Il Napoli e il soldo che manca per fare un euro

Il Napoli paga l’assenza di esterni difensivi di rango, ma anche Sarri commette i suoi errori: Hamsik, Hysaj e il gol subito in contropiede contro la Juventus

Il Napoli e il soldo che manca per fare un euro
Sarri (Ciambelli)

Il gruppo di testa

Le ultime partite del Napoli sono state una “mazzata” per noi tifosi: non ci sono dubbi che diversi calciatori siano stanchi, e la mancanza di tre pedine importanti associata ad un rendimento scadente di Hamsik e Callejon si sente.

Da un certo punto di vista non é il caso di disperarsi. In fondo le squadre che ambiscono allo scudetto sono tutte in gruppo, e quindi è importante rimanere nel gruppo di testa fino alle ultime partite per poi far partire lo “sprint” finale. In fondo se ci avessero detto che il Napoli alla 15esima giornata si sarebbe trovato nell’attuale posizione, addirittura con un punto sopra la Juve, ci avremmo messo una firma senza neanche pensarci molto. Se poi consideriamo che questo risultato è stato ottenuto nonostante la sfortunata perdita dopo poche partite di due giocatori importanti non possiamo lamentarci troppo, soprattutto se sabato sera assisteremo ad una significativa ripresa atletica (forse già accennata nel secondo tempo con la Fiorentina).

I punti deboli

Tuttavia da un altro punto di vista dobbiamo ammettere che purtroppo anche quest’anno noi tifosi abbiamo la chiara sensazione che “ci manca il soldo per arrivare alla lira” o che “si rischia di perdere la minestra per un pizzico di sale”.

In effetti ci siamo presentati a questa stagione con tre esterni difensivi su quattro sicuramente non adeguati alle ambizioni, nonostante questo problema fosse chiaro già dall’anno scorso. Mario Rui dopo quattro mesi di preparazione non è ancora capace di giocare novanta minuti, Maggio è ammirevole, ma certamente difficilmente partirebbe da titolare in una squadra di seconda divisione. Poi Hysai ha una tecnica davvero scadente, che mal si adatta al gioco di Sarri, e questo appare ancora più evidente negli scontri ad alto livello. Avere un punto debole in una squadra rappresenta un grosso handicap perché chiaramente la squadra avversaria cercherà sempre di sfruttare questa carenza.

Per capire meglio la situazione, è come fare un doppio con un tennista scarso a fianco di Federer o Nadal: avrai sempre un doppio debole perché chiaramente gli avversari giocheranno sempre sul tennista di gran lunga meno capace. Quindi il valore di questo doppio non sarà data dalla media dei valori dei due tennisti, ma molto più basso. Ovviamente nel calcio non è proprio la stessa cosa, perché si gioca in 11, ma il valore complessivo della squadra sarà inferiore al valore tecnico medio dei suoi calciatori.

Non a caso un allenatore “scafato” come Allegri ha lasciato Hysai praticamente libero sia nel match perduto a Torino con il gol di Zaza sia nella recente sconfitta al San Paolo. Poi Pioli domenica ha ripetuto lo stesso atteggiamento lasciamolo libero: così il pallone andrà da lui in quanto libero, ed ovviamente nove volte su 10 la perderà, o comunque non creerà pericoli.

Il precedente di Londra

Purtroppo la mancanza riserve adeguate già in passato ci è costato parecchio. In effetti non dimentichiamo che proprio l’assenza di una riserva decente per Maggio fu determinante nell’eliminazione in Champions da parte del Chelsea.

Per sostituire Maggio infortunatosi dopo mezz’ora di gioco spostammo Zuniga da sinistra a destra e fu inserito Dossena (già in netta fase calante) a sinistra. Questo cambio subito ci costò un goal. Poi Dossena ci rovinò la qualificazione facendo un fallo di mano inutile su azione di calcio d’angolo; e dal suo lato nacque il quarto goal che evitò i rigori. Come sempre la storia dovrebbe essere maestra di vita anche nel calcio: che cosa è successo contro il Manchester City dopo l’infortunio di Ghoulam?

Sarri e i suoi errori

Ci sono errori di Sarri? In realtà tendo sempre a difendere l’allenatore perché è a conoscenza di molti aspetti sconosciuti a noi tifosi.

Tuttavia diverse scelte non mi convincono:

  1. Perché insiste su Hamsik? Purtroppo le sue condizioni sono pessime. Potrei essere d’accordo nello schierare un Hamsik al 50%, ma il suo rendimento è sicuramente inferiore a questo valore. Utilizzando un altro proverbio napoletano direi “meglio un ciuccio vivo che un cavallo morto”. D’altra parte giocare con uno in meno porta ad una stanchezza precoce anche degli altri componenti della squadra. Anche qui un precedente storico: nell’anno dello scudetto perduto a favore del Milan di Sacchi. Si insistette su Bagni che era chiaramente infortunato ma che voleva giocare per forza per poi partecipare agli Europei. Questo portò al completo sfiancamento di Romano e De Napoli con tutte le relative dolorose conseguenze.
  2. Se Hysai nel secondo tempo con la Fiorentina si occupa solo della fase offensiva, perché non utilizzare un giocatore dotato sicuramente di una maggiore tecnica come Rog?
  3. Mi è sembrato assurdo che il Napoli nella partita con la Juve abbia sofferto due-tre contropiedi pericolosissimi già prima del gol di Higuain. Se sai che la squadra è stanca perché non adottare una tattica più prudente? Anche se non si trattava proprio della migliore Juve, ci sono sempre dei giocatori di grande classe e di notevole esperienza.

1974

Anche in questo caso mi viene in mente il 6-2 subito con la Juve dal Napoli di Vinicio. Il Napoli aveva giocato in settimana una partita allo stremo nell’allora Cecoslovacchia su un campo fangoso pessimo, la squadra era stremata. Nei primi 20-25 minuti la Juve ebbe almeno 5-6 grandi occasioni per segnare, perché il Napoli non riusciva a fare il solito fuori gioco. Poi dal momento che non ci furono correzioni tattiche i gol della Juve vennero a grappolo, e quella sconfitta probabilmente ci costò lo scudetto. Alla fine del campionato il distacco dalla Juve fu di due punti. Un’obiettiva valutazione delle forze proprie e dell’avversario è una regola importante, non solo nel calcio.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. “Se Hysai nel secondo tempo con la Fiorentina si occupa solo della fase offensiva, perché non utilizzare un giocatore dotato sicuramente di una maggiore tecnica come Rog?” Perché Rog è un interno, così come Zielinski. Il cambio ruolo di Mertens è stato un enorme colpo di fortuna, ma non è Pasqua ogni domenica.
    “Perché insiste su Hamsik?” Ti contraddici. Se avesse messo Rog al posto di Hysai come vuoi tu, con Zielinski al posto di Insigne, chi avrebbe dovuto giocare al posto di Hamsik?
    “Se sai che la squadra è stanca perché non adottare una tattica più prudente?” Perché il Napoli di Sarri è una squadra addestrata a difendere in avanti e fare possesso offensivo. Snaturarla per timore reverenziale avrebbe portato a una imbarcata ancora peggiore.
    “Maggio è ammirevole, ma certamente difficilmente partirebbe da titolare in una squadra di seconda divisione”. Questa è semplicemente unah hazzata. Ma è anche vero che il Napoli non è in seconda divisione, e d’estate era chiaro a tutti che si dovesse acquistare qualcuno per quel ruolo.
    La domanda è: l’ultimo paragrafo, “De Laurentiis e suoi errori”, te lo sei autocensurato, o te lo ha censurato il Napolista?

    • L'amico Alfredo 17 Dicembre 2017, 10:57

      La tua difesa di Sarri per la partita con la Juve è convincente. Ma per quanto riguarda Maggio (e comunque quel ruolo) mi pare che tu concorda sul fatto che non sia adeguato alle ambizioni del Napoli, ed al valore del resto delal squadra, e che questo fosse riconosciuto da tutti.
      Mi sembra ovvio che scrivere che il Napoli non ha provveduto a rafforzare quel ruolo è un una critica alla socieà: quindi anche gli errori di De Laurentis vengono segnalati, e, come vedi, nessuno me li ha censurati.
      Poi per Rog al posto di Hysai mi riferivo al secondo tempo: si poteva sostituire Hydsai e con Rog, e rinunciare poi alla ssostituzione di Alaln, anche perchè Hysai stava giocando da ala aggiunta ma con scarsissimi risultati. Credo comunque che non sia folle utilizzare Rog al posto di Hysai in alcune partite: Rog può giocsre in diversi ruoli, ma quello preferito è quello di mediano (tipo Alaln). In questo ruolo ha giocato per qualche anno nello Zagabria e nella Croazia ed il passaggio da mediano a esterno basso di una difesa a quattro non è un evento raro: esempi Florenzi (addirittura quasi ala), Alex Sandro (ha giocato da mediano per alcuni anni nel Santos), lo stesso Maggio con Mazzarri giocava in una posizione più avanzata, e ci sono tanti altri esempi. Poi nel corso di diverse partite capita spesso di sostituire un difensore puro con un centrocampista. Ovviamente è lecito esprimere dubbi su questa possibilità costante, ma non li avrei sicuramente se si tratta di un solo tempo o meno.
      Comunque ti ringrazio per i commenti.

  2. Vincenzo de Blasio 15 Dicembre 2017, 20:01

    Sono sostanzialmente d’accordo con l’articolista. Il fatto è che per migliorarsi bisogna sempre individuare, senza remore, le proprie criticità. D’altronde sono proprio gli avversare a rendere indispensabile questa continua ricerca della perfezione. Se poi per alcuni bastano solo certi risultati, senza andare oltre; allora ci sarà sempre una nutrita schiera di tifosi che rimarrà scontenta.

  3. “Se sai che la squadra è stanca perché non adottare una tattica più prudente? ”
    Perché non è nelle corde di Sarri. Conosce un solo tipo di gioco. E’ incapace di adattarsi alle situazioni

    • dino ricciardi 15 Dicembre 2017, 19:32

      Almeno noi un ” gioco” c’è lo abbiamo.
      E a quanto vedo anche invidiato.

      • e ti pareva, Guardiola il calcio + bello d’europa ecc ecc va campiamo di leggende,come se avere un modulo alternativo e dare opportunità agli altri 14 giocatori della rosa fosse un crimine contro l’umanità, che poi so 10 partite che si gioca male, ma continuiamo a vedere un Napoli che gioca alla stragrande

  4. Non capisco perche’ il Napolista abbia scelto questo qua a fare articoli da tifoso.
    Non mi rappresenta per nulla, ma proprio zero e credo che siamo in molti a pensarla in questo modo.

    • Frédéric Moreau 15 Dicembre 2017, 16:18

      Perché è una caricatura.

      • Tu dici? Guarda che di “tifosi” che scrivono piu’ o meno le stesse cose sui vari forum abbondano.
        E Il Napolista con Sarri non e’ mai stato tanto tenero.

      • giancarlo percuoco 15 Dicembre 2017, 17:47

        un”altra?

    • Raffaele Sannino 15 Dicembre 2017, 17:03

      Mi pare abbia espresso delle tesi che in molti condividono.Anche i riferimenti storici sono pertinenti.Per me, è un buon pezzo.

      • Raffaele, se non e’ una “caricatura” e si da spazio alle tesi del tifoso, non si sceglie sempre lo stesso con una certa linea che, guarda caso e’ iper-critica sopratutto nei confronti di Sarri (che ricalca quella de Il Napolista, appunto).
        Bisognerebbe aprire anche ad altre voci della tifoseria.

        • ancora con il napolista anti-sarri, dopo 600 articoli d’incoraggiamento? guagliù siamo al delirio

    • dino ricciardi 15 Dicembre 2017, 19:36

      Fabio,non è mica il solo,c’è ne sono altri due sulla stessa linea.
      D’altra parte è la linea del sito.
      Senza contare i due che fanno le pagelle.

      • i 2 che fanno le pagelle pure loro? ma allora è una cospirazione

      • Dino, il discorso e’ diverso: se Il Napolista ha una sua linea editoriale e la seguono in tanti e’ piu’ che lecito e complimenti a loro per dare comunque a noi la possibilita’ di esprimere le nostre critiche.
        Il mio “rimbrotto” e’ che non si dovrebbe lasciare ad un tifoso solo (anche se magari amico…) la facolta’ di scrivere articoli da prima pagina.
        O apri una rubrica nella quale pubblichi di volta in volta varie opinioni, oppure non fai nulla.
        Almeno io la vedo cosi’.

    • Meno male che non rappresenta tutti i tifosi! Credo che parla con quelli, come me, che preferiscono un ragionamento completo e con passaggi storici e critici – anche se comune a tanti altri di noi.

    • L'amico Alfredo 15 Dicembre 2017, 21:02

      Veramente non era mia intenzione rappresentare nessuno se non me stesso esprimendo le mie opinioni.
      Comunque non mi pare che sia stao ipercritico con Sarri: ho detto che i risultati ottenuti, nonostante la sfortuna, sono eccellenti. Ed è certo merito di Sarri. Poi se la società non provvede (forse per mancanza di fondi) a fornirgli degli esterni bassi di valore non è certo colpa sua. Tuttavia anche Sarri non è infallibile, e quindi si può anche discutere qualche sua scelta. Non c’è alcun dubbio che I risultati ottenuti dal Napoli (anche per la spettacolarità del suo gioco) non si sarebbero mai avuti senza Sarri.
      Comunque è importante che anche in questo forum si mantengano comportamenti cortesi ed educati: in fondo si discute sempre di un gioco che si presta a tantissimme opinioni

      • chi tocca Masarriniello tocca il fuoco, colpa d’Alfredo

      • Meno male che almeno non hai la presunzione di rappresentare altri.
        Sta di fatto che Il Napolista ha scelto UN tifoso cui fare scrivere articoli, mentre, se veramente si volesse dare spazio anche a chi fruisce del calcio, sarebbe piu’ logico un giorno a te, uno a me, un altro a tizio, caia e sempronia….
        Preciso che non mi sto auto-proponendo, a scanso di equivoci.

    • non rappresenta te quindi non rappresenta nessuno, molto democratico come pensiero

      • Va be’ ti rispondo, almeno per una volta caro troll multi nick: leggi bene (se sei gia’ oltre la prima elementare) e scoprirai che ho scritto che CREDO siamo in MOLTI a pensarla cosi’.

Comments are closed.