Orsato in Qatar è la conferma di un arbitraggio disastroso

Seconda partita consecutiva saltata dopo Inter-Juventus. Ci sono diverse chiavi di lettura, ma resta il fatto: nel momento più importante della stagione, Orsato è stato messo da parte.

Orsato in Qatar è la conferma di un arbitraggio disastroso

Dopo Inter-Juventus

Passi per la prima partita, ma già la seconda è una mezza notizia. Anzi, una notizia intera, fatta e finita, pure decisamente importante. Daniele Orsato non è stato designato per nessun match della 37esima giornata di Serie A. Aveva saltato anche la 36esima, subito dopo il caos di Inter-Juventus. E ora arbitrerà un match della Qatar Super League, a Doha il 12 maggio. 

La vicenda va letta e interpretata secondo punti di vista differenti. Intanto, prima di tutto: nel momento più caldo della stagione, Orsato viene messo da parte al di là di una turnazione logica. Quindi, vuol dire che qualcosa è cambiato dopo Inter-Juventus. Certo, ci sono altre chiavi: Orsato sarà addetto Var ai Mondiali, il viaggio in Qatar potrebbe essere un’occasione per riposarsi in via dell’appuntamento in Russia, non tanto una “vacanza-premio” quanto più che altro un modo per andare incontro alle esigenze particolari di uno degli arbitri di riferimento del nostro sistema – tra l’altro, una delle poche cose che rappresenteranno l’Italia alla kermesse iridata, in più con il “peso” dell’anno di Var.

Allo stesso modo, però, il fatto che Orsato sia stato effettivamente “fermato” dai vertici arbitrali sottolinea con la matita blu la serata infelice di San Siro. Come dire: qualcosa è andato storto, ce ne siamo accorti. E abbiamo capito che, in questo momento, Orsato non ha la serenità necessaria per continuare a dirigere partite importanti. La dirigenza dei fischietti ha dato un segnale dopo le critiche, in questo modo ha ammesso – implicitamente, ma neanche più di tanto – che a Milano ci sono stati degli errori gravi. Perché non si ferma un arbitro così importante nel momento più importante del campionato, se non per validi motivi. Appunto.

ilnapolista © riproduzione riservata