Allegri: «Il campionato non è chiuso, vogliamo far giocare il Napoli con 7 punti di vantaggio»

Massimiliano Allegri in conferenza stampa alla vigilia di Spal-Juventus: «Il Real Madrid sarà un avversario bellissimo, ma la partita più importante è quella di domani».

Allegri: «Il campionato non è chiuso, vogliamo far giocare il Napoli con 7 punti di vantaggio»

In conferenza stampa

Massimiliano Allegri presenta Spal-Juventus in conferenza stampa. «La partita con il Real Madrid? Un avversario bellissimo, sono molto contento perché giocheremo contro una grandissima squadra e saranno due partite meravigliose di calcio. Se saremo più bravi e un po’ fortunati, passeremo, altrimenti andremo a casa. Però credo che possiamo soddisfatti, a questo punto, per essere ancora una volta nelle otto migliori d’Europa. Si lavora e si gioca per queste grandi sfide. La forza del Real Madrid la conosciamo tutti, tre giorni fa ho detto che sono i favoriti per la vittoria della Champions. Ne sono ancora convinto, quindi se li batteremo sarà una soddisfazione doppia».

Il match con la Spal: «Questa è la partita più importante, loro hanno fatto sette punti nelle ultime tre partite e non perdono da molto tempo in casa. Hanno perso solo cinque partite, come la Roma. E poi per loro è un match storico, non erano in Serie A da 50 anni ed è sempre suggestivo giocare contro la Juventus. Gli servono dei punti per la salvezza, quindi non sarà facile. Vincere in trasferta non è mai semplice. Vogliamo far giocare il Napoli con sette punti di distanza, visto che sono impegnati dopo di noi. Ci vorrà molta pazienza a Ferrara, il campionato non è chiuso come ho sentito dire, il Napoli ha quattro punti di ritardo ma è una squadra che gioca bene e può fare trenta punti da qui alla fine».

Allegri e le scelte di formazione: «Howedws è convocato, Khedira è a parte perché è influenzato. Lichtsteiner è convocato, quindi è a posto. Benatia squalificato, Cuadrado e Bernardeschi stanno lavorando. Gli altri sono a disposizione. In porta gioca Buffon, per il resto valutiamo tutto. Domani penseremo a battere la Spal, poi avremo la sosta e infine l’ultima parte di campionato».

 

 

 

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Ma ieri l’altro non ha detto basta Barcellona e Real Madrid li abbiamo incontrati 6 volte tra andata e ritorno negli ultimi anni e mo basta. SKY. Ora dice Real Madrid, avversario bellessimo, sapendo di averle prese in Finale. Ma costui cambia opinone a seconda delle circostanze? Ridicolo, almeno sii coerente e poi parli, così verso i tuoi colleghi circo, orari, prima dopo abbi rispetto che Sarri mai ti ha nominato. 7 punti di distanza? gia ne sei sicuro? puo anche darsi che il “latitante” Howedws ti faccia gol nella tua stessa rete, se gioca al posto del “mitragliatore” marocchino. A Napoli dicono,<>, loro? pensano, sono assillati dal Napoli, lo nominano in ogni dove, puo darsi che erano abituati bene negli scorsi anni giocando senza avversari, senza VAR e certi arbitri…..

  2. Sergio Travi 16 marzo 2018, 15:02

    “Vogliamo far giocare il Napoli con 7 punti di distanza, visto che sono impegnati dopo di noi”. Com’era il fatto? Cosa dicevano Allegri e i suoi corifei? Ah, sì:”Polemiche inutili, giocare prima o dopo è lo stesso”… E naturalmente Sarri era/è un piangina…

    E ci sta chi ha tenuto questa linea pure qua sopra. Sindrome di Stoccolma.

    • E se la Juve perdesse non sarebbe il contrario?Andate avanti nelle coppe e poi ne riparliamo:in tutto il mondo è così.

    • Fabio Milone 16 marzo 2018, 21:41

      Stavo per scriverlo io: quindi il fatto che giochino sempre prima di noi E’ un vantaggio?
      Il rozzo cafone in tuta ha sempre ragione, mi pare, prendano nota tutti coloro che sostengono che non sappia comunicare.

Comments are closed.