Sarri: «Abbiamo preso 4 gol dalla Roma che ha toccato 8 palloni in area. Dobbiamo capire questo»

La conferenza stampa: «Non voglio seghe mentali, la prestazione è stata ottima. Non dobbiamo uscire abbattuti, ma consapevoli»

Sarri: «Abbiamo preso 4 gol dalla Roma che ha toccato 8 palloni in area. Dobbiamo capire questo»

Contraccolpo psicologico due anni fa

«Spero che il contraccolpo sia uguale ad allora, dopo l’1-1 col Milan. Fu una stagione in cui facemmo 41 punti sia all’andata che al ritorno. Se ne facciamo 48, arriviamo a 96 e diventa interessante»

«Abbiamo effettuato 27 tiri in porta, 15 nello specchio, creato 11 occasioni da gol. Dobbiamo capire perché abbiamo consentito di fare quattro gol a una squadra che ha toccato otto palloni in area

«Non dobbiamo uscire abbattuti, ma consapevoli. In capo c’era la sensazione della partita maledetta. Dobbiamo capire perché è successo questo.

Il pareggio forse è stato un episodio che ci ha congelato un attimo. Quello che penso l’ho detto due mesi fa. Stasera sarebbe un alibi per i calciatori.

34 palle perse a partita, oggi ne abbiamo perse 53

«Per avere un’idea su questo numero, dobbiamo vedere quanti palloni abbiamo giocato stasera. Qualcosa in più del solito nella fase iniziale l’abbiamo perso, anche nella nostra metà campo. Ho avuto anch’io la sensazione che abbiamo perso più palle del solito, ma dobbiamo vedere i numeri»

Il pubblico

«Vai a casa amareggiato non tanto per come è finita la partita, ma perché non c’è soddisfazione per un pubblico così. La squadra meritava gli applausi. Bisogna riconoscere che i nostri calciatori hanno sempre giocato, anche a partita compromessa. Il nostro pubblico è impagabile, non ha eguali.

Livello emotivo nello spogliatoio

«Non ho avuto il tempo di percepire, perché ho detto quello che pensavo. Bisogna capire quello che c’è successo. Abbiamo due giorni per valutare questo, capire perché è successo. Non voglio vedere seghe mentali per una prestazione che è stata sui nostri livelli, per certi versi migliore».

ilnapolista © riproduzione riservata