L’International Board pensa di ridurre a 60 minuti il tempo di una partita di calcio

I novanta minuti canonici sarebbero bilanciati dal passaggio al tempo effettivo. Per il Board, questo provvedimento servirà ad evitare perdite di tempo.

L’International Board pensa di ridurre a 60 minuti il tempo di una partita di calcio

Tempo effettivo

Ne scrivono Telegraph Guardian, quindi parliamo di testate abbastanza prestigiose e di notizie importanti. L’International Board starebbe pensando a una vera e propria rivoluzione regolamentare: partite ridotte a 60 minuti conteggiati con tempo effettivo. L’intenzione del Board è inclusa nel docmento Play Fair!, e punta diversi obiettivi regolamentari e non: «ridurre le perdite di tempo; aumentare il tempo di gioco reale; accelerare il gioco mentre il pallone non è fuori dal campo». Il tutto, ovviamente, vorrebbe rendere ancora più spettacolare la fruizione dello sport per i spettatori allo stadio e in tv.

Sempre secondo il Board, questi cambiamenti (insieme ad altre proposte) potrebbero essere discusse nelle prossime riunioni. Il passaggio dal tempo continuo a quello effettivo segnerebbe uno storico cambiamento per l’intero movimento. Cambierebbero, infatti, tutte le dinamiche riferite alla gestione dei tempi e della fatica durante la partita. Vedremo se questa trasformazione potrà concretizzarsi.

ilnapolista © riproduzione riservata