Gazzetta: Reina-Milan, i rossoneri inviano la comunicazione al Napoli

Reina è in scadenza di contratto, ma sarebbe già d’accordo con i rossoneri (biennale da tre milioni netti). In attesa di capire il futuro di Donnarumma.

Gazzetta: Reina-Milan, i rossoneri inviano la comunicazione al Napoli

L’articolo della Gazzetta

Si parla già di «comunicazione al Napoli secondo la normativa Fifa». Pepe Reina al Milan è ormai una virtuale certezza, almeno stando all’articolo pubblicato questa mattina dalla Gazzetta dello Sport. Il club rossonero avrebbe già inviato un avviso al Napoli per certificare il suo interesse ad acquistare il portiere spagnolo dalla lista gratuita. Il contratto di Reina scade il prossimo 30 giugno e non è stato ancora rinnovato, il Milan può trattare direttamente con l’entourage del giocatore previa «comunicazione al Napoli». Appunto.

Secondo la rosea, anche questa è fatta. Ed è «l’ultima mossa rossonera, che rappresenta il preludio alla stesura formale degli impegni presi nelle scorse settimane con il clan spagnolo del portiere. Manuel Garcia Quilon aveva iniziato in maniera burrascosa il suo rapporto con il nuovo Milan dopo il divorzio rossonero con Diego Lopez, altro portiere spagnolo (sacrificato sull’altare della consacrazione di Donnarumma), altro suo assistito. Strada facendo, però, è tornato il sereno nei rapporti, anche perché gli attuali vertici tecnici di via Aldo Rossi hanno espresso grande fiducia per il portiere a cui Aurelio De Laurentiis non ha ritenuto di garantire un contratto pluriennale. Il madrileno, infatti, il prossimo 31 agosto compirà 36 anni. Invece il Milan gli garantisce 3 milioni netti (più bonus) sino alla soglia dei 38 anni. Anzi, è stata pattuita un’opzione anche per il 2021».

Il resto dell’articolo della Gazzetta parla di Donnarumma, ovviamente. Che sarebbe destinato all’addio, anche perché «è difficile credere che Reina abbia deciso di sposare la causa rossonera per fare il vice di Gigio». Quindi, l’unico problema riguarda la cifra. La proprietà cinese si aspetta una ricchissima plusvalenza, prezzo base d’asta superiore ai 40 milioni della scorsa estate. Si parla di Psg, ma ci si dovrà confrontare con Mino Raiola, procuratore dei Donnarumma Brothers.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. antonietta61 8 marzo 2018, 15:06

    non commento sull’operazione, ma mi chiedo, vi chiedo: milan e inter, le 2 proprietà cinesi, pare che abbiano grandi problemi economici, addirittura l’inter potrebbe non inscriversi al campionato l’anno prossimo, se è così, ma come fanno a proclamare acquisti, bloccare calciatori si nun tenen l’uocchie per chiagnere? e pure chi ci va, ma con quale spirito? un portiere di 36 anni, con tutto l’affetto, x2/3 anni a 3mio?boh!

  2. peccato. avrei sperato in un rinnovo di un anno come secondo portiere e contratto nel team tecnico a vario titolo per restare a guantoni appesi al chiodo

  3. Incomprensibile… lottiamo per lo scudetto e il nostro unico portiere è svincolato ed in trattativa per andare via a fine stagione… questa è difficile da spiegare.

  4. L’unico vantaggio di Babbarrumma è l’età ma Reina non ha nulla d’inferiore al milanista, anzi. Poi queste voci presunte di destabilizzazioni e mo to fai ‘o Napul.

  5. Il fatto che il Milan paghi un 36enne 12 meuro lordi per due anni la dice lunga sulla progettualità della società rossonera….

  6. Ass fa’ a Maronn’

  7. Ciro Polpetta 8 marzo 2018, 10:06

    Bene. Continua la proverbiale programmazione della SSCN, tanto lodata dal Napolista.

    • scusa cosa vuol dire?
      io credo che il napoli faccia bene a non dare certe cifre per un portiere di 36 anni, per quanto bravo e stimato sia.

    • Pier Rosgelo 8 marzo 2018, 12:09

      Direi che un’ottima notizia. Esempio di lungimirante programmazione. Un contratto pluriennale ad un portiere di 36 anni non mi sembra proprio un’ottima idea.

    • la programmazione con un portiere di 35 anni?

    • Scusate ma…fare pace con il cervello no?…programmazione con un portiere di 36 anni che ha palesemente dimostrato di essere l’anello debole di tutta la squadra???? E non venitemi a parlare di carisma, personalita’, presenza nello spogliatoio….ma per favore, a noi, a Sarri, alla squadra serve uno che pari e basta, poi se avanza tempo puo’ fare anche il capopopolo sotto la curva o andare a bussare denari per i premi al presidente…io lancio una provocazione: se come pare l’accordo e’ imminente una volta raggiunto per le partite rimanenti schiererei Sepe almeno vediamo di che pasta e’ fatto…cosi l’anno prossima (con buona pace del sig. Giuffredi) capiremo cosa si puo’ fare/si fara’ con il portiere…e comunque smettetela di fare le vedovelle di Reina perche’ fate solo ridere…ogni 10 volte per 1 (dico) una parata che ha fatto (per intenderci, gente come Buffon o Handanovic ne fa 3/4 a partita di quegli interventi) state a glorificarlo dimenticando le 9 cappelle che ci sono costati punti….andatevi a vedere le statistiche: il Napoli e’ la squadra che riceve meno tiri nella porta ma e’ quella con il piu’ alto tasso (purtroppo per noi) di realizzazione e se anche questo non basta a convincervi non saprei sinceramente in quale altro modo spiegare….

    • Ciro Polpetta 8 marzo 2018, 16:02

      Ho chiesto al mio cervello di rispondere, ma stiamo appiccicati, e quindi prendo un’altra volta la parola io.
      La scarsa programmazione è nel portare un giocatore importante a scadenza. Se lo fai con un panchinaro, passi; ma con il portiere titolare, per il quale le motivazioni sono componente importante della prestazione, non mi sembra una gran furbata. Del resto aver portato Reina a scadenza non è stato l’effetto di una strategia di mercato ma di una ripicca presidenziale, ed è affare rischiosissimo. Ora abbiamo Sepe, e augurarsi che venga schierato per vedere di che pasta è fatto è masochismo: poi perdiamo e diamo la colpa a Sarri. Quindi non mi sembra un segno di programmazione non aver rinnovato il contratto a Reina: mi sarebbe sembrato un comportamento lungimirante il contrario. Un rinnovo a 36 anni non sarebbe stato scandaloso: Reina ha mostrato di essere integro e in questi ultimi due anni non ha saltato molte partite. Certo non è Courtois, però paragonarlo a Buffon e Handa è fuori luogo, per bravura e stipendio. E’ un portiere di fascia medio-alta, congeniale al gioco dell’allenatore e proporzionato al costo del cartellino. Che il Napoli lo sostituisca mi sembra anche accettabile: sarebbe stato meglio non portarlo a scadenza, perché è un rischio. Sarà opportuno sostituirlo con uno migliore: ma su questo sono un po’ scettico.

Comments are closed.