È Gonzalo Higuain l’uomo giusto per risollevare il Chelsea?

Le ragioni del sì e quelle del no. Alla vigilia del trasferimento del Pipita che riabbraccia Maurizio Sarri e scopre la Premier League

È Gonzalo Higuain l’uomo giusto per risollevare il Chelsea?

L’Inghilterra, e non solo, si divide su Gonzalo Higuain. Può un attaccante trentenne (in realtà trentunenne) invertire il trend del Chelsea e risollevare l’indice di gradimento di Sarri ultimamente sotto tiro dalla critica britannica? È la domanda che si stanno ponendo giornali italiani e inglesi. Vi offriamo un sintesi del loro pensiero.

Le ragioni del No

Solo nel 2016 Higuain realizzava 36 gol nel campionato di serie A. Ad oggi lo score è impietoso

È difficile che si muovano ottimi attaccanti nel mercato di gennaio (Sky sport Uk)

Ha 31 anni e in stagione segnato solo otto gol in 22 partite (sky Sport Uk)

Tifoseria sempre più scettica verso i rigidi dettami sarriani non sarà Higuain a salvare il tecnico (Corsera)

Il Chelsea non investe su over 30. Se lo fa stavolta, è solo perché Sarri ha insistito. (Corsera)

Non dà il meglio di sé sotto pressione. Il nervosismo da salvatore della Patria potrebbe tradirlo (Napolista)

Non ha una squadra che gioca per lui come al Napoli (express.co.uk)

Le ragioni del Sì

Con 36 reti segnate in 35 partite Higuain ha superato, sotto la gestione Sarri, il record in serie A di Gunnar Nordahl (www.90min.com)

L’ex Manchester United Cole dice di lui: “Ha una caratteristica particolare: segna” e questo va bene (Andy Cole)

In un campionato molto fisico come la Premier League la sua struttura fisica può aiutare il Chelsea in area. (www.90min.com)

Può permettere ad Hazard di giocare in una posizione più corretta e non da falso nove come gli chiede Sarri (www.90min.com)

Al Milan non era supportato da una squadra all’altezza (www.90min.com)

Lo stato di forma è temporaneo, la classe è permanente (www.90min.com)

ilnapolista © riproduzione riservata