Udinese-Napoli 0-1, il primo tempo: l’arcobaleno di Fabian, poi un match equilibrato

Lo spagnolo porta il Napoli in vantaggio con uno splendido tiro a giro, poi l’Udinese viene fuori e crea un buon numero di occasioni. Giallo Var per Milik.

Udinese-Napoli 0-1, il primo tempo: l’arcobaleno di Fabian, poi un match equilibrato

Grande ritmo

Pronti via, il Napoli decide di provare a stritolare letteralmente l’Udinese. E ci riesce, perché fin dai primi minuti la squadra di Velazquez viene schiacciata nella sua metà campo, fioccano le mezze occasioni, l’intensità del pressing è altissima. Un atteggiamento che paga i suoi frutti: Fabian Ruiz attacca in pressing Ekong, lo spagnolo è subentrato a Verdi, vittima di un problema muscolare dopo circa 100 secondi di gioco. L’ex centrocampista del Betis vince un rimpallo, supera Behrami con una finta di corpo e poi tira. Col destro, che non sarebbe il suo piede. La sua conclusione, però, è una favola d’arcobaleno che finisce nell’angolo opposto. Scuffet si lancia, non ci arriva, Napoli in vantaggio.

Per altri dieci minuti, la squadra di Ancelotti continua a martellare gioco d’attacco, a insistere nel pressing. Non ci sono grandi occasioni, anzi la prima palla gol è dell’Udinese, con Lasagna che brucia Albiol e impegna Karnezis. Da qui in poi, il Napoli gestisce il possesso con maggior calma, la squadra di casa prova ad affacciarsi in avanti con una bella combinazione De Paul-Lasagna, ma il tiro è debole. Per il Napoli, una mezza occasione non sfruttata da Zielinski, un tiro a giro fuori misura di Mertens, una conclusione rimpallata di Milik. Proprio Arek è protagonista di un caso-Var: intervento duro ma non scorretto a centrocampo, ammonizione comminata da Mariani e richiamo dalla sala Var. Si discute di un possibile rosso, ma l’arbitro conferma la sua valutazione. Durante il corposo recupero, la più grande occasione per l’Udinese, con Pussetto poco reattivo a pochi centimetri dalla linea bianca. Karnezis smanaccia, il Napoli è parso in calo nella seconda metà del tempo. Ora la ripresa.

 

ilnapolista © riproduzione riservata