Davvero Nainggolan vale sessanta milioni?

È un altro caso Higuain, a quella cifra va impacchettato e portato a Milano sponda Inter. Il teorema del prezzo giusto di Monchi (e quindi della Roma)

Davvero Nainggolan vale sessanta milioni?

Un altro caso Higuain

Se il principio guida di Monchi è vendere e acquistare a un prezzo congruo – o, se volete, al televisivo prezzo giusto – di fronte alla presunta offerta dell’Inter di 55-60 milioni, bisogna prendere Radja Nainggolan, improfumarlo ben bene, acquistare uno scatalone con un bel fiocco e portarlo fino alla Pinetina a piedi. L’affare del secolo. In concorrenza con quello di Gonzalo Higuain per 90 milioni. Non tutti al Napolista sono d’accordo, le voci dissonanti avranno la loro tribuna. Nainggolan a sessanta milioni di euro è una rapina, un furto con destrezza, è la rapina al treno Glasgow-Londra. La Juventus lo scorso ne ha spesi la metà per Pjanic.

Un’offerta che non si può rifiutare

Impossibile rifiutare una simile offerta. Per un calciatore che piace a tanti, che quest’anno ha segnato undici reti in campionato ed è andato per la prima volta in doppia cifra. Un cagnaccio che ha anche qualità, non c’è dubbio. Anche un calciatore che fin qui non ha mai vinto nulla. Né con la Roma (non proprio una squadretta) né con la Nazionale (anche in questo caso, non una squadretta). Transfermarkt lo valuta quaranta milioni di euro. PlayRatings 35 milioni scarsi.

Il ritorno di Milano

E quindi eccoci al teorema Monchi. Il punto è il rapporto qualità/prezzo. Come per Higuain. Higuain è un signor centravanti, lo sappiamo. Ma a novanta milioni va venduto. E meno male che c’era la clausola, altrimenti De Laurentiis non avrebbe mai potuto venderlo. Anche Nainggolan è un ottimo centrocampista. Ma francamente quaranta milioni sono decisamente ben pagati. Sessanta sono un prezzo rischioso. Molto rischioso. L’Inter mette sul tavolo l’intera stagione. Fa capire che comincia a sentire il fiato del Milan sul collo. E, allargando il ragionamento, si potrebbe cominciare a parlare del ritorno di Milano. A quel punto, Monchi e la Roma sarebbero con le spalle al muro. E con un bel gruzzolo in cassaforte.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Gino Di Costanzo Pitture 10 luglio 2017, 19:40

    Credo che chiunque possa valere qualunque cifra, come principio economico generale del calcio professionistico. E’ tutta ricchezza fittizia, il Valore monetario è assolutamente indipendente dal “lavoro” svolto in campo. E’ produzione di Spettacolo: i soldi sono veri, ma la sostanza che rappresentano è effimera, fittizia, appunto. L’Economia, la finanza, tutto è “drogato”; il mercato del calcio, tutto sommato, riveste un ruolo secondario ma indicativo della crisi mondiale della valorizzazione del Valore.

  2. Poi la gente si lamenta del prezzo di Maksimovic, Mario Rui e simili. Sarà pure fortissimo, chi lo nega, ma a certe cifre ti prendi giocatori più giovani e con più esperienza in europa, questa è la mossa disperata di una squadra che deve vincere subito altrimenti fa il botto, pur con tutti i soldi della nuova proprietà.

  3. Fossi in Giuntoli un tentativo tipo, Rafael e Giaccherini per 50 milioni a Milan o Inter la farei. ?

  4. Ragionamento troppo semplice il prezzo è dato da domanda offerta aspetti che voi non analizzate ovvero la domanda quella in specifico dell inter è pressante e forte spalletti lo conosce lo vuole lui conosce il campionato il modo di giocare e in giro centrocampisti di quel livello ce ne sono pochi (ecco l offerta) poi ce da dire che la roma psicologicamente crolla se cede anche lui e poi l inter ha pagato 45 joao mario signori miei e 20 gagliardini ecco qui che per una società che nn ha risorse infinite o cinesi alle spalle diventa importantissimo anzi fondamentale programmare e puntare i giovani come fa il napoli, quando sarà il tempo venderà mertens e al posto suo ci sarà magari ounas preso giovane a prezzo di rischio basso (10-12 mln nel calcio sono pochi e se fallisce non è un dramma) cosi come il discorso vale per jorginho (diawara rog scalpitano) o allan.. programmare e prendere i sostituti vuol dire vendere senza soffrire e mettere sotto pressione i big “vuoi piu soldi?” Portami l offerta e vattene il sostituto ce l ho già in casa, il tempo è denaro

  5. Se davvero l’Inter offrisse 50-60 milioni per Nainggolan, fossi in Monchi glielo porterei di persona facendo Roma-Milano in bicicletta e gli metterei pure un bel fiocchetto in testa.

    Nainggolan è un centrocampista esuberante fisicamente, con un buon tiro da fuori e un grande agonismo. Punto.
    Tuttavia:
    – E’ poco intelligente tatticamente e spesso viene saltato e si fa trovare fuori posizione
    – Non sa portare un pressing organizzato, facendo leva solo sulla sua prestanza fisica
    – Tecnicamente è un centrocampista nella media

    50 milioni è il prezzo a cui è stato ceduto Vidal, che è un giocatore di un’altra categoria rispetto a Nainggolan.

    Tuttavia il mercato degli ultimi anni sta mostrando cifre folli, lontane dal valore reale del giocatore.
    Penso a Higuaìn a 90 milioni (fortissimo, ma valeva 90 milioni?), ma cose anche peggiori, tipo Bertolacci a 20 milioni o (se sarà acquistato) Bernardeschi a 40 milioni.
    Sono tutte cifre folli.
    In un simile contesto assolutamente pazzo, ci sta che si possano pagare 50 milioni per Nainggolan, anche se (per limiti tecnici, tattici e di età) varrebbe forse la metà.

  6. Io già a 50 lo infiocchetterei e venderei.
    Ha altri 3 anni buoni davanti poi calerà.

  7. giancarlo percuoco 10 luglio 2017, 16:05

    Questi ci strappano lo scudetto dei bilanci!

    • A Roma stanno festeggiando lo scudetto del bilancio nonostante stiano con i debiti.

  8. secondo me oggi li vale.

    • Per l’utilizzo che ne fa Spalletti li vale. Ed è per questo che il prezzo è 60, perchè si presume che, stante lo stesso tecnico, possa ripetere le prestazioni in giallorosso…

    • Se Pellegri, 17enne che in Serie A ha giocato al massimo tre partite, già viene valutato tra i 20 e i 30 milioni, in questo mercato dalle cifre folli neanche io mi stupisco se Nainggolan viene pagato 60.

  9. Dick Valentine 10 luglio 2017, 15:39

    Forse non li vale neanche con i prezzi assurdi di adesso, ma va anche detto che un sostituto degno non lo si paga tanto meno. A 35-40 non lo vendi perché ti accolli solo il rischio. A 50 forse si. Aggiungi il bonus-Inter e raggiungi la cifra di 60 😀

  10. Con i prezzi di oggi, drogati dalla disponibilità delle squadre di Premier e dai nuovi investitori, come i cinesi milanesi, la cifra di 55-60 non è così assurda. È un giocatore all’apice della carriera, di grande esperienza. Molto meno rischioso andare su di lui che investire 40 per un giovane dalle belle speranze tipo il Kongdobia di due anni fa…Tra l’altro la cifra dipende anche dal fatto che ha ancora tre anni di contratto e la Roma ha già fatto cessioni per 100 milioni ed oltre (e quindi non ha necessità di vendere ora). Alla Roma conviene? Certo, se trova un sostituto all’altezza…il punto è che deve trovarne altri tre visto che ha già ceduto portiere, centrale e attaccante di fascia titolari… insomma il paragone con la situazione post Higuain qui Napoli c’entra poco.

  11. Federico Villani 10 luglio 2017, 15:01

    60 milioni… Si! Andrebbe infiocchettato e portato a “piedi” a Milano.
    Però il prolema che si presenterebbe è che si tratterebbe di una rifondazione/rivoluzione della rosa e l’impossibilità di sostituire il Belga/indonesiano che dei partenti è quello insostituibile(io penso che anche Salah, nonostante sia una cessione pesante sia sostituibile) per mancanza di giocatori di quel livello, e le squadre che hanno giocatori di quella caratura non vendono o comunque non a 60 milioni!

Comments are closed.