Guardiola: «Nessuno gioca meglio del Napoli in Italia, anche se ha vinto la Juventus»

Conferenza stampa-manifesto. «L’obiettivo è giocare bene, giocare sempre meglio». E cita il Tottenham e la squadra di Sarri. «Cosa serve al City per competere in Europa? Decenni».

Guardiola: «Nessuno gioca meglio del Napoli in Italia, anche se ha vinto la Juventus»

Il manifesto del bel calcio

Watford-Manchester City è finita da pochi minuti. Il risultato è stato di 0-5 per i Citizens che in questo modo hanno suggellato il terzo posto che vuol dire Champions diretta. Conferenza stampa di Pep Guardiola. Il tecnico catalano è sorridente, sereno, sembra realmente felice del risultato intermedio raccolto dalla sua squadra alla prima stagione. Quando gli si chiede, all’inizio, cosa deve fare il City per migliorare nella prossima stagione, Guardiola risponde. Anzi, sottolinea e ripete più volte: «We are there, in Europe for seven years. And now we are going to try to play better. The only way to improve is play better». Un manifesto. La traduzione: «Siamo qui, in Europa per il settimo anno consecutivo. Ora, per l’anno prossimo, dobbiamo cercare di giocare meglio. L’unico modo per migliorare è giocare meglio». Un manifesto, ribadiamo

Napoli come esempio di bel gioco

Dopo pochi minuti, in cui Guardiola ricorda come il Chelsea e il Tottenham siano distanti e quanto conti giocare la Champions, il riferimento che non ti aspetti. Il Napoli. Il discorso è quello sulla vittoria, intesa come trofei sollevati al cielo. Le parole di Pep: «Noi saremo in Champions League, è molto importante. La pressione sarà la stessa, dobbiamo provare a vincere. Qualora non ci riuscissimo, allora dovremmo migliorare cambiando. La gente era confusa, quando sono arrivato pensava che vincere sarebbe stato facile. Abbiamo giocato contro grandi squadre come Chelsea e Tottenham. Gli Spurs sono tra le migliori squadre al mondo per qualità di gioco, eppure sono arrivati secondi. Quest’anno e l’anno scorso. Come il Napoli, per esempio. Ha vinto la Juventus, ma nessuno gioca meglio del Napoli in Italia (lui dice a few ma il concetto è chiaro nel suo discorso, ndr). Per ridurre il gap con le prime, dobbiamo giocare meglio». Queste parole sono poco dopo il minuto 3.00 di questo video che vedete sotto.

Riconoscimento

Difficile trovare un riconoscimento migliore per il gioco, in questo momento. Guardiola rappresenta probabilmente il massimo riferimento possibile per quanto riguarda il discorso tattico nel calcio internazionale. Il suo inizio al Manchester City è stato complicato, anche lui ha dichiarato che «in un altro club una stagione così avrebbe portato a rivedere la posizione del tecnico». Eppure, continuerà il suo progetto.

Nel resto della conferenza stampa, Guardiola regala altre chicche. Come ad esempio il mercato, con un riferimento al Real Madrid che «acquista un sedicenne a 46 milioni». Parla di Vinicius, aspirante fuoriclasse del Flamengo che le Merengues avrebbero strappato per una cifra colossale. Altri punti importanti momenti della conferenza sono il disappunto per le «tantissime domande riferite al futuro di Aguero»: un Guardiola stizzito risponde che il Kun resterà all’Etihad.

E poi, l’ultima perla. Alla domanda “cosa serve al Manchester City per competere con Real Madrid e Barcellona?”, Pep risponde: «Cosa serve? Tempo. Decenni. I soldi non sono abbastanza, nel calcio. Anche per questo club, che non ha partecipato per tantissimi anni a competizioni europee. Ci vorrà del tempo, al Man City, per competere con le spagnole, con il Bayern, con la Juventus. O con l’Atletico Madrid. Ecco, proprio l’Atletico è un esempio del tempo necessario per arrivare a competere ad altissimi livelli in Europa. Step by step, loro meriterebbero di vincere la Champions. Eppure non ci sono riusciti».

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Marchese di Carabàs 23 Maggio 2017, 13:13

    Few teams play better than Napoli in Italy.

    Poi ci si lamenta della qualità del giornalismo.

  2. Dick Valentine 23 Maggio 2017, 10:30

    Potremmo dire che forse il Napoli è la miglior squadra d’Italia quando ha il pallone tra i piedi ma non lo è quando il pallone ce lo hanno gli altri. Nel basket questo concetto è molto più chiaro che nel calcio. Puoi attaccare in maniera divina, ma devi anche riuscire a subire poco. La Juve è lontana di quei 7-8 punti in classifica grazie ad una difesa eccezionale che non soffre quasi mai cali di tensione.
    Il Napoli sarebbe una squadra quasi perfetta per la serie A se non subisse quei gol da Palermo, Pescara e Sassuolo.

  3. Guardiola: nessuno gioca meglio del Napoli di Sarri in Italia.

    Invece per il Napolista abbiamo perso lo scudetto per colpa di Sarri.
    Da ridere per tutta la giornata??

    • comunque guardiola – che giustamente ha riconosciuto grandi meriti al Napoli – non ha detto quello… è sbagliata la traduzione messa nell’articolo

  4. Giulio Spirito 23 Maggio 2017, 0:27

    hey napolista non dice a few!!dice as well!!-))

    • No, subito dopo dice few teams play better than Napoli in Italy.

      • Giulio Spirito 24 Maggio 2017, 11:17

        vero, mi ero fermato prima;-), ma chi sarebbero poi questi teams che giocan meglio?!

        • Penso sia da interpretare come “pochi giocano meglio del Napoli” e “in Italy” come provenienza geografica del Napoli.

  5. Prendiamo e portiamo a casa…il Barcellona di Guardiola è tra le squadre più belle viste negli ultimi decenni, anche per merito di giocatori straordinari…un suo complimento deve renderci orgogliosi…

  6. Guardiola è un altro a cui piace il circo.

    • Diventato allenatore del Barcellona nel 2008, ha condotto la squadra alla vittoria di tre campionati, due coppe nazionali, tre Supercoppe spagnole, due Champions League (divenendo il sesto a farlo sia da calciatore che da allenatore), due Supercoppe UEFA e due Coppe del mondo per club FIFA; con quattordici trofei in quattro anni è l’allenatore più vincente della storia blaugrana. Dal 2013 fino al 2016 alla guida del Bayern Monaco, ha conquistato una Supercoppa europea, una Coppa del mondo per club (raggiungendo in entrambi i casi il primato personale di vittorie nella competizione), tre campionati tedeschi e due Coppe di Germania. Dal 2016 Guardiola guida la squadra inglese del Manchester City.

      EFFETTIVAMENTE CON IL CIRCO NON HA MAI VINTO NIENTE.

  7. Jean Paul Sartre 22 Maggio 2017, 18:57

    Traduzione un po’ fantasiosa, ma ci può stare, tanto… chi lo sa l’inglese tra i lettori del napolista? 🙂

    • dino ricciardi 22 Maggio 2017, 19:06

      fuck you !!!
      ho fatto copia e incolla…dimmi se lo scritto bene Francese.

    • Che vita di ? la tua.

    • Tutti poliglotti a Vinovo…
      Tutte menti sopraffine,

      Si vede dagli striscioni su Superga, degni della vostra tifoseria ridicola.

      • Diego della Vega 23 Maggio 2017, 7:12

        Vinovo? Questo per arrivare a Vinovo si deve fare almeno una dozzina di ore di treno..??. è un imbecille che passa le sue tristi giornate buttato qui sopra perché evidentemente abita in qualche campagna sperduta dell’hinterland foggiano..

        • ha parlato Einstein…

          • Diego della Vega 23 Maggio 2017, 13:59

            Se non ricordo male ti avevo bloccato tipo mesi fa, di solito gli smerdj sono tutti tracciati. Avrai cambiato account. Vabbè. Click. Fatto. Ribloccato. Adios. E augurissimi per la finale!

  8. Guardiola che grande personaggio.
    Ce ne vorrebbero di personaggi cosi in Italia, altro che acciughina (grande allenatore ma come persona…)

    Ha detto la verità: giocare “bene” ( che poi significa tutto e nulla imho) non è sinonimo di vittoria ma puo aiutare ad avvicinarsi a chi ha giocatori + forti dei tuoi

    • Jean Paul Sartre 22 Maggio 2017, 18:50

      Che ti ha fatto acciughina come persona? (sentiamo i deliri).

    • Roberto Liberale 22 Maggio 2017, 18:54

      Ritengo che per dare un giudizio completo sulla persona di Massimiliano Allegri bisognerebbe conoscerlo un po’ meglio.
      Io da tifoso del Napoli che è vissuto per qualche anno molto ma molto vicino a Livorno le devo dire che si sbaglia molto sulla serietà, professionalità e umanità dell’attuale allenatore della Juventus. Che, da quanto ho capito e per quel poco che ho compreso della personalità del livornese, non è detto che resti a lungo alla Juventus.
      Sicuramente a Livorno e provincia ha lasciato ricordi molto ma molto migliori del suo quasi concittadino Walter Mazzarri.
      E tra l’altro appena trova un po’ di tempo libero si fionda nella sua vecchia città per passare qualche ora con i suoi amici a scherzare e stare bene.
      Che poi il solo fatto che sia allenatore della Juventus ce lo renda antipatico è tutto un altro discorso.

      • Jean Paul Sartre 22 Maggio 2017, 18:59

        Dimentichi che i tuoi amici napolisti si esprimono per assiomi, per dogmi, mica sanno motivare quello che dicono.

        • si esprimono per assiomi, per dogmi

          E chiamali fessi, è così comodo.
          Non devi pensare, solo affermare.
          Poi tutto si piega a come si vuole sia la realtà.
          Inglese compreso.

      • Assolutamente non è cosi.
        Stravedo per Allegri ma quando:
        -al Milan parli del goal di Muntari e poi vai ala Juve e ti rimangi tutto
        -attacchi un tuo collega ( e a detta tua anche amico) paragonando il suo stile al circo
        -bestemmi in preconferenza un personaggio come Buddha

        sinceramente ti cade proprio…

        Come critico Sarri per il fatto che in conferenza usa sempre un linguaggio non consono.
        Ok una volta, ok 2 ma sempre poi i detrattori hanno ragione.

        • hai ragione, meglio Sarri che ha dato del “gay” (eufemismo) a Mancini.

          l’eleganza fatta a persona.

    • in effetti, visto che stai (stra)parlando di Allegri come persona, vogliamo dire qualcosa anche di quel maleducato (e sboccato) di Sarri..?

      lascia perdere, è meglio…

      • Diego della Vega 23 Maggio 2017, 7:20

        Qui parliamo e straparliamo di Allegri e di tutte le altre mmmmerde Ndranghetine..e i pistolotti del solito terrone strisciato che così si sente integrato nel tessuto sociale nazionale perché è un “vincente” oggettivamente meritano solo una bella pernacchia con risucchio di ritorno ??.

        • e vabbuò, che ci vuoi fare..?

          nelle nostre curve mica abbia dei “padri francescani” tipo Genny ‘a carogna, ergo dobbiamo arrangiarci con quel che passa il convento.

          vuoi pure l’applauso..?

      • Vabbè hai problemi di lettura.
        Ho capito…

    • Fabio Milone 23 Maggio 2017, 7:58

      Sulla persona (almeno da come appare) d’accordo con te, sul “grande allenatore” invece per nulla.
      Al Cagliari non mi pare abbia fatto sensazione come Sarri e qualcun altro quando erano in provincia.
      Da quando e’ passato al Milan e poi alla BB ha solo maneggiato fior di squadroni.
      Non dico la solita frase “sarei capace anche io” e ammetto che anche allenatori affermati come Mancini o Benitez non sono riusciti in quello che ha fatto Allegri, ma “grande” non mi pare proprio.

      • “Ha maneggiato fior di squadroni”.
        Perché tu volevi vincere solo col gioco?
        Ecco perché a Napoli poi facciamo solo circo.

      • Ciccio Bomba 23 Maggio 2017, 9:53

        col cagliari ha fatto benissimo finché non è saltato fuori che avesse già firmato per il milan. con il sassuolo, prima di cagliari, ha fatto benissimo. Si può non condividere un suo stile di gioco ma bisogna ammettere che è un ottimo manager. E se sabato, ahinoi, dovesse vincere la champions, avrebbe il diritto di fregiarsi come uno dei più grandi.

        • Magari ha fatto bene con le minori, ma non si e’ mai contraddistinto per uno stile di gioco cosi’ superiore come Sarri e pochissimi altri.
          Ha avuto la fortuna di beccare Milan e BB con tanto denaro gia’ speso o da spendere per le grandi star – l’ultima ruota utile di un calcio italiano sempre piu’ in declino in termini di attrazione.
          Per me un “grande” allenatore e’ tutt’altro.
          PS x “Stabiese”: sappi che ti ho bloccato da tempo per cui i tuoi commenti manco li leggo – anche prima di bloccarti, comunque, non ti ho mai dato attenzione o tempo.

          • beh, dipende cosa intendi per allenatore. io infatti ho scritto manager, per evitare fraintendimenti. del resto nemmeno mourinho, o capello, o lo stesso lippi, non sono stati chissà quanto brillanti nei loro stili di gioco, eppure sono stati supervincenti.
            Poi siamo d’accordo che io preferisco essere “vinto” (non perdente) con sarri, con la speranza di diventar vincente, piuttosto che vincente come allegri. ma qeust’ultimo è indubbiamente bravissimo.

      • Marchese di Carabàs 23 Maggio 2017, 13:02

        Allegri non mi piace, ma non mi viene in mente un motivo per il quale gli avversari non dovrebbero apprezzarlo come persona. Ha detto/fatto qualcosa di inappropriato?

  9. Non ho capito, “a few” di che cosa?

    • Ciao Franco,
      Guardiola dice, testualmente, “few teams play better than Napoli, in Italy”.
      Ciò che intende dire, nel contesto dell’intervista, è che pochi team (al mondo) giocano meglio del Napoli.
      L’articolista fa un po’ di confusione, Guardiola specifica “in Italy” per dare il riferimento geografico della squadra, poiché qui in Inghilterra il Napoli lo stanno conoscendo meglio solo negli ultimissimi anni.

    • Giulio Spirito 23 Maggio 2017, 0:26

      non “a few” dice “as well”;-))
      il napolista se l è inventato

  10. dino ricciardi 22 Maggio 2017, 18:10

    alla Catalano…
    meglio vedere un brutto film che vince l’oscar solo per l’interpretazione di qualche attore o vedere un bellissimo film che ti emoziona e ti fa uscire soddisfatto e felice dal cinema?

  11. antonio consiglio 22 Maggio 2017, 17:27

    le parole di pepp guardiola fanno il paio con quelle pronunciate da sosa sabato sera.
    vincere è bello ( se in maniera corretta , ovviamente). ma da soddisfazione anche ricevere gli elogi di un allenatore pluridecorato .
    del resto l’olanda non ha mai vinto niente, tuttavia, quella degli anni 70 ( specie quella mondiali germania 1974) è passata in ogni caso alla storia ed è ancora ricordato il suo calcio come il migliore del periodo ,nonchè innovativo di un certo modo di intendere il gioco che molti club hanno preso poi a modello .

  12. Luigi Ricciardi 22 Maggio 2017, 16:42

    Vabbuo’ tra qualche minuto esce l’ articolo di Raniero Virgilio che fara’ a pezzi Guardiola… 🙂
    Seriamente: Guardiola e Sarri sono praticamente la stessa persona tatticamente parlando, difficile aspettarsi un commento diverso.
    Parlando piu’ in generale della percezione del Napoli all’ estero: qui in Olanda, dove vivo, e’ molto seguito, forze anche per l’ attitudine “olandese” del calcio di Sarri.
    Un mio amico catalano, tifosissimo del Barcellona, mi ha chiesto gia’ dopo Napoli-Lazio dello scorso anno da dove arrivasse il nostro allenatore. Sono piccole soddisfazioni, in fondo. Ma neanche piccolossime, via.
    SFN.

    • Lo stesso avviene in Germania. Sono tutti incuriositi dal Napoli.
      Se veramente si riuscisse a vincere qualcosa di importante l’anno prossimo e con QUESTO gioco, il brand Napoli diverrebbe veramente riconoscibile a livello internazionale e forse qualche milione di cinesi inizierebbe a gridare FOZZA NAPOLI invece di FOFFA INDA….

      DeLa ne sarebbe contento….

      • Qui a Roma invece dicono che il Napoli è pompatissimo e sopravvalutato ma che in realtà la Roma di Spalletti gioca molto meglio, è più divertente e allo stesso tempo più efficace e messa meglio in difesa…

        …aiutatemi voi.

        • Gino Di Costanzo Pitture 22 Maggio 2017, 17:31

          Ci vuole una particolare forma di ottusa faziosità (ottusità faziosa va anche bene), per affermare cose del genere da parte di fan della Roma… Squadra aiutata oltre l’inverosimile quest’anno, nemmeno il terzo posto avrebbe meritato per quanto mi riguarda, altro che Champions diretta! nel girone di ritorno sono stati annichiliti dal Napoli, questo è quanto.

          • Se glielo fai presente (il fatto degli aiutini) negano oltre ogni concepibile decenza e poi ricominciano con la filastrocca che a rubare è la juve.
            Guardate che sono lievemente più tollerabili degli juventini solo perché non vincono eh, se no te li raccomando…

          • Mah, è una bella lotta. Anche io vivo a Roma, sinceramente ho iniziato a svalutare parecchio il tifoso romanista, e non solo per il negazionismo sui favori arbitrali, ma soprattutto per il negazionismo su tutta la vicenda che ha poi implicato anche l’omicidio di Ciro Esposito

        • Pensa che Roma è l’unica capitale del calcio che conta (Tranne Berlino che ha avuto una Storia molto problematica) che vince pochissimi scudetti rispetto alla loro storia . Un motivo ci sarà.

          • Roberto Liberale 22 Maggio 2017, 18:50

            Beh, direi che il fatto che Londra abbia 14 squadre professionistiche le da un piccolo vantaggio nel vincere scudetti.
            In Francia il Psg non è che vinca da molto, e ci sono voluti tanti milioncini di euro per arrivarci. Eppure non vince sempre.
            La localizzazione geografica degli scudetti non è il punto, la tradizione e la storia non dipendono dagli importanza geopolitica nella piazza.

          • Beh a Roma si lamentano che Andreotti non abbia mai voluto interessarsi di calcio …..
            Londra alla fine non ha vinto quanto Manchester e Liverpool (ma ha vinto) il Psg è nato negli anni 70 e solo ultimamente è una piazza (vincente) . Madrid Lisbona Mosca Bucarest Atene Istanbul e Amsterdam …..

          • Jean Paul Sartre 23 Maggio 2017, 10:45

            Glieli ha rubbbati ‘a Juve.

        • sono ridicoli… io li perculo alla grande

        • Onestamente, se uno pensa ai primi 75 minuti della partita di Roma non vedo come possano anche parlare…
          Peraltro, se riescono anche a negare che quest’anno sono stati portati in Champions mediante costanti calci nel fondoschiena, allora che ci discuti a fare?

          Comunque, ormai Pallota ha ottenuto quello che voleva (lo stadio si fará, e sará suo, non della Roma..), non ce lo vedo a investire seriamente sul mercato.

          Magari sbaglio, ma l’anno prossimo avremo una concorrente in meno.

        • Porta pazienza. Come si dice, hanno fatto i “galli sulla munn..za” nella gara al San Paolo perché c’hanno incontrati nel periodo nero. Al ritorno non c’hanno capito nulla (e pretendevano pure di pareggiarla con 10 minuti giocati) e hanno iniziato a capire. Dal prossimo anno inizieranno a perdere la loro innata spavalderia/arroganza tipica romanesca (sai che ne so qualcosa). Solo allora si renderanno conto della differenza. Mettici pure che giocando la Champion non potranno più contare nemmeno sul piccolo vantaggio avuto quest’anno e, dulcis in fundo, con la VAR la vedo dura avere tutti quei rigori a favore.

          • Boh non so quanto gli toglierà la champions, alla fine una coppa europea l’hanno portata avanti pure quest’anno. Di certo c’è che Spalletti se ne andrà e quindi potenzialmente potrebbero dover riorganizzare tutto da capo. E noi no. E finalmente magari potrò fare l’arrogante pure io 😛

          • Fabio Milone 23 Maggio 2017, 8:11

            IL var, IL, IL, IL…. var – scusami, squalo, non ce l’ho con te (infatti ho scelto proprio te che reputo un utente di prim’ordine) ma vorrei che ci abituassimo alla corretta dizione degli acronimi, non cadendo dietro agli strafalcioni dei media.
            Video Assistant Referee (=VAR) si traduce in Assistente Video all’Arbitro.
            Quindi l’articolo “IL” e’ di rigore, sia che si parli del mezzo tecnico (neutro) sia che dell’arbitro adibito alla visione.

          • Don’t warry. Video Assistant Referee is what we need to reduce some misunderstandings.

        • Fabio Milone 23 Maggio 2017, 8:05

          Va buo’ si sa che i romani in genere sono sboroni e non c’e’ nisuno mejo de loro.
          Consolati del fatto che Nosferatu trasmigra da quel vespaio che e’ il calcio capitolino (ambiente peggiore di quello Napoletano ed e’ tutto dire) e sotto con un altro, magari beccano un altro Garciá…

          • Spero che becchino qualcosa di peggio perché francamente Garcia qualcosa di buono l’ha anche fatto, è che alla lunga è crollato per colpa – appunto – dell’ambiente. Io vorrei che bucassero proprio la stagione e finissero sesti o settimi, hanno veramente rotto.

        • Sono due squadre che si equivalgono, una meno organizzata ma più cinica, l’altra gioca alla grande palla tra i piedi ma capitalizza meno specialmente se non ha la palla tra i piedi.

          • Sì ma questo è un altro paio di maniche: che siano pressoché alla pari lo dicono i numeri, loro rivendicano anche un gioco bello quanto e più di quello del Napoli, e su questo francamente a me viene da ridere di cuore.

          • Se è per questo rivendicano anche la pizza scrocchiarella buona quanto e piu di quella napoletana

          • Vabeh finché si parla di calcio si parla di un gioco e ci si può anche confrontare. La pizza è una cosa seria per cui non meritano neanche risposta

      • Ma infatti fa ridere sentire “ADL non vuole vincere”.
        Il primo a gudagnare sarebbe lui ahahahha

    • ed allora una tiratina d’orecchi a raniero virgilio è d’obbligo.
      DDD

  13. E il bello é che ha cosí ragione che noi napoletani in questi giorni ce ne andiamo in giro con un bel sorriso stampato sul viso, nonostante sia finora accaduto il peggio possibile… Juve vincitrice con Higuain determinante (scherzo, ma non troppo).

    La veritá é che stiamo godendo cosí tanto per il gioco e il modo in cui i ragazzi divertono e si divertono che veramente la vittoria, almeno per il momento, passa in secondo piano.

    Forse é perché sappiamo che continuando su questa strada ci arriveremo, forse perché per noi é importante anche il modo in cui ci si arriva… non so, so soltanto che difficilmente si puó trovare un tifoso soddisfatto come quello napoletano nonostante un oggettivo passo indietro nella classifica finale.

    Io vivo all’estero, due anni fa chi seguiva il calcio sapeva qualcosa del Napoli solo per Maradona e per Benitez, ora tutti ne parlano o ne hanno sentito parlare per il gioco. E ora lo sará ancora di piú grazie a Pep.

    Lo scudetto della Rube? non se lo fila nessuno….

    • Montalcino, ma in Italia qualcuno parla dell’ennesimo, noioso scudetto del Bayern? Se non ci fosse un allenatore italiano…

      Comunque è incredibile, vincete e rosicate.. ma uscire e toccare le femmine, no???

      • Deve essere che i siti juventini sono noiosi e grigi come la tifoseria che si ritrovano. Se no sta cosa che gli juventini stanno tutti sul napolista non si spiega….

        • E non capiscono neanche le citazioni di un sempiterno come Troisi… ma che ne parlamm affà’…

          • Già è tanto che non ti accusano di sessismo (visto che improvvisamente sembrano essere molto attenti alle questioni di genere e che il rispetto della diversità degli orientamenti sessuali sembra essere centrale nella loro mission di tifosi. Tutti a solidarizzare col mondo LGBT contro quell’omofobo violento di Sarri. Che per la cronaca ha chiarito diverse volte che il suo intento era di dare a Mancini del “fighetto”).

          • Jean Paul Sartre 23 Maggio 2017, 10:47

            Zitto frocio! (nel senso di fighetto, ovviamente).

      • a parte che, a quanto noto, da Sarri in giù, lì a Napoli sapete parlare solo con toni poco educati, cmq…

        io parlavo di Coppe Europee, Champions League, robetta al confronto del “miglior gioco del modo”, eh..?

Comments are closed.