Napoli concreto: sei minuti per battere la Spal, poi risparmia energie

Stavolta inizio deciso. In vantaggio al sesto minuto, con Allan. Poi gli azzurri hanno controllato senza mai rischiare. Gol di Hamsik annullato dal Var

Napoli concreto: sei minuti per battere la Spal, poi risparmia energie

Nona vittoria consecutiva

Nona vittoria consecutiva del Napoli. Quinta in campionato per 1-0. E nona partita consecutiva in testa alla classifica per gli azzurri di Sarri. Anche la 25esima giornata ha lasciato immutata la classifica. Vittoria per la Juventus nel derby; successo del Napoli contro la Spal. Ancora una volta il Napoli ha dimostrato di saper gestire le partite senza consumare benzina. Ha segnato dopo sei minuti e poi ha accompagnato la partita alla fine senza correre mai rischi. È il Napoli che sa risparmiare energie. Il Napoli giudizioso, che fa spettacolo quando serve (oggi per i primi 15 minuti) e poi aspetta il fischio finale senza correre mai rischi. Il Napoli maturo di cui abbiamo parlato più volte sul Napolista e che rappresenta il vero salto di qualità di questa stagione. Salto di qualità di Sarri e della squadra.

Il forcing iniziale

Basta un quarto d’ora al Napoli per archiviare la pratica Spal. Sei minuti, per la precisione. Il tempo di colpire un palo con Insigne e andare in vantaggio con Allan al termine di un’azione euclidea con Mertens e Callejon. Il brasiliano si ritrova da solo davanti a Meret e lo infila sul primo palo. Non c’è partita. Al nono, Callejon calcia al volo in automatico su lancio di Hamsik, e il portiere se la ritrova addosso. Lo show del Napoli si chiude con un tiro da fuori di Koulibaly dopo un triangolo con Mertens.

Il ritorno dei titolarissimi

Il Napoli rifiata. La Spal è annichilita. Travolta dal classico calcio di prima della squadra di Sarri che libera sempre un uomo al tiro. Dopo la scampagnata europeo, l’allenatore toscano si affida di nuovo agli attuali titolarissimi (Mario Rui ormai rientra nei primi undici), c’è di nuovo Albiol al fianco di Koulibaly, niente più esperimenti a centrocampo. Il Napoli gioca a memoria. È talmente semplice penetrare nella difesa della Spal, che a un certo punto gli azzurri tirano il freno.

Meret il migliore in campo

Semplici schiera una squadra senza punte. Il più avanzato è Antenucci. Borriello è fuori uso, Paloschi e Floccari sono in panchina. Il risultato è che alla fine dei primi 45 minuti la Spal compie un solo tiro in porta: centrale e parato con facilità da Reina. Il Napoli, sia pure in seconda marcia, sfiora il raddoppio prima con Mertens e poi con Hamsik. È sempre bravo Meret, di gran lunga il migliore dei suoi. Alla fine dei primi 45 minuti, le statistiche recitano: dieci tiri contro uno, e 71% possesso palla. Senza nemmeno troppa fatica, le magliette sono bagnate più per la pioggia che per la fatica. Il divario tra le due squadre è davvero tanto.

Gol annullato dal Var ad Hamsik

Nella ripresa accade ancora meno. Il Napoli controlla giochicchiando, senza correre rischi e qualche volta andando vicino al raddoppio. Prima con Mertens che al 58esimo, servito da Jorginho, costringe Meret a un’altra parata. Poi con il raddoppio di Hamsik di testa, su assist di Allan, che però viene annullato dal Var per fuorigioco. Hamsik nel frattempo si è beccato anche un’ammonizione per l’esultanza alla Cassano che ha spezzato la bandierina del calcio d’angolo. Pochi minuti dopo, il capitano ha lasciato il campo – con animo non proprio sereno – per Zielinski. Semplici prova poi a inserire Floccari per Grassi nella speranza di pescare il jolly. Ma la Spal non entra praticamente mai nell’area di rigore del Napoli.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. …e pure la Spal si è scansata…

  2. Dalla Germania arriva una notizia sulla fuga di Younes.
    L´ho sentita oggi a Sport1plus : “si dice che lo staff Napoli abbia lasciato il ragazzo da solo col padre in un albero in una delle piú brutte zone di Napoli, e a Napoli di zone brutte ce ne sono molte!”
    Spero non sia questo il motivo sinceramente, l´ennesima mortificazione della nostra cittá non la sopporterei.

    • si era una pensioncina..una stanzetta senza bagno e con la finestra murata..ma vi bevete proprio tutto!

    • giancarlo percuoco 19 febbraio 2018, 11:49

      l’hotel 007 a Baia Verde.

    • Va bene tutto, ma se uno firma (ripeto “se”) un contratto, poi adempie alle obbligazioni che esso fa sorgere. Pacta servanda sunt. Stereotipi e dicerie non cambiano di una virgola la questione. Se per Younes ed il suo staff alcune condizioni ambientali erano discriminanti ai fini della firma, andavano specificate prima. Tutto il resto è noia, come diceva il poeta!:-)

      • Si appunto…peccato solo che nessuno ci dica niente. C´é poco rispetto peró per i tifosi che aspettano notizia quasi in apnea.

  3. E niente, proprio non ce la facciamo ad essere obiettivi in questa cittá. Quando poi sono i “giornalisti” a non esserlo la cosa diventa gravissima e preoccupante.
    Perdiamo vergognosamente facendo una figuraccia (che ci costa tanto in termini di appeal e quindi crescita) in EL ma scrivono:” é tutto rose e fiori”, sprechiamo mille palle goal e nonostante un Sarri incavolato scrivono “abbiamo risparmiato consapevolmente energie”, facciamo una (non) campagna acquisti fantozziana ma in realtá mi dicono che vale 10.
    Insomma come fa a crescere sta cittá se nemmeno dai giornalisti possiamo aspettarci critiche costruttive?

    • venio vanni esci da questo nickname!

      • Senti, lo so che voi aurelisti filo-societari- alvinisti tutti corno e pernacchi non accettate critiche (tipico atteggiamento della piccola gente) ma io sono io e non so a cosa tu ti riferisca.

  4. Mi sto scervellando per metter in campo 7na formazione per Giove???
    Bisogna far riposare in p dine sparso
    KK
    RUI
    HISAY
    ALLAN
    CALLEJON
    Insigne

    SEPE
    Maggio ALBIOL. TONELLI. Primavera

    ROG. DIAWARA. HAMSIK

    OUNAS MERTENS. Zielinski

  5. Francesco Sisto 18 febbraio 2018, 20:46

    Sinceramente credevo che la Juve nelle 2 trasferte di firenze e derby avrebbe lasciato un paio di punti sul campo, ma non é stato così, e cio da ancora piu importanza allo scontro diretto di Torino, anche se prima avremo Roma ed inter , che invece loro incontreranno dopo lo scontro diretto.
    Dovremo fare pichi calcoli, ed sndsre li per vincere.

    • giancarlo percuoco 19 febbraio 2018, 6:43

      purtroppo è così, pochi calcoli. il primo errore può essere fatale.

    • Vincere a torino? Ma lo sai quanti abbiamo fatto a torino negli ultimi 6 anni? E quanti goals abbiamo segnato?

  6. Tutti abbiaamo temuto la beffa. Ma xnun fatto storico che chi sbaglia troppo allanfine nel calcio rischia d esser punito..ma ragionando una squadra che in 97′ nn entra mai in area e inquadra lo specchio la bellezza d una volta cn un tiro centrale da 20 metri è davvero difficike ch metta a segno la beffa…gran gara d controllo e stop. Avanti un altro

  7. Stefano Valanzuolo 18 febbraio 2018, 18:21

    La sensazione chiara era che la Spal, se pure si fosse giocato fino al 250′, non avrebbe mai tirato in porta. Esattamente come il Torino. Non per questo, evidentemente, diventa lecito adagiarsi, ma credo che fossimo in controllo totale. Un dubbio, piuttosto: la gestione dei cartellini varia a seconda delle squadre in campo, giusto…?

  8. Non sono d’accordo, queste partite vanno chiuse prima, lo ha detto anche sarri, ricordatevi il sassuolo.

  9. Ora a Lipsia con Scarf, Gaetano e Leandrinho titolari.
    Io in un certo senso sono svincolato (ho smesso di giocare a calciotto due anni fa). Se vogliono,mi sacrifico e gioco anch’io.

    • Miguel Anglani 19 febbraio 2018, 11:29

      Speriamo. Devono essere propio scarsi sti ragazzi della primavera se si preferisce valutare svincolati improbabili. Hanno chiesto al pampa sosa se se la sente di tesserarsi per giocare a lipsia?

      • Non sarebbe una cattiva idea 🙂
        Quanto ai ragazzi della primavera, pare, ahinoi, che siano davvero scarsetti , tranne un paio di ececzioni.
        Infatti, lottano per non retrocedere ed hanno dovuto anche rinunciare al torneo di Viareggio.

  10. Il Napoli non ha affatto risparmiato energie, ha fatto la sua solita partita di sofferenza contro le squadre che si chiudono in difesa, anche quando sono in svantaggio.
    E sappiamo bene che contro questo atteggiamento rinunciatario, condito anche di tanti calcioni negli stinchi degli avversari, l’attacco leggero è assolutamente impotente.
    In questi casi si dovrebbe buttare la palla in area avversaria e sperare nei colpi di testa o nelle mischie ma noi non abbiamo attaccanti d’area.
    Insomma, credo che ci sia poco da esultare: non si può arrivare al 95′ con un solo gol di scarto. Si rischia troppo. E un pareggio oggi avrebbe significato la fine della lotta per lo scudetto.
    Ce l’ho in particolare con Hamsik, che ormai gioca sempre al piccolo trotto e sbaglia passaggi elementari e con Insigne, che è ritornato a fare il “capuzziello” di paese, che gioca con sufficienza, non passa la palla e si ostina a cercare l’azione personale.
    A me la prestazione del Napoli non è piaciuta.

    • Francesco Sisto 18 febbraio 2018, 21:00

      Ma dai!, 1 palo, il portiere avversario migliorev n campo, gli avversari senza praticamente tirare in porta, ed ancora ci lamentiamo?
      Il Napoli non gioca a buttare la palla in area per il colpo di testa, neanche con Milik in campo, noi facciamo gioco di sponde e triangolazioni, e credo che si dovrebbe averli capito, dopo 3 anni..

  11. E anche questa partita gli scorsi anni l’avremmo pareggiata . Un’altra settimana in testa. Gli scoloriti sono dietro sicuri di superarci prima o poi. Le prossime 3 ci diranno.

  12. Partita non brillante neppure oggi, ma con molte attenuanti. La pioggia, le tante occasioni sfumate per poco, una Spal tutta chiusa in difesa, un gol annullato (a proposito: il giorno in cui vedrò annullare un gol del genere alla Juventus, penserò che gli errori degli arbitri sono in buona fede) che avrebbe sciolto la tensione. In ogni caso dopo i primi 15 minuti davvero spettacolari, non si è vista la squadra che nel secondo tempo ha sbriciolato la Lazio.

    • Scusa fammi capire, ma doveva essere convalidato un goal così, con tutta la figura in fuorigioco? E veramente pensi che alla juve sarebbe stato assegnato? Calma e obiettività, non diventiamo tutti carloalvino!!!!

      • ma neanche pacojonathan!

        • artemisia sì? tutti antisportivi e col prosciutto sugli occhi? per questo non vinceremo mai, perchè siamo tifosi e giornalisti vittimisti e vediamo congiura dappertutto… a questo punto l’appello è non diventiamo tutti artemisiaalvino

      • Fortunato Masucci 21 febbraio 2018, 9:01

        Concordo con Paco. Il fuorigioco era netto e sarebbe stato tolto anche alla Juve. Sul fuorigioco la Var, salvo veramente cattiva fede, non può sbagliare.

    • Marchese di Carabàs 18 febbraio 2018, 18:55

      Alla Juve per non sbagliare annullano direttamente i gol regolari, tipo quello dove Gomez, la cui altezza è quella che è, si lancia a dare una testata al braccio di Lichtenstein, che non è fallo manco a calcetto, poi l’azione continua per circa tre ore, poi arriva il gol. Ovviamente annullato, alla faccia delle direttive sull’utilizzo del Var.

      • giancarlo percuoco 19 febbraio 2018, 9:54

        che memoria che hai, cosa sei andato a ricordare.
        memoria selettiva però, perché ti sei dimenticato che in quella partita vi fu regalato un rigore, all’ultimo minuto, e chr fu sbagliato da Dybala.

        • Marchese di Carabàs 19 febbraio 2018, 20:05

          C’è chi va a ripescare il gol di Turone o il fallo su Ronaldo, ma alla Juve sono stati annullati due gol regolari negli ultimi due anni dopo una prima convalida da parte dell’arbitro. Al Napoli quante volte è successo? State a lamentarvi della palla messa male sul calcio d’angolo nelle partite della Juve, aspettate di subire qualche torto arbitrali vero e ci risentiamo.

          • giancarlo percuoco 20 febbraio 2018, 10:15

            ho capito. ma per compensare vi regalano i rigori e li sbagliate. che devono fare di più, segnare loro al posto vostro.

          • Marchese di Carabàs 21 febbraio 2018, 9:42

            Che rigori ci hanno regalato?

          • giancarlo percuoco 21 febbraio 2018, 19:57

            questo intendo per memoria selettiva.

          • Marchese di Carabàs 22 febbraio 2018, 8:54

            Ce l’hai pure tu, o riesci a rinfrescarmi la memoria ricordandomi dei rigori regalati a favore della Juve?

      • Marchese, io senti che prima o poi lei (e tutti gli amici napo-juventini che sono sempre qui con noi) farà ciò che l’inconscio già le detta: abbracciare il lato azzurro della forza! Buona giornata 🙂

      • Fortunato Masucci 21 febbraio 2018, 9:04

        Guarda che come era da annullare quello del Napoli, come da noi tifosi onesti ammesso, era da annullare nettamente e a norma di regolamento anche quello a cui fai riferimento. Per piacere… il problema dei tifosi Juventini è l’incapacità di essere obiettivi.

  13. Non sono per niente d’accordo.
    Ho sofferto moltissimo e ho temuto la beffa, tenendo anche conto dellenorme divario tra le due squadre.
    Oggi si doveva chiudere il primo tempo tre a zero, poi si che ci si poteva riposare. Se ho un po’ capito Sarri, sarà incavolatissimo… e questa volta veramente, non per finta come ha fatto giovedì sera.
    Insigne… ma un salto a Lourdes? Giochi benissimo, ma questi pali iniziano a essere un po’ troppi!!!
    La notizia triste per noi è che la Juve oggi ha vinto con la terza squadra: bisogna veramente fare un miracolo. Ma se c’è una squadra che può farlo, è Il Napoli di quest’anno.
    Jamm Uaglio’!!

    • Sara’ un miracolo presentarci a torino col piu’ 1 altro che piu’ 4, quello nel mondo disney

    • allora. Ho sofferto anche io e ho tenuto la beffa. Ma solo perché siamo tifosi e guardiamo la partita in modo irrazionale. Un osservatore neutrale e distaccato confermerebbe l assenza quasi totale di problemi e patemi

    • Sono d’accordo sulla juve… terza squadra ed ennesima vittoria ma soprattutto ennesima partita senza subire goal… speranze io ne ho pochissime… solo che possano perdere qualche punto con qualche squadra prima di noi (perchè con noi non lo perderanno mai!!!!)

      • aristoteles logatto 18 febbraio 2018, 23:38

        Certo, se si pigliano a schiaffi gli avversari e ne il var ne l’arbitro ne i guardalinee ne il quarto uomo se ne accorgono diventa decisamente impossibile anzi se chiellini gode di immunità parlamentare è già finita

      • secondo me quest’anno a Torino non perdiamo. Ormai siamo cresciuti mentalmente e la statistica prima o poi ci supporterá….
        Detto questo, non penso che le vinceremo tutte perché alla fine ci sará qualche sciocco pareggino da qualche parte. Loro invece le vinceranno tutte.
        A parte la forza intrinseca della strisciata, mi pare anche che la VAR sia stata suffcicientemente addomesticata… l’episodio Chiellini dimostra tanto….
        Se poi escono dalla Champion, e senza Higuain (se é vero) la cosa diventa probabile, non vedo come possano perdere punti per strada.

    • Francesco Sisto 18 febbraio 2018, 17:50

      Concordo, bisognava chiuderla prima.
      E forse, visto l’eccellente stato di firma di Zielinski, bisognerebbe schierarlo un po prima.
      Ma che fine a fatto il Toro?, il furore agonistico che ci metteva nei derby, e che spesso livellava il divario tecnico con la Juvev è solo un pallido ricordo, ora sono una squadra di fighette.

      • dino ricciardi 19 febbraio 2018, 7:13

        Mazzarri gli ha detto di giocare calmi e cosi il furore agonistico lo hanno lasciato negli spogliatoi.
        L’unico che lo aveva era Obi…un po poco.

  14. Giulio Valerio Maggioriano 18 febbraio 2018, 17:19

    Molto bello il gol di Allan. Poi gestione in scioltezza, come prevedibile..

  15. dino ricciardi 18 febbraio 2018, 17:05

    Se chiudono la partita e non ci fanno soffrire non è meglio?:-)
    Avevo paura di un gol beffa,che sofferenza.

Comments are closed.