Il Napoli è primo, ma nella classifica dei pali colpiti

Quello di Insigne su rigore è stato il ventesimo. Il primo fu colpito da Callejon a Torino, poi Insigne ribadì in gol. Soltanto Messi ha colpito più pali di Lorenzo

Il Napoli è primo, ma nella classifica dei pali colpiti
(KontroLab)

Di Callejon il primo dei venti legni

In principio fu José Callejon che il 23 settembre colpì il palo a Torino con Insigne che ribadì in gol. Peccato che i due non si siano scambiati i favori domenica contro la Juventus. Il rigore calciato da Insigne si è stampato sul palo senza che nessuno lo ribadisse in gol. Così come il palo di Zielinski dopo il vantaggio della Juve. Come cita la classifica del Mattino, il ventesimo in ventisei giornate.

Record Europeo

Un record per la serie A. La Juventus ha 13 legni colpiti ed è la seconda in questa particolare graduatoria, la Roma segue a 12, con la Lazio ed il Bologna a chiudere i club in doppia cifra. In tal senso, invece, hanno molto meno da recriminare le milanesi: il Milan con 7 legni e l’Inter con appena 6 quando mancano 12 giornate al termine del campionato.Un primato italiano, un primato europeo come scrive Marco Giordano. Solo il Chelsea di Sarri, per tre anni tecnico degli azzurri, tiene il passo con 18 legni certificati in Premier League.

Insigne il leader

Insigne ne ha colpiti sei (solo Leo Messi, con 7 legni, ne ha colpiti più di Insigne), Milik e Callejon 4 (Immobile ne ha cinque). Se pali e traverse (sia fatti che subiti) fossero stati gol, gli azzurri avrebbero 11 punti in più e sarebbero a -7 dai ragazzi di Allegri che in questa speciale classifica hanno un saldo di +2. Quattro i legni colpiti contro la Lazio, ma quello dal peso specifico più rilevante rimane quello calciato domenica sera contro la Juve su rigore.

ilnapolista © riproduzione riservata