Lopetegui al Real Madrid, l’ombra di Jorge Mendes sul terremoto spagnolo

Il potentissimo agente portoghese ha la procura del tecnico spagnolo, nonché di molti calciatori della Roja. Un’altra lettura del caso più clamoroso di questi giorni.

Lopetegui al Real Madrid, l’ombra di Jorge Mendes sul terremoto spagnolo

Rapporti incrociati

Il caso-Lopetegui ha agitato le cronache pre-Mondiali. In Spagna, ma anche in Portogallo. Sì, perché basta fare una ricerca veloce su internet per capire che il clamoroso licenziamento del ct iberico potrebbe essere legato anche alla GestiFute di Jorge Mendes, ai rapporti incrociati tra il Madrid, alcuni calciatori della nazionale e il potentissimo procuratore lusitano.

Un articolo del Pais racconta alcuni retroscena della vicenda: «Lopetegui condivideva la sua agenzia di rappresentanza con alcuni calciatori importanti convocati per il Mondiale in Russia: De Gea, Rodrigo, Saul e Diego Costa. Una situazione che avrebbe creato non pochi problemi al ct, soprattutto nello spogliatoio. Per molti mesi, altri elementi importanti della nazionale spagnola hanno sospettato del proprio allenatore, del fatto che potesse prendere alcune decisioni pensando alla sua carriera dopo il Mondiale».

Il suo discorso alla squadra ha offeso più di un giocatore

Poi, ecco l’annuncio del Real Madrid. E tutte le conseguenze del caso, che vi abbiamo raccontato e di cui abbiamo scritto in maniera abbondante. El Pais spiega che il suo discorso d’addio alla squadra «ha offeso più di un giocatore, dal momento che è entrato in contraddizione con le ripetute ammonizioni di un tecnico che aveva trascorso le ultime settimane lavorando sulla psiche dei suoi giocatori, invitandoli a concentrarsi solo sulla Coppa del Mondo».

La storia di Lopetegui è davvero strana, si legge ancora su El Pais: «Una volta Jorge Mendes ha dichiarato: “Non vi sembrava impossibile, quantomeno strano, che un allenatore senza esperienze di alto livello potesse firmare per il Porto, per allenare in Champions League?”. È quello che è successo anche ora, col Real Madrid». Che poi, basta fare due più due per capire come stanno andando le cose. Cristiano Ronaldo aveva manifestato un po’ di mal di pancia, stuzzicato dal Psg. Al di là di un faraonico rinnovo (in arrivo?), come o cosa fare per restituirgli il sorriso? Jorge Mendes avrà pensato a un “suo” tecnico, a un uomo della GestiFute nello spogliatoio del Bernabeu. Magari il ct della Spagna può andar bene. Julen Lopetegui, appunto. Che ha pianto sull’aereo del ritorno, ma ora sarà impegnato sulla panchina di una squadra che ha vinto le ultime tre Champions. È il gioco del grande calcio, condotto ad arte da Jorge Mendes. E che non è piaciuto granché alla Federcalcio spagnola.

ilnapolista © riproduzione riservata