Top e Flop delle semifinali Mondiali: Perisic uomo-partita, Kane non è all’altezza di sé stesso

Hugo Lloris conferma lo splendido periodo di forma già visto ai Mondiali, Strinic è l’anello debole della Croazia finalista.

Top e Flop delle semifinali Mondiali: Perisic uomo-partita, Kane non è all’altezza di sé stesso

Top

Perisic (Croazia) – Fenomenale, spacca letteralmente in due il match contro l’Inghilterra. Segna un gran goal in acrobazia e colpisce un palo. Serve un delizioso assist a Mandzukic. È l’uomo-partita, e la Croazia giocherà la finale dei Mondiali. Che vogliamo di più?

Lloris (Francia) – Un signor portiere. Come contro l’Uruguay, deve compiere una sola, vera parata. Ma è una parata che salva il risultato. Fantastico il volo su Alderweireld nel primo tempo.

Vrsaljko (Croazia) – Partita da giocatore totale per il terzino dell’Atletico Madrid. Suo l’assist per il pareggio di Perisic, suo il salvataggio sulla linea di porta sul colpo di testa, a colpo sicuro, di Stones.

Flop

Dembélé (Belgio) – Lento, scontato, svogliato. Porta sempre palla più del dovuto, la perde spesso e volentieri. Commette molti falli. Al minuto 60 il suo allenatore lo sostituisce, preso dalla disperazione.

Strinic (Croazia) – Anello debole della difesa della Croazia. D’altronde l’esterno inglese Trippier gli procura continue emicranie e il neo milanista va nel pallone, sbagliando ogni singola decisione.

Kane (Inghilterra) – Consueto punto di riferimento in avanti, stavolta non riesce nel prezioso lavoro di sponda. Eccessivamente lento e macchinoso al momento di concludere in porta, così l’Inghilterra va fuori dai Mondiali dopo aver cullato il grande sogno.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Anche Modric, decisivo in tutte le precedenti partite, ha clamorosamente toppato la semifinale. Ancora più sorprendente in questo senso la vittoria dei croati, senza il minimo apporto del capitano.

  2. Beh sinceramente Mertens mi è parso un flop non da poco, completamente alieno a parte il gol agli esordi. La cosa preoccupante è che si è visto il Mertens che ha giocato il finale di campionato, praticamente il gemello del Dries cannoniere. Svogliato, scatti un po’ a caso, sempre marcato perchè non si muove senza palla. Certo, non ha fatto vacanze, questo magari ha influito, ma neanche gli altri le hanno fatte.

    • Francesco Sisto 13 luglio 2018, 18:58

      Credo che a mertens abbia fatto male il seco do infortunio di Milk, cosi come gli fece bene il primo.
      Non avendo piu il pepe della panchina che gli bruciava il sederino, se è seduto, “tanto a chi mettono”..forse è stata unaconsiderazione inconscia, forse no, ma il ritorno della competizione per un posto non potra che fargli bene.

Comments are closed.