Sarri: «Ai ragazzi dico sempre che ne sono rimaste 12, ne dobbiamo vincere 11 e pareggiare una»

Il commento di Maurizio Sarri dopo Cagliari-Napoli: Il Napoli può arrivare a 100 punti? «Dio lo volesse»

Sarri: «Ai ragazzi dico sempre che ne sono rimaste 12, ne dobbiamo vincere 11 e pareggiare una»

Maurizio Sarri ai microfoni di Mediaset Sport:

Grande capacità di soffrire e gestire la sofferenza

«La sofferenza e ho vista poca, Il Cagliari è stato in partita fino al gol. Come fisicità erano superiori a noi e in certe situazioni in area erano situazioni a rischio, ma la squadra ha fatto anche la fase difensiva bene. Poi dal secondo gol non c’è stata partita»

Avete giocato prima della Juve, le avete messo pressione?

«Non lo so, hanno sempre detto che non era un vantaggio giocare prima, allora non sarà uno svantaggio adesso per loro»

Aveva detto il contrario

«Io dicevo una cosa che si basa con la matematica. La juve vince sempre e giocando prima ci avrebbe messo pressione. Mi sembravano strane  queste 9 partite in cui la Juve giocava sempre prima, mi hanno detto che c’era una possibilità su miliardi che avvenisse e mi sembrava strano. Poi si gioca quando si deve giocare»

Su cosa si deve ancora lavorare?

«Noi quando andiamo a rivedere le partite delle situazioni da rimediare le troviamo e ci sarà stato anche in questa»

Tifoso della Juve: «Con oggi ho perso la fiducia nel settimo scudetto della mia Juve il Napoli stamerita

«Spero che abbia ragione che ti devo dire. La verità è che la Juve è una grande squadra, che ha delle qualità infinite sotto tutti i punti di vista»

Un complimento al tuo lavoro e al tuo staff

«Quando una squadra comincia a far bene per due o tre anni i meriti non possono essere di una persona sola. Io penso che i meriti maggiori siano dei giocatori, poi è chiaro che senza uno staff all’altezza è impossibile. Anche il feeling con il direttore sportivo è importante»

Milik?

«L’ho visto bene. E’ ancora indeciso se poter scendere in campo, ma l’ho visto anche sul terreno allentato in questi giorni e mi ha fatto una buona impressione»

Il Napoli può arrivare a 100 punti?

«Dio lo volesse. Il primo anno ne abbiamo fatto 82 2 poi 86. Fino a lì è un terreno a noi conosciuto, quello sopra è un terreno sconosciuto, non sappiamo se ce la possiamo fare».

Per arrivare lassù ha un programma?

«E’ difficile dirlo. Ai ragazzi dico sempre che ne sono rimaste 12 ne dobbiamo vincere 11 e pareggiare una»

 

ilnapolista © riproduzione riservata