Massimo Mauro: «Surreali le accuse ad Agnelli, non ci sono stadi dove gli ultras non abbiano biglietti»

Scrive su Repubblica: «Quando ero presidente del Genoa, la Digos mi invitava a mantenere rapporti con gli ultras»

Massimo Mauro: «Surreali le accuse ad Agnelli, non ci sono stadi dove gli ultras non abbiano biglietti»

“Quando ero presidente del Genoa”

“Alcuni anni fa ho fatto il presidente del Genoa: la Digos stessa mi invitava a mantenere buoni rapporti con gli ultras. Un modo di far prevalere il buon senso – senza ovviamente rinunciare a far rispettare la legge – che io apprezzavo e condividevo. E poi non esiste stadio dove gli ultras non riescano ad avere più biglietti di quelli che sono previsti. Per questo che la richiesta della giustizia sportiva nei confronti di Agnelli mi sembra surreale.” (M. Mauro – 17092017)

È un passaggio significativo della rubrica che Massimo Mauro tiene su repubblica.it. Pochi giorni dopo la richiesta di due anni e sei mesi di interdizione da parte della Procura Figc per la nota vicenda biglietti-bagarinaggio, e in attesa della sentenza. Ogni commento sarebbe superfluo.

Massimo Mauro siede nel cda del complesso di golf della famiglia Agnelli

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Mauro sta ad Agnelli come Fede sta(va) a Berlusconi

  2. Mauro attacca il ciuccio dove vuole il padrone.

    • ecco perchè. grazie per l’informazione.

    • Massimo Mauro? tutto un programma. In quanto a ex Prresidente del Genoa, si è preparato tutto.

    • Ora è tutto chiaro. Il solito vergognoso opportunista, e mi trattengo con i complimenti altrimenti finisco bannato da Disqus che già mi ha censurato la prima versione di questo messaggio.

      Ma poi che tiene da consigliare Mauro, dove piantare le cerase?

  3. mauro è lui un personaggio surreale ed un po’ grottesco.

  4. “Mantenevo i buoni rapporti con gli ultras”

    …E secondo te perché oggi siamo messi così male in Italia con gli stadi?

  5. E’ un ruffiano di parte. Lo sa lui che tutti i Club trattano oltre il lecito con gli Ultrà. Mal comune mezzo gaudio. Arriffet.

  6. Per me già è surreale che quest’uomo possa scrivere di calcio, che poi gli si consenta di allargarsi ad altri temi più seri (sia pure collegati al calcio) su un giornale come La Repubblica è più che surreale…è fantascientifico…

  7. mi fa pena

  8. Roberto Liberale 18 settembre 2017, 13:46

    C’è chi paga gli avvocati e c’è chi si fa difendere gratis. Almeno mediaticamente

  9. Massimo ma appict’ e t’agg trattat.

    • Glie lo devi tradurre, lui è un calabresuotto…

      • Preferisco mostrarglielo.

      • Vito Antonio Maria Romaniello 18 settembre 2017, 19:14

        Io sono un tifoso del Napoli meridionale e non campano.
        Precisamente Lucano.
        Qualcosa da dire?
        E poi ci si lamenta del razzismo dei settentrionali.

        • Non ti sorprendere. Sostengo da sempre che a parti invertite l’Italia sarebbe gia’ divisa in vari pezzi. Urlano cointro gli altri ma non sono meglio.

          • Per me può essere anche svizzero, chi disprezza la legalità come Mauro ha dimostrato con questo articolo merita soltanto sonori spernacchiamenti nella migliore delle ipotesi. Poi è un dato di fatto come alcune zone d’Italia che non hanno storicamente squadre di alto livello siano tra i maggiori “fornitori di tifosi” di squadre come la Juventus, ma almeno per me conta la singola persona, e Mauro è impresentabile come essere umano per le sue idee, non perché sia juventino o calabrese.

          • Se era tifoso della Roma mai lo avrebbero chiamatoa ruffianare per i terronia rubentini. Questa è SKY.

          • Vabbè che SKY sia feudo juventino è ovvio anche al meno obbiettivo degli osservatori, d’altronde non si sputa nel piatto dove si mangia, Mauro è solo uno dei tanti miracolati, in altri luoghi e limiti di decenza avrebbe avuto un comodo cartone plurifamiliare sotto ad un ponte di lusso.

          • No ‘o meglio si tu. A l’Italia divisa fareste la fine dei tracchi.

        • Sei lucano e allora? pensa a tifare Napoli. Mauro è sempre astio contro Napoli e ruffiano verso quelli la, perchè calabrese è raro come te lucano tifare Napoli, ma tifano quelli la perchè scelgono a ti piace vincere facile. In quanto a razzismo poi?? sono gli stessi meridionali di terronia li a Torino come la femmina che dice HIGUAIN togli quel puzzo napoletano prima di mettere piede a VINOVO. Ecco te l’ho detto lucanotifosonapoli.

      • Come Ferlaino eh

  10. Massimo Mauro, Sky, il salottino… Il potere mediatico della Juventus… Se Agnelli viene condannato forse veramente qualcuno si è rotto le palle…

  11. la plastica raffigurazione della cultura italica..”così fan tutti”..è surreale che lui sia un opinionista (ma de che) con tanto di “rubrichetta” sul giornale di grido!

  12. Su Agnelli ci sono le prove, sugli altri no. Se c’è un regolamento, che venga rispettato, altrimenti se ne paghino le conseguenze

  13. Credo che Agnelli dovrebbe fare una statua a quest’uomo. Nemmeno i figli difenderebbe con tutto questo trasporto.

  14. Ormai siamo alla apologia di reato.

Comments are closed.