L’Italia scopre la sudditanza psicologica degli arbitri e l’importanza del Var

Qualche riflessione sulla due giorni calcistica in Europa e in Italia. Neanche giocare male aiuta a vincere

L’Italia scopre la sudditanza psicologica degli arbitri e l’importanza del Var

La due giorni calcistica

Una due giorni calcistica densa di partite. Sfide nazionali ed internazionali che suscitano qualche domanda.

E qualche (cattivo) pensiero:

I cantori dei successi juventini scrivono che è impossibile battere un Real Madrid così. Tra di essi ce ne sono molti che un anno fa sorridevano ironicamente sul Napoli che uscì a testa alta dalla doppia sfida con i “blancos”. Affermando che giocare bene non serve se poi non vinci.

Forse neanche giocare male aiuta molto a vincere. La Juve di Champions ne sa qualcosa.

Gli stessi cantori si affrettano poi a ricordare che comunque la Juventus ha giocato due finali in tre anni. Al netto dei meriti dei bianconeri, non sempre i sorteggi regalano squadre abbordabili, ma che per vincere la Champions League può anche capitare di dover battere delle squadre forti e blasonate.

I commentatori italiani accusano gli arbitri in Europa di sudditanza psicologica nei confronti delle squadre spagnole, dimenticando come sono andate le cose nel calcio italiano per tanti anni.

Con il silenzio e la complicità dei media.

Gli stessi commentatori invocano il Var in Europa. Dopo aver passato otto mesi a criticarlo, e a coccolare gli allenatori contrari alla tecnologia, fanno tanta tenerezza.

Sampaoli

Due settimane fa i media italiani, presi da un’improvvisa passione per la nazionale di calcio argentina, hanno a lungo criticato il ct albiceleste, Jorge Sampaoli, per le mancate convocazioni di Dybala ed Icardi.

In questi due giorni i due giovanotti ne hanno fatte di tutti i colori. Il primo si è fatto espellere nella partita più importante dell’anno e il secondo si è divorato due gol fatti.

Forse Sampaoli non ha tutti i torti.

Oddo e Zenga

Due allenatori molto benvoluti dai media italiani, e che hanno goduto di ottima stampa non appena subentrati sulle panchine di Crotone ed Udinese, nelle ultime 7 partite hanno collezionato rispettivamente 4 punti e 0 punti. Si tratta di Walter Zenga e Massimo Oddo, per i quali si erano spese delle lodi un po’ troppo frettolose. Essere amici degli opinionisti potrebbe non bastare per conservare a lungo la panchina.

Uno dei tanti giocatori periodicamente rimpianti dalla piazza napoletana, tale Gonalons, a Barcellona si fa notare per l’ennesima prova disastrosa. Forse esiste davvero una macumba per chi rifiuta Napoli.

Giaccherini segna un altro gol importante contro il Sassuolo. Sembra rivitalizzato. La sua cessione così urgente suscita quanto meno qualche riflessione.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. amempiacujazz 6 aprile 2018, 9:42

    La macumba per chi rifiuta Napoli? Quale sarebbe quella di Politano?

    • Roberto Liberale 6 aprile 2018, 23:28

      Quella della macumba era una battuta.
      Comunque tecnicamente Politano non ha rifiutato il Napoli, anzi si è dichiarato più volte felice di un eventuale trasferimento. Il trasferimento di Politano lo ha rifiutato Marotta, e di conseguenza lo ha fatto rifiutare a Carnevali. Parlo invece di quelli che davvero hanno detto di no ad alta voce, da Paolo Rossi in poi.

  2. I commentatori italioti che accusano gli arbitri non italiani della sudditanza psicologica da che pulpito. Non avete visto la partita JUVENTUS-REAL MADRID su Juve Channel, dove il commentatore dice scandalo non da rigore su Dybala……. da quei canali.. “Acquaiuoooo, l’acqua è fresca???!!!”. Il VAR è necessario? si per loro su Dybala è necessario anche se è simulazione, trovano il fruscio di vento sulla gamba del capriccioso bimbetto argentino, chiediamolo a MAURO lui è esperto di lotta VAR. Vero, i Media e gli antiVAR juventini coccolano i pochi allenatori antiVAR. (Inzaghi). Su Icardi e Dybala, forse Sanpaoli mon ha tutti i torti, uno cascatore che all’estero fa rimanere in 10 la propria squadra e l’altro mangiatore di gol, in questi tempi, regali non se ne fanno. Su Gonalos, na sola, fosso scansato un bidone o mezzo bidone non so chi vale di più il mezzo bidone o bidone intero, fate voi, pensare che quel idi…..del prrresidente del Lione, si faceva attendere da più sessioni di calciomercato, non dare Gonalons al Napoli, salvo poi darlo in 48h alla Roma, appena lo richiede. Liberale, sei un grande.

  3. Pacojonathan 5 aprile 2018, 16:49

    Rimpiangere giaccherini? Una mummia? Ridicolo….

  4. Attenzione a prendere in giro Gonalons e i tifosi che lo rimpiangono (io personalmente non ne conosco nessuno. Voi?). Non abbiamo preso Gonalons, è vero, Dio ce ne scampi e liberi, ma in compenso negli ultimi tre o quattro anni anni abbiamo preso David Lopez, Ounas, Macach, Maksimovic, Valdifiori, Regini, e altri che ora non ricordo, insieme ovviamente a tanti altri giocatori molto migliori. Quindi usare Gonalons per attaccare “by default” i tifosi incompetenti non mi sembra una gran bella cosa.

  5. A Roberto Liberale che parla di sorteggi fortunati vorrei ricorda che negli ultimi tre anni la Juve di Allegri ha incontrato 5 volte Real e Barca in scontri ad eliminazione diretta. E la Juve è passata due volte, uscendo tre volte (comprese le due finali). Un abisso di differenza con il Napoli che conferma quanto accade in Campionato.

    • Stai sereno. Le due sfide con andata e ritorno sono state due colpi di fortuna incredibile (lo scorso anno col Barcellona giocato un tempo con un fortunoso 3 a 0 e poi 3 tempi rintanati in difesa. Un paio di anni fa col Real al ritorno dovevate essere sotto di 4 gol e casualmente avete trovato il gol qualificazione). Stessa fortuna quest’anno al ritorno col Tottenham. Un abisso di differenza con l’Europa che conferma quanto accade in finale (e non solo negli ultimi anni).

    • Anche Porto, Siviglia e scandalo Monaco Oltre queste, la Juve, anche il Galatasaray ma eliminato dai turchi, dove piansero per la nivicata. Il Napoli, City, Chelsea, Real Madrid, Bayern Monaco, Dortmund con arbitro scandalo.

Comments are closed.