Viva l’afammok di Donnarumma, basta con questa permalosità di popolo

Il video – peraltro privato – del portiere del Milan non è altro che lo specchio di noi tifosi napoletani che stavolta ci siamo trovati dall’altra parte e ci siamo offesi

Viva l’afammok di Donnarumma, basta con questa permalosità di popolo

“Un intero popolo” offeso

AFAMMOOOOK. Scritto proprio così, in grassetto, con le “o” che si allungano verso la “k”. E recitato meglio, decine di volte al giorno, dal tifoso napoletano, in una lettura costante e reiterata di una gergalità diffusa e trasversale. Ogni volta che le cose hanno un risvolto positivo inatteso: AFAMMOK. La Juve ha sbagliato un rigore? AFAMMOK! Hanno fischiato un rigore contro la Juve? AFAMMOK! Ha segnato Diawara al 95’? AFAMMOOOOOOOKKKK!”.

Poi, di netto, lasciate rutto e frittata di maccheroni sul divano unto, e v’impettite sui social: abito e cravatta virtuali da censori della buona creanza, e con una farfugliante netiquette di rimbalzo puntate il dito: Gigio Donnarumma, napoletano, come ha potuto costui offendere “un intero popolo” (quantificazione congrua, che nella difesa dell’identità territoriale non ammette defezioni) con un video privato mandato a un parente suo. Dopo aver salvato la porta del Milan con una parata incredibile allo scadere, lui che per mestiere fa il portiere del Milan.

Processo con rito precox

In questo processo con rito precox Donnarumma viene accusato di qualsiasi cosa: ha 19 anni, vergogna; è napoletano, vergogna; è miliardario, vergogna; è stupido perché non doveva farsi filmare, vergogna. Siete gli stessi che di “AFAMMOK!” in “AFAMMOK!” dislocate online la vostra libertà di svago e di sfogo, a 40 come a 60 anni, incuranti della dignità espressa – quando la fortuna vi sorride – al di fuori del convenzionale orinatoio social: persone perbene, padri di famiglia, fulgidi esempi di rettitudine lavorativa e sociale.

Poi, però, il ragazzino-napoletano-miliardario fa due cose abbastanza banali e consone: para ed esulta, e lo fa scherzando con un suo prossimo come tutti noi – ma proprio usando la stessa espressione – a Napoli facciamo. Solo che stavolta la vittima è il Napoli, è la nostra permalosità di comunità monolitica, è la nostra identità che viene pugnalata dal tradimento di un “figlio del Vesuvio”, è il nostro sogno di restare aggrappati allo scudetto che viene strappato via con una insensibilità che manco un arbitro inglese in un quarto di finale di Champions.

Paladini del bon ton e dell’ipocrisia

Il piano, forse non vi è ancora chiaro, è lo stesso del pianto in mondovisione di Buffon, che nelle stesse sedi – i social – vi siete affrettati (giustamente) a biasimare fino alla noia. Di portiere in portiere, l’imbarazzo generale resta immutato per la mancanza assoluta di cultura sportiva e senso dell’opportunità. Il mirino si sposta al primo soffio di grecale: ora tutti occupati a condannare il video di Donnarumma, paladini del bon ton e dell’ipocrisia che un secondo prima – stessa spiaggia stesso mare – odiavate a tastiere unificate. In un gioco al massacro che si auto-alimenta perdendo il senno per la via. Perché alla fine per sanare il pasticcio, Donnarumma, di video ne fa un altro: si scusa, mica voleva offendere i napoletani, che anzi lui a Napoli “ci scende” sempre volentieri, eh. Ma non va bene nemmeno così! Perché è troppo tardi, perché è un ipocrita, ora. E vi attaccate pure al verbo “scendere”, declinato dal vostro senso di inferiorità a moto snob: lui sta su e si abbassa a scendere giù…

Il limite della decenza andrebbe marcato ben prima di consegnarsi a questa emulsione di istinti malamente espressi sulla pubblica rete. Anche perché lo sport, nella sua essenza, sta proprio tutto in quel “AFAMMOK”: è l’orgasmo del campione che vince ed esulta. Non si può leggerlo al contrario, o ancora peggio per convenienza. Donnarumma ha fatto il suo lavoro di sportivo parando il tiro di Milik, e il suo lavoro di giovane uomo con degli affetti e un po’ di senso dell’ironia sfottendo lo zio tifoso del Napoli. Fa bene a tutti, un mondo così trasparente, fidatevi. Checché ne dicano sui social.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. amempiacujazz 18 aprile 2018, 9:15

    Gigio l’insensibile e Gigi il sensibilissimo. “Ipocritical chic”.

  2. E invece io sono d’accordo col Piccirillo, in nome di tutti i vafammok che ho tirato io da una quarantina d’anni a questa parte.
    Quando succederà, se mai succederà, affiggeremo un vaffammok gigante in piazza plebiscito.
    Di tutta questa storia quello che mi sciocca e perplime di più è che mi trovo d’accordo anche con uno qua sotto, che mi sta un po’ sulle palle 🙂

    PS: preferisco nettamente donnarumma a sbruffon

  3. due pappine all’andata..AFAMMOOOKKK!
    ecco il senso. e trovo pure triste che si sia dovuto scusare!

  4. Donnarumma chi?
    Ora contano due cose: Udinese e Juve.

  5. in tre anni che frequento questo sito questo è l’articolo più insulso che ho mai letto. il politically (s)correct si è impadronito anche del napolista ? spero di no. il mio più cordiale afammok.

  6. Oramai la gente presta più attenzione ai social che alla vita reale. Ma facitev na vita e lasciate stare sti cavolate.

  7. Quindi questi ragazzini in mutande devono solo avere i nostri soldi, un minimo di educazione niente, un minimo di esempio niente. Poi non ci lamentiamo se crescono e diventano Buffon e Benatia.

    • Ferdinando non ti seguo. Il video doveva essere privato. Se anche nel privato questi ragazzi devono manetenere l’ipocrisia di facciata che la società oggi impone a tutti, allora davvero è una vita che non vale la pena di essere vissuta.

  8. marco bonfitto 17 aprile 2018, 17:22

    Un detto romano dice ” a chi je tocca nun se ingrugna”.La ruota gira ora è toccato a Dollarumma parlare poi toccherà a noi…

  9. I vaffammoooook sono pure conseguenze delle risposte piccate dei napoletani sui Social. Lui, il BABBARRUMMA, a corredo di annesse papere, vistosi accerchiato dal volume di risposte piccate su Facebook, ha voluto rimediare con un goffo “chiedo scusa”. Poi, nonostante antijuventino a vita, gli dico vaffammooook del rigore contro al 97° della rube dove lui piangeva. La chiagn e ca rir? Na vot a te na vot a me si suol dire no? Bravo, BABBARRUMMA, hai fatto il tuo dovere, hai pure tu contribuito alle “fortune” altrui, parando su Milik, il mondo gira tienilo presente sempre. N.B., non condivido l’articolo il bambino di Castellammare, si è meravigliato come mai il video è sui Social se non lui o lo zio lo mettevano chi la nonna? se muntat e sord e a parata sta la…..Sig. Piccirillo, io non lo mai letto su Il Napolista ma sappi che le frittate di maccheroni sui divani costosi i napoletani mai le mangerebbero forse lei è un esperto di mangiate sui divani di casa per dire ciò. Così domani, grazie ai suoi articoli ci saranno altri BABBARRUMMA.

    • E che doveva fare? Non doveva fare la parata per far vincere il Napoli? Ma dai…

      • confy1926 fnsempre 18 aprile 2018, 8:31

        Certo che la doveva fare, è normale gioca con il Milan, lo ribadisco ancora, qui si esce sempre fuori tema, qui si commenta l’articolo di Piccirillo, nessuno ce l’ha con Donnarumma si fa riferimento semplicemente al video e basta.

      • Leggi il virgolettato, ho scritto “hai fatto il tuo dovere facendo pure un favore alla juventus”. Leggi pure il commento si Confy, qui si risponde in modo civile a Piccirillo più che altro, altrimenti su Donnarumma o BABBARRUMMA mai avremmo premuto un tasto per questo video.

  10. Tutto sommato è un buon ragazzone.mi dispiace solo che non sia tifoso del Napoli. Ma va bene anche così.

  11. me ne disinteresso completamente, io sono educato loro siano come vogliono essere, donnarumma feltri benatia buffon, il problema é loro non mio. forza napoli e pensiamo alle cose serie

  12. Ma se un sindaco istituisce lo sportello “difendo la città” (notizie di cause vinte ???) cosa ci vogliamo aspettare dal popolo che rappresenta ???

    Donnarumma ha 19 anni ed ha il diritto di prendere in giro lo zio senza che nessuno si debba sentire offeso o defradurato… Poi vorrei vedere i benpensanti riuscire a fare la parata che ha fatto Donnarumma e non dire “AFAMOOOOOOOOOKKKKKKKKKKK”……

    • confy1926 fnsempre 18 aprile 2018, 6:10

      Stai a fare tutto tu qui si sta ribadendo che nessuno si è sentito offeso da Donnarumma, qui si commenta l’articolo del sig. Piccirillo che accusa tutto e dico tutto il popolo dei tifosi del Napoli , mo te ne esci con lo sportello del sindaco e altre fesserie e paragoni che poco hanno a che fare con l’articolo. Funereo e sepolcrale ti hanno trattato bene.

      • Piccirillo fa bene ad accusare. Anche perchè non dice fantasie dice la verità.

  13. Pietro Avossa 17 aprile 2018, 14:33

    Sig. Piccirillo, forse sarà capitato a lei di ruttare sul divano unto con la frittata di maccheroni in mano, ma non credo agli utenti di questo sito.
    Comunque, visto che non c’è da sentirsi offesi, un cordiale afammok anche a lei.

    • E poi dite a me che sono funereo e sepolcrale…. Ma quando Rafael parò il rigore di Padoin (ormai siamo alla preistoria) a casa Avossa che è successo ??? Sopracciglia alzate per lo giubilio o AFAMMOOOOOK che volavano per la casa ???’

      • Pietro Avossa 17 aprile 2018, 18:11

        Davvero ti dicono che sie funereo e sepolcrale? Come mai?

        • Perché cerco la realtà. Non dei vessilli rivoluzionari da inseguire, come gli ignavi…

          • Mario Fabrizio Guerci 18 aprile 2018, 11:49

            Ah però…!
            dal foscoliano al dantesco,ottima questa dei vessilli!

    • Ma siii un cordiale vaffammooook pure a lui il Piccirillo, senza offesa.

    • Articolo pazzesco!

      Donnarumma è un ragazzino con molti difetti e un grosso pregio: para bene. Il resto sono bambinate. Non andiamogli dietro.

  14. confy1926 fnsempre 17 aprile 2018, 14:31

    Scusi, lei ha coinvolto e accusato tutto il popolo napoletano di mancanza di dignità ed eccesso di ipocrisia. Ma a chi si riferisce, a quei quattro imbecilli che sul web si divertono a vomitare insulti e quant’altro?. Gli imbecilli sono dappertutto, quindi nessuno può venire a dare lezioni di bon ton a nessuno. Il bon ton dovrebbe cominciare prima dagli addetti ai lavori che godono nello scatenare polemiche senza senso che fruttano un po di click e qualche copia di giornale. Ripensi un attimo a quello che ha detto Buffon , Benatia ecc ecc , ripensi un po a quello che ha scritto e continua a scrivere il sig. Feltri ecc ecc., ripensi un attimo alle parole di Sarri a Mancini dove si è scatenato un putiferio. E non mi venga a dire che sono permaloso, è solo diritto di opinione.

  15. Assolutamente condivisibile, ma temo rimarrà inascoltato. Come mi giro c’è gente che parla di sta ca**ta in maniera livorosa. Provo pena.

Comments are closed.