Sul New York Times la rivoluzione del calcio di De Laurentiis

Ritratto del presidente del Napoli. “Ha sempre bisogno di un cattivo: la Uefa, la Fifa, il Frosinone”. L’idea di comprare una squadra negli Usa e poi il Bari

Sul New York Times la rivoluzione del calcio di De Laurentiis

Il ritratto

“Film in His Blood, a Soccer Revolution in His Plans”. Aurelio De Laurentiis sbarca sul New York Times in un lungo ritratto firmato da Rory Smith. “Il segreto con lui è sedersi e aspettare” racconta Smith. Non chiederti perché una domanda sulla distribuzione del reddito della Champions finisca per essere una risposta sulla ‘Ndrangheta. Perché De Laurentiis “sa come tessere una storia, come creare un passo convincente. E quando arriva a destinazione, lo fa sempre, ne vale sempre la pena”. E come tutti coloro che fanno cinema ha bisogno di un “cattivo che sta ostacolando il progresso, trattenendo il gioco. Uefa, Fifa, Adidas, Nike, affari della televisione collettiva e l’establishment politico italiano, tra gli altri”. “Creare scalpore viene naturalmente. Fa tutto parte dello spettacolo”.

“Se retrocedi, devi pagare una multa”

Vorrebbe cambiare il modo in cui il premio in denaro viene distribuito dai maggiori campionati. Pensa che la sottoperformance non dovrebbe essere premiata. Piuttosto, pensa che dovrebbe essere punito. “Se arrivi primo, ottieni 100 milioni, ad esempio”, dice. “Da secondo guadagni 50 milioni e così via. Ma se finisci per ultimo, paghi una multa”. Il “nemico” lo individua nel Frosinone: «non attirano fan o interessano le emittenti al campionato – dice De Laurentiis -. Arrivano, non cercano di competere e tornano indietro, tranne che con i loro forzieri. Se non possono competere, se finiscono per ultimi, dovrebbero pagare una multa. Non dovrebbero ricevere denaro per il fallimento“.

Promozioni e retrocessioni una idiozia

“La promozione e la retrocessione sono la più grande idiozia nel calcio”, afferma De Laurentiis. “Soprattutto quando hai anche la forza di giocare. I club dovrebbero essere strutturati geograficamente, in modo che possano essere autosufficienti. Se non possono sopravvivere finanziariamente, se non possono essere autosufficienti, dovrebbero essere espulsi “.

Prima di Bari anche Londra e gli Stati Uniti

De Laurentiis non si sta allontanando dal calcio; piuttosto, si sta incorporando più profondamente in esso. Per diversi anni ha cercato di aggiungere un altro club al suo portafoglio; idealmente, gliene sarebbe piaciuto uno a Londra. “Non abbiamo mai trovato l’opportunità”, ha detto. Poi ha cercato a Baltimora, Detroit e Las Vegas dove veniva richiesta anche la costruzione di uno stadio. Infine il Bari. Acquisto impopolare a Napoli non a Bari dove è partito da zero. “Dovevamo creare il marchio, iniziando con un nuovo stemma, e poi fare una campagna, un sito web, il marketing, i social media, le maglie, trovare sponsor”. Il tutto affidato al figlio Luigi. “Bari è un marchio riconoscibile”, ha detto Luigi. “Non è Frosinone. Ha giocato in Serie A. Ha una lunga lista di famosi allenatori”.

L’ultima “follia” di Mel De Laurentiis

ilnapolista © riproduzione riservata