Napoli, il mercato del giorno: il prestito di Deulofeu, il senso di Vinicius Morais

Rassegna stampa di calciomercato: il Napoli ha riaperto la trattativa per Deulofeu, vorrebbe il prestito con diritto di riscatto mentre il Barcellona spinge per una formula diversa. Vinicius Morais, invece, è un colpo prospettico.

Napoli, il mercato del giorno: il prestito di Deulofeu, il senso di Vinicius Morais

Rassegna stampa

Accanto all’intervista a Kalidou Koulibaly, la Gazzetta fa la domanda del secolo: “Chi prende il Napoli?”. La risposta in rosa non esce fuori da una rosa (appunto) di tre uomini. Leggiamo: «Bernard dello Shakhtar piace molto al duo Sarri-Giuntoli, ma è praticamente inarrivabile per il suo spaventoso ingaggio. Sarri però chiede uno con le caratteristiche del brasiliano: bravo in dribbling e capace di sacrificarsi pure in fase difensiva. Allora Deulofeu, solo che lo spagnolo non risponde in pieno a questo identikit ma il Napoli da giorni parla con il Barcellona per capire le condizioni di acquisto: pensa ad un prestito con diritto di riscatto proprio perché ci sono delle incognite di carattere tattico. Dalla Catalogna spingono per la cessione a titolo definitivo o al massimo per il prestito con obbligo di riscatto».

Gli altri due nomi: «Politano è considerato molto bravo quando si accentra da destra e meno quando viene impiegato a sinistra. Però, potrebbe rappresentare il giusto compromesso di cui sopra se soltanto il Sassuolo aprisse ad una trattativa. Per ora non l’ha fatto ma il Napoli ha mandato in avanscoperta l’agente del calciatore, Davide Lippi, per far capire che è pronto a sedersi al tavolo con 15 milioni più il prestito di Maksimovic, che sarebbe gradito agli emiliani dopo l’addio di Cannavaro (ma sul serbo ci sono anche Spartak e St Etienne). Più difficile, infine, la pista Lucas Moura: l’ala del Psg guadagna uno sproposito, vorrebbe garanzie di impiego e non è al top della condizione quindi pronto a essere immediatamente utile.
Però ha una accelerazione che intriga Sarri».

Dal Portogallo

Anche la Gazzetta fa il nome di Vinicius Morais, che ieri sera è stato “assegnato” al Napoli da Gianluca Di Marzio. Stamattina, il sito internet ufficiale dell’esperto di mercato Sky ha provato a spiegare il senso di questa operazione: «Si tratta di un’operazione prospettica, il calciatore è un classe 95 del Real Sport Clube, squadra ultima in classifica nella Segunda Liga portoghese. Non potrà essere inserito in lista, quindi resterà in Portogallo per continuare la sua crescita. Difficile pensare possa essere un rinforzo reale per il Napoli».

Le conferme su Deulofeu

La versione della Gazzetta dello Sport sull’affaire-Deulofeu viene confermata anche da altre testate. Secondo quanto riportato dal Corriere dello SportIl Napoli sta spingendo con il Barça per strappare un prestito con diritto di riscatto. Dal canto suo, il club catalano sembra intenzionato a cedere il calciatore solo a titolo definitivo. Proprio per questo chiede garanzie – tipo un obbligo di riscatto. La cifra in ballo: tra i 15 e i 17 milioni.

Per Repubblica Napoli, De Laurentiis «vuole prendersi un rischio e chiudere al più presto quest’operazione. Nella notte, ha riaperto la trattativa-battaglia con il Barcellona, insiste per un diritto di riscatto mentre in Catalogna vorrebbero almeno l’obbligo». Per quanto riguarda le cifre, indiscrezioni identiche a quelle del Corsport.

Ultima notizia, che potrebbe ridurre al solo Deulofeu l’attuale casting per l’esterno offensivo. Guido Angelozzi, diesse del Sassuolo, ha spiegato al Corriere dello Sport che il club neroverde non vende a gennaio. Soprattutto Politano, e «non è una questione di offerte». Categorico Angelozzi. Non è mai consigliato questo atteggiamento, in fase di calciomercato.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Stefano Valanzuolo 18 gennaio 2018, 15:22

    Ma Toquinho non lo prendiamo?

  2. buono sto vinicius de moraes, almeno rilanciamo la bossanova

  3. Grandissimo Vinicius

  4. Vincenzo Barretta 18 gennaio 2018, 9:53

    Adesso mi aspetto il pezzo sulle dichiarazioni di marotta, grazie..

  5. “Non è mai consigliato questo atteggiamento in fase di calciomercato.” E perché? quali sarebbero le controindicazioni?! Dal momento che non hanno alcuna intenzione di cedere nessuno (anche perché casamadre ha posto il diktat: nessuno deve andare al Napoli. Roba scandalosa, da ufficio inchieste, vomitevole, che rende chiaro quanto sia poco trasparente tutto ciò che ruota nel campionato, che autorizza a pensar male e anche peggio della vicenda Verdi – guarda caso il giorno dopo il rifiuto, i dirigenti del Bologna incontrano la Juve per accaparrarsi Orsolini. SOLO CONGIDENSE?!111 Marotta ha parlato chiaro. Politano deve restare a Sassuolo). Ma anche così non fosse, dove sarebbe il problema? Lo si fa da sempre, soprattutto quando si vuole tirare la corda sul prezzo consapevoli di avere il coltello dalla parte del manico.

    • Meno male che il grande “colpo”di Morais non è stato ostacolato.mi sa che il gruzzoletto sta diventando un gran bel gruzzolone.

    • Cosí é, la Juve si é mossa. Sa che quest’anno non ci daranno i soliti facili 10 punti e non vuole correre rischi.

    • Ma incheste di cosa ??? Ragioni come un bambino. Mi fanno il dispetto?? Chiamo la mamma…

      • Frédéric Moreau 18 gennaio 2018, 14:32

        Anche la UEFA ha espresso preoccupazioni sul numero eccessivo di calciatori tesserati dalla Juve. Si tratta di una distorsione del mercato, è molto semplice. Solo che da un po’ di mesi a questa parte non se ne parla più. Il calcio è un’industria gestita con modalità mafiose. Non vedo perché lamentarsene sia sbagliato.

    • Ho letto solo ora le dichiarazioni di marotta. Caro Q sei stato molto/troppo soft. Buena suerte al Napoli, che se vince contro codesti predoni avra’ fatto un miracolo Leicester Style. Anzi qualcosina di piu’, perche’ questa violenza contro non l’avevano.

    • Concordo sulle affermazioni di Marotta. Lunari. Se qualcuno dicesse robe del genere sul mercato juventino si alzerebbe un polverone. Mah.

    • Francesco Sisto 18 gennaio 2018, 12:11

      E vrro, luscita di Marotta sul Sassuolo è scandalosa, la conferma che il Napoli, come disse uno senza peli sulla lingua, per vincere deve farlo contro tutti e tutto.
      Purtroppo con la potenza economica e politica che hanno possono permettersi queste schifezze.
      Forse ha ragione ADL, negli ultimi 6 anni fi campionatii “normali” ne abbiamo vinti 2..

    • Si, anche io che sono poco gomblottista penso che col Sassuolo non ci esce niente, ma non da ora, da molto prima. E’ chiaramente un feudo Juve, e i trasferimenti di qualità sono molto probabilmente appannaggio dei bianconeri. D’altro canto le piccole difficilmente possono sottrarsi al controllo della Juve, considerando il numero di giovani che possiedono sparsi per il paese e che possono muovere qua e là con prestiti, di fatto sancendo anche chi retrocede e chi no. Politano è sicuramente out, poi sarei felice di sbagliarmi.

      Io penso che alla fine continueremo quelli che ne siamo. Il mercato di gennaio è alquanto inutile ed al napoli ha cagionato solo minusvalenze. E’ come se ad Agosto ci fosse un momento finanziariamente delicato per De Laurentiis il quale finisce per cacciare comunque dei soldi ma nella sessione sbagliata. Trattenere Giaccherini che non è mai stato una alternativa agli esterni d’attacco e prendere Ounas è un po’ pochino temo.

      Di certo c’è anche che Sarri ha ormai fama di ammazzagiovani. Forse non è colpa sua ma del marketing del Napoli che ha fatto passare per talenti ragazzi di media qualità e che magari non hanno giocato perchè non adeguati. Però certo il caso Maksimovic e Tonelli è davvero un po’ inquietante, avere il serbo in panchina così è uno scempio secondo me. Ed anche l’anno scorso avere un Pavoletti a portare le bibite non è stato da meno. Il limite di questo approccio di Sarri è che quando gli infortuni arrivano (e purtroppo arrivano in tutte le squadre) lui è costretto a mandare in campo gente che ormai si era data al giardinaggio. E che quindi gioca una schifezza vera. Zielinski e Rog stanno ringraziando Hamsik tutti i giorni per non essere entrato in forma smagliante da subito, altrimenti anche loro finivano al grande bar ristoro Panchina Napoli a giocare a tressette.

Comments are closed.