La lite Sconcerti-Tardelli sulla Juventus. Cucchi si dissocia da Sconcerti

Il siparietto alla Domenica Sportiva, con il giornalista che getta dubbi sull’imparzialità dell’ex bianconero. Oggi tweet di Cucchi (che conduce la Ds): «Per me la cultura sportiva è altro»

La lite Sconcerti-Tardelli sulla Juventus. Cucchi si dissocia da Sconcerti

Alla Domenica Sportiva

Ieri abbiamo colpevolmente trascurato un episodio abbastanza grosso. Alla Domenica Sportiva è andato in scena un breve ma intenso battibecco in diretta tra Marco Tardelli e Mario Sconcerti. Nessuna rissa sfiorata o duello rusticano, più che altro vogliamo fare una discussione sui contenuti. Sconcerti non ha solo sollevato dubbi sull’imparzialità di Tardelli, ma l’ha anche caratterizzata secondo una chiave di lettura particolare. Abbiamo tagliato l’episodio da un video, sotto. Ve lo mostriamo prima di parlarne.

Si parla della moviola di Chievo-Juventus, a un certo punto Sconcerti pone un interrogativo: «I rossi a Bastien e Cacciatore sono giustissimi. La gente normale si chiede se le due espulsioni sarebbero state comminate al Chievo qualora fossero stati i calciatori della Juventus ad avere comportamenti simili». La risposta di Tardelli appare stizzita: «E se Callejon avesse commesso lo stesso fallo su Masina, nell’altra area di rigore, l’arbitro avrebbe fischiato il penalty?».

Sconcerti nota la reazione di Tardelli e piazza un paio di affermazioni pesanti, perché storiche rispetto a un periodo infinito del nostro calcio. Queste: «Marco, tu non puoi aver vinto con la Juventus ed essere eternamente nel giusto. Accontentati di vincere. Tra Napoli e Juventus c’è una differenza secolare, tu non mi sembri imparziale quando parli di Juventus. Beh, magari non lo sono neanch’io. Però non mi sembra che tu sia obiettivo».

Tardelli appare visibilmente innervosito, riesce a malapena a trattenersi. Si difende, dichiarando che lui è alla Domenica Sportiva per commentare tutte le squadre, non solo la Juventus. Ma è evidentemente in difficoltà.

Riccardo Cucchi

Il tentativo di “sviare” da parte di Riccardo Cucchi è encomiabile. Certo, è fuori fuoco, perché prova a parlare di campo e cultura quando invece la discussione verte su altri argomenti. Sotto, riportiamo due tweet pubblicati sul suo profilo ufficiale, uno subito dopo o durante la trasmissione e uno di questa mattina. Cucchisi dissocia da Sconcerti, dopo “averlo fatto in diretta”. In effetti, si sente la sua voce che dice di non essere d’accordo. Cucchi aveva detto in trasmissione che in Europa il fallo di Masina su Callejon viene considerato calcio di rigore in nove casi su dieci, soprattutto in Europa.

 

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. michele o pazzo 31 gennaio 2018, 12:57

    Fai un po’ di zapping… ne vedi altri?

  2. Spero vivamente non la pensi davvero così… è ridicolo, Napoli è Italia… l’Italia è cioè che è anche grazie a Napoli, non voglio credere ci siano dei napoletani che arrivino a non considerarsi italiani, va bene mantenere la propria identità ma tutto ciò è spaventoso

    • Ce ne sono credimi, grazie al resto italiota razzista e invidiosa. Vedi Napoli e poi muori. Capisci il senso? dubito questo è importante da capire e poi pensi cerca di capire quello, il senso del famoso detto e poi pensi.Nel ..Zingarelli non c’è. Fuori lo stadio Striscioni UAA CHE MAZZ SONG NAPULITAN lingua no dialetto, patrimonio unesco, ma tu non puoi capire… controlla se ho scritto bene, non si sa mai, tranne il napoletano non lo puoi capire.

  3. Quando vanno in pensione dovrebbero andare in pensione e basta.

  4. E poi Tardelli è il ripetente…

  5. michele o pazzo 30 gennaio 2018, 22:03

    Tardelli è palesemente di parte, non so quanto scientemente (credo abbastanza), ma il problema non sta nella partigianeria di Tardelli, tutti abbiamo un cuore e la piaggeria verso i potenti è cosa umana, il problema è (e siamo sempre lì) che la tv di stato sceglie come opinionista fisso uno juventino, mediaset epura chi è accusato di anti-juventinismo, Sky ha la moglie del capitano della juve come reginetta del giornalismo calcistico (oltre a Mauro, del piero, vialli, i circoli di golf e mille altre cose).
    I partigiani napoletani dove sono? Mi viene in mente solo auriemma, ma è la caricatura di un partigiano.
    Se il giornalismo tv italiano è questo (e non è altro), rimpiango il povero Biscardi.

  6. Uno Sconcerti che soppesa favori arbitrali della Juve e il resto della Storia italiana del gioco del calcio e chi gli risponde? uno juventino, autentico ripetente ai SUPERCORSI di COVERCIANO talmente bocciato che gli fanno cortesia in TV e pure per anziantà a Coverciano gli danno il titolo. RAI se li sceglie col campanello. Ma su dai CUCCHI che timore avete, SCONCERTI dice verità sacrosanta e voi lo sapete se no che lo avete assunto a fare, per far parlare gli ex juventini di parte come TARDELLI? Che ritornasse a Coverciano, li sui banchi deve ripetere i corsi così Mancini senza patentino. Ma su facciamo i seri che ti prende Cucchi vuoi abbassare l’odience? fai il democratico.

Comments are closed.