“Ancelotti uomo di merda” si alza dalla curva dell’Atalanta

I bergamaschi contro l’allenatore del Napoli. E dopo novanta secondi gli azzurri vanno in gol con Fabian Ruiz servito da Insigne

“Ancelotti uomo di merda” si alza dalla curva dell’Atalanta

Seratina calda

La partita comincia con “Noi non siamo napoletani” subito seguito da “Ancelotti uomo di merda”cui il Napoli risponde andando in rete dopo novanta secondi con Fabian Ruiz.

Si preannuncia una seratina calda allo stadio “Azzurri d’Italia” di Bergamo. E mentre c’è molta attesa per i tristemente noti cori che inneggiano all’eruzione del Vesuvio, in attesa che nella curva Nord bergamasca facciano il loro ingresso i tifosi organizzati, dal settore dei napoletani si alza il coro “Odio Bergamo” con i fischi del pubblico di casa. “Odio Bergamo” è anche una delle frasi che gli ultras di casa hanno definito normali nell’ottica da stadio, in un codice che resta incomprensibile. Un comportamento assurdo che rischia di vanificare il lavoro diplomatico svolto fin qui con successo da Carlo Ancelotti.

Pochi minuti e al termine del riscaldamento arriva la risposta della curva bergamasca con “Odio Napoli” e “Noi non siamo napoletani”. Vedremo che cosa succederà. Di certo, il comportamento della curva napoletana è quantomeno autolesionistico.

 

ilnapolista © riproduzione riservata