Repubblica e il mercato di Marotta: «È su tutti i talenti, li prende o li fa strapagare»

Marotta attua una strategia di ingerenza diretta o indiretta, come nel caso di Politano. «Oggi sta cercando dei centrocampisti, e quindi si muove su Praet, Pellegrini, Cristante, Barella».

Repubblica e il mercato di Marotta: «È su tutti i talenti, li prende o li fa strapagare»

Esercitare il controllo

Il nostro pezzo di ieri sulla lezione comunicativa Marotta-Bernardeschi da parte della Juventus può essere integrato a e da quello pubblicato stamattina da Repubblica. Che, partendo dalle parole dell’ad bianconero su Politano, prova a spiegare la sua strategia di mercato. Un’ingerenza diretta oppure indiretta, ma sempre e comunque presente, percettibile.

Leggiamo: «Marotta non nega mai che un giocatore di un certo tipo
(giovane, in fase di affermazione e non ancora vincolato a un grande club) possa interessare alla Juve. Nelle parole su Politano, qualcuno ci ha visto un sottinteso (lo cedessero, magari chiederebbero prima a noi) non così campato per aria. Ormai quasi tutto passa dall’ad bianconero; oppure è lui a condizionare gli affari con un’abilità sottile che mantiene la Juve almeno sei mesi davanti alla concorrenza».

Repubblica spiega che il modus operandi della Juventus è semplice: su certi calciatori (come il nordcoreano Han, di proprietà del Cagliari ma in prestito al Perugia), la trattativa è veloce, immediata, punta a portarsi a casa il calciatore e basta. Per gli altri profili, il lavoro consiste nell’innalzare il prezzo. Leggiamo ancora: «È l’inevitabile drogaggio della  legge di mercato, se si muove la Juve i prezzi si alzano e così i giocatori o escono dalla disponibilità dei concorrenti o diventano così costosi da inchiodare il mercato altrui».

«Come nel gennaio scorso per Gagliardini (all’Inter per 22 mln) e in estate per Kessie (al Milan per 32), Conti (rossonero per 24) o Schick (alla Roma per 42). Oggi Marotta si sta muovendo su Praet, Barella, Pellegrini, Cristante, perché in prospettiva ha bisogno di centrocampisti freschi: un paio li prenderà, un altro paio li farà strapagare agli altri». Può non piacere, in effetti è una politica arrogante e che si origina dall’arroganza dei propri soldi. Ma funziona.

ilnapolista © riproduzione riservata