La Juventus e Cristiano Ronaldo: un’operazione di marketing a costo zero

Il titolo è cresciuto in Borsa, e il club ora può vantare l’immagine di chi ha trattato Cr7 col suo gradimento. L’affare c’è già stato.

La Juventus e Cristiano Ronaldo: un’operazione di marketing a costo zero

Più 6% in Borsa

Quando l’indice Mibtel riporta un bel più 5,89%, vuol dire che l’affare può ampiamente considerarsi positivo. E poco importa se vada in porto o meno. Il solo messaggio che Cristiano Ronaldo gradisce la Juventus, è un’operazione pubblicitaria internazionale a costo zero. Concetto che sdogana definitivamente la Juventus nell’élite del calcio europeo. Ovviamente, nei fatti, resta fisiologicamente dietro ai grandissimi club. Ma la notizia ha fatto e sta facendo il giro del mondo. Oggi era un’apertura di pagina su L’Equipe.

I vantaggi per entrambi

L’operazione è molto complessa, per non dire impossibile. Ma è perfetta per entrambi: Cristiano Ronaldo e la Juventus. Il portoghese, sapientemente gestito da Jorge Mendes, ripete ufficialmente il messaggio che lui a queste condizioni al Real non vuol rimanere, fa sul serio ed è una canzone diretta non solo a Florentino Perez ma anche agli altri club che potrebbero farci un pensierino. Su tutti il Manchester United vero obiettivo del portoghese e di sua madre che è più importante persino di Mendes.

Lo slogan

Va di lusso anche la Juventus, come abbiamo detto. Poco importa se la trattativa ci sia stata, oppure no. “La squadra gradita a Cristiano Ronaldo” è uno slogan che resiste all’usura del tempo. Se pure non dovesse andare in porto, come immaginiamo, la Juventus si è comunque proiettata in un’altra dimensione. L’unico contraccolpo potrebbe essere in caso di mercato particolarmente deludente. Ma negli ultimi anni la Juventus ha magari commesso l’errore di aver assemblato una squadra poco omogenea, non certo quello di aver messo su una squadra priva di nomi. Anche i primi nomi della stagione – Emre Can e Cancelo – ne sono una conferma.

La Juve ha vinto lo stesso

Se poi l’impossibile dovesse diventare possibile, allora bisognerebbe ammettere che sarebbe un colpo importantissimo per l’intero calcio italiano. Riporterebbe in Italia il giocatore più forte del mondo che mancava – se non vogliamo tornare a Maradona – dai tempi di Zidane. Toglierebbe al calcio italiano la patina di movimento di serie B. Anche se, ovviamente, aumenterebbe ulteriormente il divario tra la Juventus e le altre. Sarebbe un campionato sempre più simile alla Bundesliga. La sensazione, forte, è che non accadrà. La certezza, come detto, è che quasi irrilevante. La Juventus ne è uscita comunque vincitrice.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Claudio Perissinotto 5 luglio 2018, 5:57

    Da dove nasce la tua sensazione che non accadra’?

  2. Io la vedo sempre diversa: cancelo 40, emre can 16 (di commissioni), Ronaldo troppi milioni di euro e altre spese minori che sicuramente faranno. Tradotto: la famiglia Agnelli che decentra le aziende dove la manodopera è più bassa, sposta le sedi legali fuori dall’Italia (e quindi paga meno tasse in Italia) come mai continua ad avere sovvenzioni statali a perdere (cioè che non dovranno restituire) dagli stato italiano? E di conseguenza alla situazione appena descritta come può permettersi di spendere tutti questi milioni per una squadra di calcio?

  3. Antonio Scardone 4 luglio 2018, 23:13

    L’articolo è da rosiconi… l’affare può essere fatto solo se il gruppo FCA farà di CR7 il testimonial delle automobili che produce… in questo modo si possono dare i 30 mln di € netti l’anno al giocatore… , la Juventus con il suo attuale ammontare di ricavi, pari a circa 420 mln di € l’anno, non può spenderne 64 l’anno per pagare l’ingaggio ad un solo giocatore….

  4. Raffaele Sannino 4 luglio 2018, 18:51

    Io non ci vedo nulla di positivo,se non per il solito maneggione Mendes,che sta usando la juve come un pupazzo.

  5. Achille Cirillo 4 luglio 2018, 18:09

    Personalmente credo che la cosa alla fine si farà purtroppo. Credo che una società come la Juventus, con il colosso finanziario che ha alle spalle, ora come ora possa permettersi un’operazione che imprenditorialmente sembra folle, ma che in realtà folle non lo è, perché permetterebbe alla Juve di fare il definitivo salto verso la dimensione di top club che è il loro reale obiettivo. Ronaldo ti garantisce nonostante sia prossimo ai 34 anni sicuramente altri 2/3 ai suoi livelli, ma soprattutto permetterà al club di sfondare in mercati dove oggi spadroneggiano altri top club europei, elevandosi così al loro livello o quantomeno avvicinarsi parecchio in fatturati e diventando così in tutto e per tutto quello che in Germania è il Bayern Monaco. Per questo temo che sia tutt’altro che una buona notizia per il movimento calcio italiano come ho sentito dire da più parti, ma anzi diminuirà ancora di più la competitività del campionato avendo un divario enorme tra la Juve e tutte le altre, cosa che da anni accade in Bundesliga, con la differenza che li c’è un sistema calcio virtuoso e che funziona, dove si è investito in strutture e accademy giovanili, o anke in Francia dove si c’è il PSG è il campionato è tutt’altro che coinvolgente ma anche lì il movimento ha investito in stadi e infrastrutture per i settori giovanili, mentre in Italia sappiamo tutti lo stato attuale delle cose. Detto questo spero non si realizzi anche per una mera questione di tifo, e onestamente sarei tutt’altro che contento vedere Ronaldo alla Juve anche perché già sono insopportabili così…

    • Antonio Scardone 5 luglio 2018, 10:04

      Da Juventino ti dico che hai fatto una analisi impeccabile, se Ronaldo va alla Juventus è perché il gruppo FCA ha deciso di fare un importante investimento di Marketing , che a cascata produce sulla Juventus gli effetti che hai testè detto, indipendentemente da quello che sarà il suo rendimento sul campo… produrrebbe un effetto di leva economico finanziaria che porterà la Juventus ad avvicinarsi notevolmente alle possibilità economiche di Bayern , Barcellona e dello stesso Real Madrid…

      • Achille Cirillo 5 luglio 2018, 13:57

        Esatto, credo che sia questo l’obiettivo reale, e Ronaldo è il tramite (bellissimo tramite). tra l’altro da parte della Juventus è una mossa imprenditorialmente impeccabile e lodevole, il problema oltre il fatto che da non juventino la cosa non mi esalti ovviamente, ma è che purtroppo avrà ricadute positive solo e soltanto per la Juve mentre per il calcio italiano potrebbe essere addirittura deleterio, creando un solco incolmabile per tutte le altre (per colpe anche loro ovviamente) e rendere il campionato poco interessante e di conseguenza poco vendibile.

        • È esattamente il contrario, ahinoi. Diverse analisi sui campionati europei hanno indicato che gli abbonamenti allo stadio, e soprattutto la vendita di diritti tv, sponsorizzazioni e gadget, non dipendono dalla competizione alla pari, ma piuttosto dalla presenza di una squadra ammazzacampionato piena di top player. Tanto più se devi vendere ai mercati più promettenti (e.g., Cina), dove riconoscono un CR7 ma non capiscono nulla di calcio. Quindi se l’affare si fa, lo sport non ne guadagnerebbe, ma il “movimento” si. Alla fine, sossòldi.

          • Achille Cirillo 10 luglio 2018, 8:07

            Giusta osservazione che comprendo, anche se resta il fatto che sportivamente potrebbe essere la tomba della serie A, e l’eventuale incremento di guadagni sulla vendita di diritti TV (soprattutto all’estero), indotto da stadio e quant’altro, sarà l’ennesima occasione persa per il sistema calcio Italia di fare il salto in avanti investendo quei guadagni in infrastrutture e settori giovanili, come purtroppo già dimostrato in passato con varie occasioni di crescita collettiva buttate bellamente alle ortiche per ottusità di dirigenti inadatti e immancabili interessi personali e di campanile. Spero di sbagliarmi ovviamente ma la mia fiducia verso il sistema calcistico tricolore è pari a zero.

        • Antonio Scardone 9 luglio 2018, 18:38

          Le altre squadre Italiane dovrebbero decidersi a seguire una politica aziendale similare a quella della Juventus,quindi stadi di proprietà ed altri investimenti immobiliari fruttiferi , che ne facciano crescere i ricavi e quindi le possibilità di ingaggiare giocatori di un certo livello, per tornare a competere anche in Europa, onestamente un campionato nel quale l’unica squadra a competere abitualmente in Europa è solo la Juventus, dice poco a tutti….

  6. onofrio marino 4 luglio 2018, 18:00

    Ma tutto sto marketing non lo vedo. Ronaldo non cede di certo i diritti di immagine. E poi, per piacere, evitiamo quelle frase senza senso– se non vogliamo tornare a Maradona –. Non esiste il paragone. Infine mi chiedo se avete visto Cavani, in questo mondiale ha dimostrato di essere il più forte, il più completo; era in difesa, a centrocampo, in attacco a centro, a destra e a sinistra, c’è mancato poco che facesse il portiere. Questo giocatore è e sarà sempre il rammarico maggiore dopo l’Innominabile.

  7. L’operazione sarebbe ottima per i gobbi.
    Non tanto dal punto di vista sportivo, ma quanto dal punto di vista commerciale. Sarebbe il salto di categoria. Quando, anni fa, Florentino assemblava i galacticos lo si prendeva in giro perche’ non portava risultati corrispondenti ai soldi spesi. Invece lui posava le basi per quel fenomeno mondiale che e’, oggi, il Real Madrid. La Juve di Moggi li batteva puntualmente ma si vendeva Zidane. Florentino perdeva e faceva crescere il brand. Crescita che oggi gli permette di compare chi vuole al prezzo che vuole senza aver bisogno di petrodollari.
    La Juve con CR prova a fare la stessa cosa, alza il livello del brand. Porta i gobbi ad essere amati a livello mondo e pone le basi per il futuro. Non e’ un all-in sulla coppa, e’ un’operazione di lungo termine.
    Noi non ce lo possiamo permettere, e comunque ADL operazioni del genere non credo le farebbe mai. Lui fa solo crescita organica. Che, visto il contesto cittadino e nazionale, va fin troppo bene, ma i fenomeni dell’imprenditoria sono altri. Anche se spesso si schiantano.

    • Antonio Scardone 9 luglio 2018, 18:48

      Napoli è l’unica grande città Italiana ad avere una sola squadra, se ADL si decidesse a dotare la società di stadio di proprietà etc etc etc … quindi a fare una politica aziendale similare a quella della Juventus, il Napoli Calcio vedrebbe tanti bei soldini…. e potrebbe iniziare ad ingaggiare un numero crescente di grandi giocatori…..

  8. White Shark is still here 4 luglio 2018, 15:04

    Ma farà il tornante o lo metteranno in panchina?

  9. Sergio Travi 4 luglio 2018, 13:59

    Posso fare una domanda stupida stupida? Ma con i prezzi che girano nel mercato oggi, con giocatori di media fascia che vanno per i 40 milioni, con un Higuain pagato soltanto due anni fa 90 milioni, come fa Ronaldo, il top, a costare, a quanto si legge, 100 milioni? E’ in saldi? Cosa mi sfugge?

    • 34 anni a Febbraio. Se ti va bene, lo prendi per due-tre anni. Per quanto curi il suo fisico il rischio che crolli c’e’. E se crolla tra sei mesi hai buttato un capitale.
      Detto cio’, e’ un rischio che vale la pena di correre a quelle cifre.

    • Che il real non ha bisogno di monetizzare ma di togliersi un salario esoso come quello di ronaldo e rinfoltire la rosa con profili più giovani.

    • mauro nardos 5 luglio 2018, 3:35

      Che ha quasi 34 anni?

    • 33 anni.
      Sono anche quelli a fare il prezzo.
      Ovvio che il professionista non si discute ma il dato anagrafico induce a pensare che non è impossibile un crollo perentorio delle sue prestazioni anche in sole due stagioni.
      Specie se (Dio non voglia) dovesse patire infortuni seri cosa che è sempre riuscito ad evitare finora (mi viene in mente Ibra che in pratica, dopo il primo serio infortunio della sua carriera è passato dall’essere il vertice di una squadra che mirava a vincere la Premier alla… MLS).

      Oltre a questo, anche le (presunte?) frizioni del giocatore con la dirigenza madrilena gli consentono un certo leverage anche nelle trattative della sua cessione.

  10. Gennaro Saggese 4 luglio 2018, 13:14

    Devo ammettere che sarebbe un bel colpo riuscire a prendere CR7. Onestamente non ne invidierei l’ingaggio, anche perché significa dare 30 milioni l’anno x 4 anni (ovvero 240 milioni lordi) al giocatore, è vero che è il migliore al mondo (o tra i migliori al mondo) ma parliamo sempre di un atleta che a febbraio compierà 34 anni. Inoltre questo acquisto lo vedo anche positivo per il Napoli, in primis, una Juve con CR7 ti stimola ancora di piú a fare meglio e poi in seconda luogo deresponsabilizza un po’ la squadra dal dover quasi per forza dover vincere lo scudetto, credo che se il Napoli giochi con meno ansia e pressione possa dare di più.

    • Magari Cristiano Ronaldo andasse alla Juventus, sarebbe la volta buona che DeLa sarebbe costretto a rispondere, magari riportando Cavani. 😛

  11. Il campionato italiano comunque rimarrebbe un campionato di serie b purtroppo.

Comments are closed.