Ancelotti: «È umano accontentarsi dopo il gol di Milik, Luperto ha giocato da veterano»

La conferenza stampa: «Nella ripresa c’è stata una eccessiva gestione, ma rientra nella normalità dell’essere umano. Sono fiducioso per il prosieguo»

Ancelotti: «È umano accontentarsi dopo il gol di Milik, Luperto ha giocato da veterano»

La conferenza

La conferenza stampa di Ancelotti al termine di Salisburgo-Napoli 3-1 e quindi Napoli qualificato ai quarti di finale di Europa League

Innanzitutto fa il punto degli infortunati:

«Insigne ha un avuto un fastidio all’adduttore nel corso del riscaldamento: abbiamo voluto evitare problemi, ma non sembra grave. Chiriches ha avuto un problema muscolare, Diawara un taglio sul piede”.

«Non ci siamo accontentati, i giocatori sono esseri umani. Il Napoli ha interpretato bene il primo tempo, con coraggio, avremmo meritato di finire in vantaggio e loro hanno pareggiato solo per un nostro banale errore. Nella ripresa c’è stata una eccessiva gestione, ma rientra nella normalità dell’essere umano».

«Abbiamo interpretato molto bene il primo tempo. Il gol di Milik ci ha ovviamente condizionato molto dal punto di vista  psicologico. Sono fiducioso per il proseguo della competizione».

«Non giudico per i gol, ma per il lavoro. E Mertens anche se non ha fatto gol in queste due partite, è stato fondamentale per la qualificazione».

«Luperto ha giocato da veterano, nel finale ha sofferto come gli altri. Albiol potrebbe rientrare per i quarti di finale».

«Gli errori in uscita? Ci siamo presi qualche rischio. Dovevamo provare a superare la prima linea di pressione, poi c’erano gli spazi. Abbiamo commesso qualche errore, come sul gol del pareggio, ma era una strategia studiata».

«Napoli poco brillante? Bicchiere mezzo vuoto col Sassuolo e stasera nel secondo tempo. Ma nel primo tempo abbiamo giocato bene, così come contro la Juventus. Dipende da come uno vuole vedere le cose».

 

ilnapolista © riproduzione riservata