investimenti estivi anche perché l’Europa è dispendiosa ma il tecnico non vuole troppi giocatori e in questa logica Bigon starebbe pensando anche ad alcune cessioni, tra cui quella di Pandev ma il macedone ha un ingaggio alto, intanto il manager di Zuniga si fa minaccioso perché il suo assistito ha molte richieste ma alla fine De Laurentiis potrebbe convincerlo, si registra poi il mal di pancia di Inler, lo svizzero avrebbe chiesto di essere ceduto perché vuole giocare visto che ci sono i mondiali ma Dzemaili sta facendo bene quindi l’ex udinese potrebbe anche partire, per lui ci sono varie richieste dall’Inghilterra e dalla Francia, a proposito di Francia il Psg sembra convinto a lasciar andare via Ibra, troppo costoso, allora Rajola starebbe pensando a un clamoroso ritorno in Italia e chissà che la suggestione Napoli diventi qualcosa di più concreto perché ci sarebbe un pool di sponsor che coprirebbe gran parte del corposo ingaggio ma Ibra non convince del tutto Mazzarri che per restare ha chiesto esplicitamente Osvaldo e la riconferma di Mesto VA BENE CHIAMATE L’AMBULANZA.
Giulio Spadetta

ilnapolista © riproduzione riservata