Il Mattino: il caos del Chelsea preoccupa Sarri

Situazione ferma da un mese. Abramovich non sbroglia la matassa Conte. Il Mattino scrive che il ritiro dei Blues potrebbe slittare di qualche giorno

Il Mattino: il caos del Chelsea preoccupa Sarri

Situazione ferma da un mese

È la settimana di Maurizio Sarri al Chelsea. In realtà, è la quinta settimana utile. Ma poiché è l’ultima – il 9 il Chelsea va in ritiro – dovrebbe essere quella decisiva. La vicenda è ormai arcinota. Abramovich deve aprire due lucchetti entrambi non gratuiti. Il primo porta il nome di Antonio Conte che ha ancora un contratto e che non si muove da lì senza undici milioni di euro netti e venti lordi per i Blues. E poi c’è la clausola di Maurizio Sarri: gli ormai celebri otto milioni che De Laurentiis vuole incassare, a maggior ragione sapendo che Abramovich ne sborserebbe il doppio per sbarazzarsi di Conte.

La situazione è ferma da un mese. Ogni giorno leggiamo che domani, o tra 48 ore, è il momento decisivo. Dal Chelsea non è mai arrivata una dichiarazione ufficiale che fosse una. Né di Abramovich né della sua plenipotenziaria Marina Granovskaia (e non Abramovic, quella è un’artista contemporanea, una performer). I tifosi inglesi ormai non ne possono più. Mai in quindici anni il Chelsea del magnate russo è parso così allo sbando. Qualcuno teme addirittura la smobilitazione.

Intanto, però, le voci di mercato si rincorrono. Il Chelsea segue Rugani, Higuain, Golovin. Tutte indicazioni di Sarri che potrebbe portare con sé anche Hysaj. Fino a qualche giorno fa, anche Albiol era in questa lista.

Il ruolo di Ramadani

A condurre la trattativa è Ramadani l’agente che si è fatto intermediario. Con ogni probabilità dovrebbe essere lui la fonte dei tanti articoli che si rincorrono da oltre un mese. Il Mattino oggi scrive che “Maurizio Sarri non sa davvero più cosa pensare. Non ha più le certezze di qualche giorno fa quando, arrivato a Londra, ha trovato facilmente l’intesa con i manager dei Blues». Anche il quotidiano napoletano scrive che “emissari inglesi hanno già preso contatto con De Laurentiis che ha dato la sua disponibilità a trattare. Ramadani, che è l’uomo che sta gestendo l’operazione, mostra ottimismo”. Entro mercoledì si saprà tutto, riporta Il Mattino che ipotizza addirittura uno slittamento del ritiro del Chelsea. Altri annunciano che Sarri sarà presentato venerdì. Intanto il Guardian scrive che Conte sta preparando il programma di lavoro. Questo è il pianeta Chelsea al 2 luglio 2018.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. sono dispiaciuto per sarri e allo stesso tempo quasi…”orgoglioso” per una società, la mia, che ha risolto brillantemente la questione quasi un mese fa. spero sinceramente che de laurentiis non vada via mai. guardate altrove…a parte la juve, è un caos TOTALE.

  2. Visto che attualmente Sarri è ancora l’allenatore del Napoli incaricato di condurre la prima squadra, si presenterà a Dimaro a dirigere l’allenamento. Se non lo esonerano quello deve fare per non venire meno ai suoi obblighi contrattuali.
    Quando lo esonerano potrà interessarsi di altri Club.
    Prima non lo deve fare né dire mezza parola.

    L’unica dicihiarazione autorizzata è stata quella di Pellegrini, che è l’agente di Sarri: “Chelsea? Sarri è l’allenatore del Napoli, non aggiungo altro…“
    Poi che Pedullà o Quaquaraqua dicano o scrivano non conta niente.

  3. Giulio Valerio Maggioriano 2 luglio 2018, 13:03

    Situazione assurda..

  4. Raffaele Sannino 2 luglio 2018, 12:09

    Ma vuoi vedere che tra sscn e Chelsea la vera salumeria è quella inglese?Fosse successo a Napoli sarebbe scoppiato il finimondo.Il viatico per chi ha voluto un upgrade della carriera è cominciato nel migliore dei modi.Figuriamoci il prosieguo….

  5. Maurizio maurizio ti sei andato a ficcare in un bel casino. Speriamo che tu non faccia la stessa fine di Mazzarri e Benitez.

Comments are closed.