Top e Flop: Milinkovic-Savic, Quagliarella e Mertens, i migliori vanno in gol

Promossi anche Barberis e Kessié. Tra i peggiori del weekend calcistico ci sono Donnarumma, Babacar, Billong e Zuculini.

Top e Flop: Milinkovic-Savic, Quagliarella e Mertens, i migliori vanno in gol

Top

Milinkovic-Savic (Lazio) – Dopo l’uscita di Immobile si alterna con Felipe Anderson nella posizione di prima punta. Realizza una doppietta. Il gol 3-1 è da top player assoluto.

Quagliarella (Sampdoria) – Tre occasioni, tre gol. Raggiunge quota 15 reti dall’inizio della stagione. È già il suo record personale. Non è egoista come tutti i centravanti puri, come dimostra l’assist per Kownacki. Ha raggiunto la piena maturità a livello tecnico, fisico, psicologico.

Mertens (Napoli) – Dopo un primo tempo negativo, esce alla distanza, nel momento decisivo. Segna il gol vittoria e crea diversi pericoli tenendo alto il baricentro della fase offensiva azzurra. Offre un assist delizioso ad Hamisk, che manca clamorosamente il gol del raddoppio.

Barberis (Crotone) – Regista ordinato e preciso. Dal suo destro nascono passaggi precisi, intuizioni costanti. Con una punizione perfetta realizza il primo goll in serie A.

Kessie (Milan) – L’ivoriano arriva primo su ogni pallone, è in ottime condizioni fisiche. Nel primo tempo, da solo, ribalta il match. Realizza prima un calcio di rigore, poi concretizza un un perfetto inserimento in area dopo lo scarico di Kalinic

Flop

Babacar (Fiorentina) – Spettatore non pagante. D’altronde, quando il gioco si fa duro l’attaccante viola torna in vacanza. Grazie a Pioli parte titolare, ma forse non se accorge.

B.Zuculini (Verona) – Non dà ordine e tempi al centrocampo. Sullo 0-2 commette il grave errore di farsi espellere, chiudendo di fatto la partita.

Billong (Benevento) – Anello debole della difesa sannita. Impreciso negli appoggi, malissimo nelle letture arretrate. Non irreprensibile sul gol di Destro.

Donnarumma (Milan) – Commette un clamoroso errore sul goal di Barella. Dopo quell’episodio non è mai preciso, fa venire i brividi ai tifosi milanisti in più di un’occasione.

ilnapolista © riproduzione riservata