Cristiano Ronaldo sarà in tribunale a Madrid il 31 luglio

La frode di 14,7 milioni (2011-2014) sarebbe stata perpetrata attraverso il versamento dei ricavi di Ronaldo in una società delle Isole Vergini Britanniche.

Cristiano Ronaldo sarà in tribunale a Madrid il 31 luglio

La convocazione in tribunale

As fa il punto della vicenda-Cristiano Ronaldo. Il fuoriclasse portoghese sarebbe stato convocato in tribunale per il 31 luglio. Risponderà dell’accusa di evasione fiscale per 14 milioni di euro. In particolare, Ronaldo avrebbe frodato il fisco spagnolo per quasi 1,4 milioni di euro nel 2011, 1,66 milioni nel 2012, 3,2 nel 2013 e 8,5 milioni di euro nel 2014. Questo, ovviamente, secondo l’accusa.

Secondo i portavoce di Cristiano, il giocatore «non ha ricevuto la convocazione», esattamente come il suo agente Jorge Mendes. Secondo El Confidencial, l’avvocato accompagnerà Ronaldo in tribunale per provare a rispondere all’impianto accusatorio, che parte dalla creazione di una struttura aziendale atta a nascondere i redditi generati in Spagna in maniera “volontaria” e “consapevole.

Il fuoriclasse merengue, diventato residente in Spagna dal 1° gennaio 2010 (qualche mese dopo il suo trasferimento dal Manchester United al Real Madrid), avrebbe dovuto registrare nel 2011 i redditi prodotti in Spagna al 24%. Questa aliquota sarebbe poi dovuta aumentare al 24,75% nei tre anni successivi. Invece, i guadagni sarebbero stati dirottati in una società denominata Tollin Associates Ltd, con sede nelle Isole Vergini britanniche. Ronaldo era l’unico azionista di questa azienda.

 

ilnapolista © riproduzione riservata