Straripante Piatek il re Mida del Milan di Gattuso

Top e flop / Al Genoa segna anche il suo vice: Sanabria. Sorrentino proprio non vuole saperne di andare in pensione

Straripante Piatek il re Mida del Milan di Gattuso

Top

Sanabria (Genoa) – sostituisce nel migliore dei modi possibile il centravanti ceduto al Milan. Realizza il goal che dà il “la” alla rimonta genoana. Si butta su ogni pallone come il miglior Piatek. Non poteva esserci sostituto più azzeccato in casa rossoblù.

Sorrentino (Chievo) – 41 anni e non sentirli. Gioca una gara da assoluto protagonista: si oppone a un siluro dal limite di Fofana, poi para un rigore a Teodorczyk ma si deve arrendere sulla ribattuta. Impossibile chiedergli di più. Da applausi.

Piatek (Milan) – è il Re Mida rossonero: trasforma in oro il cross di Rodriguez con sfolgorante girata mancina (non gli serve guardare la porta, la sente, la spacca nella ripresa con incornata da bomber di razza sul corner dalla sinistra di Calhanoglu. In campionato fanno 17 gol, che dire: straripante

Flop

Patric (Lazio) – anello debole delle difesa biancoceleste. Gioca, per esigenze dettate dall’emergenza infortuni, in un ruolo non suo, quello di marcatore. Finisce nel pallone al cospetto di Sanabria, Koumè e Pandev.

Duncan (Sassuolo) – anello debole del centrocampo del Sassuolo. Nullo sia in fase di contenimento che in fase di proposizione di gioco. Un disperato De Zerbi lo sostituisce alla fine del primo tempo per scelta tecnica.

Djimsiti (Atalanta) – serata davvero difficile per non dire impossibile del centrale nerazzurro al cospetto dello scatenato bomber polacco, dal quale viene clamorosamente beffato in occasione del goal del momentaneo pareggio del Milan.

ilnapolista © riproduzione riservata