Inter-Parma 0-1, tonfo nerazzurro con eurogol di Dimarco

Quattro punti in quattro partite per l’Inter, che non riescono a concretizzare la superiorità del gioco. Splendido tiro da fuori per il terzino del Parma.

Inter-Parma 0-1, tonfo nerazzurro con eurogol di Dimarco

Quattro punti in quattro giornate

Clamorosa sconfitta interna dell’Inter in casa contro il Parma. La squadra di Spalletti perde 1-0 contro il Parma, eurogol di Federico Dimarco (cresciuto nelle giovanili nerazzurre) a dieci minuti dalla fine. Per i nerazzurri, seconda sconfitta in quattro giornate di campionato dopo quella dell’esordio a Reggio Emilia contro il Sassuolo. Quattro punti in quattro partite aprono ufficialmente la crisi della squadra più attesa dopo la Juventus alla vigilia di questo campionato.

La partita dell’Inter, in realtà, non è così negativa: un buon numero di occasioni, buona tenuta difensiva e Parma anche schiacciato in alcuni frangenti della ripresa. Manca qualcosa, però, nell’ultima fase del gioco: oggi Icardi ha iniziato in panchina, poi non ha inciso nella ripresa, entrato al posto di Keita. Le chance per i nerazzurri arrivano con conclusioni da fuori, o comunque con tentativi sporchi. Il tiro più pericoloso è quello di Perisic, che supera effettivamente Sepe ma viene deviato da Dimarco con un misto gomito-fianco, l’arbitro non ravvisa nessun fallo e fa andare avanti la partita. Il momento di maggior forcing è nella ripresa, il Parma resiste e poi colpisce con un’invenzione del suo terzino sinistro: pallone recuperato in zona alta, esterno sinistro e Handanovic immobile perché impietrito da una conclusione davvero imprendibile. 

Dopo lo svantaggio, l’Inter prova a rimettere in piedi la partita con De Vrij e Perisic, ma il fortino del Parma regge bene. Primo successo in campionato per gli emiliani dopo un pareggio e due sconfitte, è la seconda storica vittoria a San Siro dopo quella del 1999. Per Spalletti, inizio da incubo, e ora ci sarà anche il via della Champions. Martedì è in calendario Inter-Tottenham.

ilnapolista © riproduzione riservata