Al Madrid bastano cinque minuti. Il Napoli sia orgoglioso di sé

Napoli-Real Madrid 1-3. Primo tempo da raccontare ai nipotini, gol di Mertens. Poi Ramos segna due gol di testa in cinque minuti. Grande pubblico, applausi finali.

Al Madrid bastano cinque minuti. Il Napoli sia orgoglioso di sé
L'esultanza di Sergio Ramos al San Paolo

L’abusata figura retorica

Cinque minuti contro quarantacinque. Al Madrid ne bastano cinque per archiviare la partita. Dal 52esimo al 57 esimo. Due calci d’angolo. Uno da sinistra e uno da destra. Due colpi di testa. Entrambi di Sergio Ramos. Due gol. Il Real ribalta la partita, archivia la pratica e consegna alla storia del Napoli un primo tempo da raccontare ai nipotini. Nel finale, il 3-1 di Morata. Il Napoli, perdonateci per l’abusata figura retorica, esce dalla Champions a testa altissima. Ha dimostrato di essere un’ottima squadra, di avere un allenatore coraggioso e di aver avuto l’ardire di provarci e anche di mettere i castigliani alle corde.

L’abbiamo persa al sorteggio

È inutile adesso stare a discutere su dove il Napoli abbia perso la sfida. All’andata, al ritorno, sui calci d’angolo. L’ha persa nel momento del sorteggio. Ma ha onorato la sfida e ha dimostrato di non sfigurare tra le sedici d’Europa. Questa squadra stasera merita uno scrosciante applauso. Come lo merita il pubblico che è stato da brividi nel primo tempo e ha applaudito la squadra al 92esimo. Unico neo lo striscione per il ritorno di Ferlaino subito dopo il raddoppio di Mertens. Arhiviamolo alla voce “peccato veniale”.

Se qualcuno vuole discutere dei due gol presi su corner, si accomodi pure. Noi non ce la sentiamo di partecipare. Parliamo di un calciatore che quest’anno ha segnato dieci gol e che in questo modo ha deciso una finale di Champions all’ultimo minuto.

Sarri la partita l’ha preparata benissimo. Allan vince i trials di centrocampo con Rog e Zielinski. E si capisce perché. Il tecnico vuole un pressing altissimo forsennato.

Inizio da brividi

L’inizio è da brividi. Le curve partono con Un giorno all’improvviso scandito dal San Paolo. Il primo tiro in porta arriva dopo 49 secondo. Manco a farlo apposta è di Dries Mertens che comincia a prendere la mira. Viene deviato in calcio d’angolo. Al terzo minuto, Hamsik arriva proprio di un pelo in ritardo su cross basso di Ghoulam. Il Real non riesce a uscire dalla metà campo. Gli spettatori non riescono a respirare. Ci prova addirittura Ghoulam da calcio d’angolo e per poco non ci riesce.

Sembra di rivedere Real Madrid-Milan del 1989. Sarri sottrae metà campo alla partita e tiene la linea difensiva altissima, praticamente in prossimità del centrocampo. Un’ode al coraggio. Benzema e Cristiano Ronaldo devono stare in spazi angusti.

Dopo dieci minuti, il Napoli tira il fiato. Sbaglia anche qualche appoggio ma il Madrid non ne approfitta. Allan pressa a tutto campo, Hamsik sembra in palla, Diawara come al solito si comporta da veterano. Al 14esimo Insigne prova il bis dell’andata. Stavolta Keylor Navas non è distratto e riesce a deviare in angolo.

Il gol euclideo

Il Real lentamente comincia a mettere la testa nella metà campo del Napoli che ne approfitta per rifiatare. E poi, forse nel momento di maggior quiete della partita, colpisce. Azione da biliardo, tipica del Napoli di Sarri. Euclidea. Tutta di prima. Con Koulibaly che riceva da destra e riparte a sinistra. Insigne per Hamsik che vede Mertens nel corridoio mancino (mentre Callejon si allara a destra e si porta un difensore) e Dries di sinistro in diagonale (perdonateci: alla Vialli).

Il Real si guarda in faccia e non sa che fare. Ovviamente i blancos non sono mai morti. Benzema serve centrale Cristiano Ronaldo che supera Reina e a porta vuota calcia sul palo. Il fantasma di Butragueno si ritira in buon ordine. Sembra un segno del destino ma due minuti dopo la palla buona capita sul destro di Mertens che stavolta in diagonale scheggia il palo. Hamsik va in contropiede ma arriva al tiro con la falcata troppo lunga.

Il primo tempo si chiude qui. Il Real ha subito undici tiri, non ne subiva tanti dalla sfida con la Juventus.

La ripresa è un’altra storia

La ripresa è un’altra storia. Benzema mette subito paura (47esimo) al Napoli con un destro che finisce sull’esterno della rete. Poi il patatrac. Hamsik perde palla, il Real riparte, cross sul secondo palo e Hysaj anticipa Cristiano Ronaldo in angolo. Tiro dalla bandierina e Sergio Ramos segna. Cinque minuti dopo, altro angolo. Da sinistra. Calcia Kroos e Ramos fa il 2-1.

La partita si chiude qui. Nel finale, terzo gol di Morata. Il Napoli è fuori dalla Champions. Il giudizio finale non può che essere ampiamente positivo. E non perché il Napoli ha fatto tremare il Madrid dei marziani. Perché il Napoli ha disputato questa Champions da grande squadra. Ha vinto il proprio girone, davanti al Benfica. E no ha sfigurato col Real. Come detto, Napoli e il Napoli devono imparare a volersi più bene. A non essere autolesionisti, da De Laurentiis in giù.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. La partita del Napoli è stata perfetta nel primo tempo. Grinta e determinazioni giuste. Il nostro problema è sempre la fragilità difensiva. Su palla inattiva diamo sempre la sensazione di poter prendere gol da un momento all’altro. Ora, non voglio certo mettermi contro un grande allenatore qual’è Maurizio Sarri. E non voglio entrare neanche nella discussione di marcare a uomo o a zona sui calci d’angolo (secondo me tenere d’occhio quelli che sappiamo essere forti di testa non sarebbe male). Dicono che si allenano molto e che la difesa si migliora con gli allenamenti. Ma mi spiegate come è possibile che S.Ramos prende la rincorsa dal dischetto “indisturbato” mentre i nostri sono lì in fila sulla linea dell’area del portiere, tutti a guardare solo la traiettoria della palla?? In area l’avversario si marca da subito, si segue, gli si impedisce (senza ovviamente fare fallo) di prendere una bella rincorsa di tre metri e di fare un imperioso stacco in avanti. Secondo me ci sono gravi errori di applicazione oltre a limiti individuali.
    Per il resto grande partita e la conferma che a certi livelli la sola organizzazione non è sufficiente. Ci vogliono i top player, quelli che spostano gli equilibri.
    Forza Napoli sempre

  2. Enrico Pessina 8 marzo 2017, 0:08

    Come gioco siamo stati all’altezza e forse anche qualcosa in più. Il Real ha vinto solo grazie ai campioni che noi non abbiamo.

    • Aureliovattene 8 marzo 2017, 0:09

      In pratica vince come fa la Juve in campionato, noi col gioco e loro con i campioni

  3. Ma veramente bisogna essere orgogliosi di se stessi?Mah non lo so.D’accordo il RM e’ forte e tutto il resto, ma secondo me ci si poteva aspettare qualcosa in più perché questo sinceramente questo è un RM molto dimesso.I loro attaccanti zero praticamente ma siamo
    riusciti a fagli fare 2 gol su tiri da fermo su palle perse in ripartenza .Quindi..

    • dino ricciardi 8 marzo 2017, 0:11

      quindi prendiamo atto che non abbiamo saltatori.
      Zona,uomo,misto o quello che volete contro certa gente si paga dazio,cè poco da fare.

  4. dino ricciardi 8 marzo 2017, 0:02

    per 50minuti non hanno visto palla,hanno ballato la samba.
    Ripartiamo da qui ,questa partita ci da tanta autostima e lo vedremo in futuro,ne sono piu che convinto.
    grande il pubblico ,migliore in campo.

  5. Va beh, abbiamo fatto un ottimo primo tempo. Nel secondo ci hanno preso a pallate e hanno fatto il torello.
    Sono più forti, punto.

    • Credo che ognuno dovrebbe occuparsi della disciplina in cui si è specializzato.

  6. Aureliovattene 7 marzo 2017, 23:43

    P.Rossi:
    “La differenza la fanno i campioni.
    Ma che stiamo a discutere se Ramos lo marchiamo a uomo o a zona?”
    Capito?

  7. Rispetto a trent’anni fa l’andamento è stato più o meno lo stesso. L’unica differenza è aver chiuso in vantaggio il primo tempo.
    Complimenti ai ragazzi. Ho un solo appunto. Stasera abbiamo giocato in 10. Non so voi, ma Callejon l’avrei tenuto in panchina perché è troppo legato al Real. Non fraintendetemi. Non ce l’ho ne con Sarri, ne col ragazzo. Temo solo che, come ho detto, sentisse troppo il coinvolgimento emotivo. Poi magari chi se ne intende mi dirà che tatticamente ha fatto un partitone, ma io ho avuto la sensazione che ho accennato prima, già dopo 10 minuti di gara.

    • Io avevo auspicato Calle in panchina. Ahimè, avevo ragione…
      secondo me è soprattutto la condizione fisica, le ha giocate tutte. Chissà se almeno col Crotone vedremo Giaccherini

  8. Aureliovattene 7 marzo 2017, 23:26

    Insomma facciamo un piccolo riassunto di questa stagione:
    addio scudetto e addio champion’s.
    Rispetto a 5anni fa è cambiato qualche cosa?
    Infatti all’epoca per essere usciti col Chelsea ce la prendemmo con Mazzarri, oggi con Sarri.

    • Non ce la prendiamo con nessuno e con nessuno c’e da prendersela.. la squadra è la piu forte di sempre e anche l’allenatore! Si ricomincia da qui e la stagione puó darci ancora qualche (grossa) gioia

      • Aureliovattene 8 marzo 2017, 0:00

        Grossa gioia? Quale??
        Sono del parete che al Napoli per fare il definitivo salto gli mancano ancora quei 2-3 campioni, magari 1 per reparto.
        Insomma i soliti..
        Allora se le cose stanno così me la prendo con lui, il solito pagliaccio

    • È cambiato che in quel campionato il napoli fece 57 punti (quanti ne ha ora con 11 da giocarne), perché semplicemente non era una squadra con l’esperienza e la rosa adatta per affrontare tali impegni. La differenza non mi pare trascurabile

      • Aureliovattene 8 marzo 2017, 7:16

        Perché tu credevi di piazzarti con gli stessi 11 di Mazzarri?
        Il Napoli in ottica piazzamento si è dovuto per forza elevare perché le altre hanno sono cresciute.
        Peccato che lo fa solo per quello, come sempre

        • questo si chiama “processo alle intenzioni”. La squadra sta crescendo, poi che AdL ti sta antipatico va bene, ma non cambia la sostanza delle cose: soprattutto per il livello a cui si è arrivati è già tanto che, sia pure lentamente, si cresca…non è una cosa che si può dare per scontata. Anche investendo di più (potendo permetterselo) non è affatto detto. Credo che dovremmo sì essere appassionati nel tifo a sostegno della nostra squadra, ma anche più prudenti nel denigrare quelli che lavorano per la squadra, dal presidente all’allenatore ai giocatori…per il bene del Napoli

          • Aureliovattene 9 marzo 2017, 7:22

            Siamo cresciuti?
            Da quello che vedo in termini di risultati no. Con Mazzarri ottenemmo gli stessi risultati.

          • Se vabbuo’, non c’è peggior sordo…siamo d’accordo che ora c’è la rosa adatta ad affrontare Champions e campionato e allora no? Che questo potrebbe consentirci di qualificarci due o più anni di fila alla Champions? Che questo già sarebbe un risultato mai raggiunto? Che tu poi dici che questa crescita c’è stata perché adl vuole solo piazzarsi e non vuole vincere, è una opinione, rispettabile ma a mio avviso infondata e basata su un “processo alle intenzioni”. Comunque sempre e solo Forza Napoli

          • Aureliovattene 9 marzo 2017, 18:11

            Piazzamenti e piazzamenti.
            Nel calcio conta vincere.
            Piazzarsi serve solo al pappone $$$

          • Oh un disco rotto ti fa un baffo! Comunque mi arrendo, hai ragione tu: PAPPO’ CACCIA E SORD’!!! ?

          • Aureliovattene 10 marzo 2017, 15:57

            Ma quale disco rotto? Ormai è assodato che con lui più di un 2 posTo non si va.

  9. Sarri è questo, nel bene e nel male, prendere o lasciare. Qualcuno vorrebbe che smettesse di essere se stesso non appena siamo 1 a 0, ma lui non lo farà mai. Persegue il perfezionamento della sua idea non la correzione della stessa. Probabilmente con un allenatore come Simeone saremmo immediatamente più vincenti, ma poi gioiremmo per vittorie in partite in cui ci saremmo fondamentalmente annoiati. Naturalmente non ho nulla contro chi la pensa diversamente, de gustibus….

    • Curioso che citi l’allenatore che ha perso una Champions per colpa di Ramos.

      • È vero, e ha perso anche lo scorso anno. Ma è uno che ha vinto una liga contro Barcellona e Real avendo una differenza tecnica paragonabile alla nostra. Ciò premesso preferisco completare il percorso intrapreso con Sarri

  10. Una partita surreale che è l’esegesi di questa stagione, perchè ahimè questi goal non ce li segna solo Sergio Ramos e il Real Madrid, ma anche un’Atalanta qualsiasi. Mi sembrava di essere alla Playstation a guardare impotente i due calci d’angolo regalati ed i prevedibilissimi cabezazos in rete. Peccato, perchè la squadra è apparsa decisamente più matura dell’andata nel tenere alto il baricentro e dettare i ritmi, ed al netto delle amnesie a difesa schierata ce la giochiamo davvero con tutti. Ma quest’anno è così.

  11. Partita che e lo specchio di questa squadra.
    Una squadra a tratti bella ma fragile che si specchia nel suo gioco fatto di troppi fraseggi molto spesso fini a se stessi e che in molte frangenti limitano lo sviluppo dell azione.
    Una fase difensiva da rivedere sopratutto nelle situazioni di gioco da fermo.

    • “Da rivedere”? Sei buono stasera! 🙂

      • Ma va

        • Meno male che sacchi, un altro che notoriamente non capisce tanto di calcio, ha detto che il Napoli aveva iniziato il secondo tempo meglio del primo. Ma rilassatevi, nello sport uno solo vince, quindi perdere fa parte del gioco, soprattutto se giochi contro avversari più forti e moolto più titolati di te. Pensare che c’è sempre qualche accorgimento che ti avrebbe portato alla vittoria è puerile

          • Praticamente il primo,gol gliela abbiamo,regalato noia ???perdendo una palla gelosissima a centrocampo e questi sono errori che facciamo non solo,contro il real

          • sono d’accordo…e allora? pensi che possa esistere qualche accorgimento tattico che evita gli errori tecnici tipo sbagliare un controllo o un passaggio? o l’accorgimento era che invece di fraseggiare dovevano sparacchiare palla avanti? e allora perchè non avrebbero dovuto farlo anche nel primo tempo? Per questo il Real è molto forte, perchè bastano piccole sbavature per essere castigati. Lo sapevamo che per qualificarci serviva la partita perfetta, ma la partita perfetta sarebbe stata straordinaria, mentre è normale concedere piccole sbavature. Siamo forti ma non siamo ancora a livello di Real, Barcellona, Bayer, anche se ce la possiamo giocare, ma sapendo che siamo stra-sfavoriti e lo siamo perchè facciamo più errori tecnici,il che significa concedere più opportunità all’avversario e sfruttare peggio le opportunità che ti lasciano gli altri

  12. RossoVeneziano 7 marzo 2017, 23:09

    ADL su Premium si è appena vantato di come hanno mangiato bene a Napoli i suoi ospiti internazionali. Poi a chiusura di un lungo monologo sulla “cazzimma” ha usato il termine “realisticità”. Testuale. Ora sta insultando “i giornalisti del Nord”. Fenomeno.

  13. Aureliovattene 7 marzo 2017, 23:09

    Adesso Dela se la prende con l”odio del nord.
    Ma perché deve sempre fare queste figuracce??

    • Lo ha fatto perché è un ruffiano.Solo per fare pace con i tifosi dopo le cretinate dell’andata

  14. siamo d’accordo che questa estate bisognerà mettere mano alla difesa ??????
    forza napoli.
    p.s. : con i se e con i ma non si va da nessuna parte ma sul quel maledetto palo si sono spente le nostre speranze.

    • Difesa? PErche? Palle sanguinose perse a centrocampo a regalare angoli e goal su angolo dove marcano difensori attaccanti e centrocampisti e oggi dai la colpa alla difesa? Ma di che?

      • vabbè allora tutto a posto. ci segnano cani e porci ma non te ne accorgi. vabbuò buona notte stellina.

        • Aureliovattene 7 marzo 2017, 23:13

          Il calcio è fatto anche di individualità.
          Sarri finché la squadra ha retto ci ha fatto godere

      • Caro amico, le palle perse a centrocampo sono una cosa, le cappellate sistematiche della difesa su palla ferma un’altra.
        Per quanto vedo io, Reina, a parte qualche prodezza episodica, prodezze che per molti portieri sono la norma, ha fatto molti errori nella passata stagione e in quella in corso ed è molto carente nelle uscite. Hyusaj rende troppi centimetri agli avversari alti, quindi sulle palle alte è battuto in partenza, e quest’anno si fa saltare anche con grande facilità. Albiol è l’unico che sa saltare ma spesso manca della necessaria cattiveria quando si tratta di prendere posizione. koulibaly, bravo con la palla a terra, salta sistematicamente fuori tempo, di solito in anticipo. Goulam ha tecnica e gamba ma spesso si fa trovare fuori posizione. Inoltre non abbiamo né un centrocampista né un attaccante che all’occorrenza siano capaci di dare una mano sui calci piazzati.
        Insomma, non mi pare che abbiamo una difesa impenetrabile.

    • La difesa è ok.. a parte i terzini!!!

  15. Grandissimo primo tempo. E lo so che secondo Gallo non si dovrebbe fare, ma io lo faccio lo stesso: due gol presi su calcio d’angolo. Ma si può? Da un mese si dice che Sergio Ramos può segnare di testa. Contromisure? Zero. Si va bene, lo so, abbiamo perso col Real Madrid, e ci può stare. Ma in questo modo, consentitemi, ti fa rabbia. Molta rabbia.

    • Sai cosa fa rabbia?! Che se mi fanno due goal belli allora giu il cappello ma se segnano per due palle perse da hamsik e ghoulam son regali e nn ne hanno bisogno

      • E lo so Franco… ma ke kakkio, sui calci d’angolo si difende così? Ma è proprio l’ABC del calcio.

        • Sergio Travi 7 marzo 2017, 23:50

          Ma le interviste di Sarri le ascoltate? Le leggete? Spiega sempre tutto per filo e per segno. Anche stasera lo ha fatto. Basterebbe prestargli attenzione.

          • Musica Pertutti 8 marzo 2017, 0:04

            Se c’era una cazzimma da mettere sul piatto questa sicuramente riguardava le dovute trattenute da effettuare in mezzo all’aria sfruttando amche il fattore campo. Questo Sarri l’ha lasciato intendere. A conti fatti anche le mancate trattenuta fanno parte del ruolo di bellissima che ci portiamo dietro. Mi sento di dire che hanno giocato come la Juve, con il cinismo della spocchiosa. Certo i madridisti nello spogliatoio troveranno tra le mutande tracce della loro prestazione….

          • giancarlo percuoco 8 marzo 2017, 9:34

            Qualcosa di diverso si poteva tentare e male che andava ci segnava lo stesso.

        • Lo so

      • Si ma l’angolo poteva capitare anche senza errori. È come le punizioni di maradona non puoi fare niente.

        • Devi pero evitare i falli al massimo, il napoli perde sempre palloni sanguinosi

          • Ho capito ma c’erano stati calci d’angolo nel primo tempo senza alcun errore nostro, nella partita purtroppo ci sono. Forse i nostri han fatto un primo tempo al 110% e il secondo tempo sono calati, altrimenti sergio ramos per quanto forte avrebbe avuto qualche difficoltà in più a impattare. Ho visto un albiol fermo ad aspettare la palla. Cosa che non puoi fare se difendi a zona come fa il Napoli. Purtroppo se uno vuole passare col Madrid la grande partita la devi fare anche lì non puoi sperare nella partita in casa, ma mi sa che noi ancora non ci siamo a tal livello. Puoi essere pure più scarso del madrid, ma devi avere l’esperienza e le doti necessarie di sapertela giocare al Bernabeu senza che ti tremino le gambe.

          • la qualificazione é stata persa all andata se fosse finita 2 a 1 o 3 a 2 si avrebbe avuto chanche e invece il napoli dell andata é stato timoroso ma siamo la cenerentola contro la squadra record di coppe.. e va bene cosi

          • esatto. Il Napoli deve giocarne per 10 anni ste sfide, poi se ne parla.

      • Lo so, ma Hamsik va solo ringraziato… Ghoulam mi auguro venga il Bayern e se lo porti

  16. Signori giubil cappello di fronte a questi ragazzi che in campo hanno dato tutto e se andiamo a vedere sono stati condannati dal goal del 2-3 di mertens non fatto all andata e dal solito innegabile difetto PALLE SANGUINOSE PERSE per dare la palla al regista spalle alla porta o per non buttarla su; l ha persa hamsik quella decisiva e gli capita spesso ma AMICI TIFOSI ACCETTIAMO l avversario è piu forte e forse è il piu forte d europa io non mi sono arrabbiato e ho applaudito mi arrabbio contro l atalanta ma non oggi oggi è tutto normale anzi se entra il palo di mertens … amici rixarichiamo le pile che c è l obiettivo SECONDO POSTO FORZA NAPOLI OGGI PIU CHE MAI PS contro la juve si rimonta

    • Antonio Baiano 7 marzo 2017, 23:32

      Bravo, concordo su tutto. Vedo qui gente che approfitta anche di una partita come questa per attaccare presidente, allenatore e squadra. Nauseante.

    • ?.

    • Il secondo posto diventa decisivo… se arriviamo secondi il Presidente ci compra due terzini e siamo a posto. Se arriviamo terzi non arriva nessuno..

  17. Aureliovattene 7 marzo 2017, 23:03

    Non c’è niente da fare, fin dai tempi di Mazzarri, più in là degli ottavi di Champion’s e un 2 posto in campionato non si va.
    E lasciate in pace Sarri per cortesia che nonostante tutto a tratti ci regala un calcio di livello mondiale. Nel primo tempo è stato spettacolo.
    Ahimè purtroppo il calcio non è fatto solo di gioco di squadra, me anche di individualità, di campioni… quelli che ci mancano per fare il definitivo salto.

  18. giuseppe scazziota 7 marzo 2017, 23:01

    A chi saluta Sarri dico ditemi uno migliore di lui che verrebbe a Napoli ( evitiamo quindi Mou, Ancelotti etc…

    • giancarlo percuoco 8 marzo 2017, 9:30

      È quello che chiedo anche io. Mi piacerebbe sapere quale potrebbe essere l’alternativa fattibile. Qualcuno dice DiFrancesco, che a mio parere rappresenterebbe un passo indietro.

  19. Orgoglio Partenopeo 7 marzo 2017, 23:01

    Ne dobbiamo mangiare di sapone ! Certe partite le puoi perdere nel risultato ma sul campo bisogna combattere fino alla fine e stasera non si sono visti gli attributi, dopo l’ 1-2 è sembrato un allenamento e sono riusciti pure a far segnare quel vespasiano di Morata…almeno Britos o pigliav’ a capat !
    Due gol su angolo di Ramos (forse Sarri non li aveva avvisati di stare attenti in quelle circostanze con lo spagnolo in agguato ? Vero cari Napolisti !) Questi ragazzi non ci stanno con la testa certe volte, deconcentrati e abulici.
    SARRIUNODINOI
    FORZANAPOLISEMPRE

    • Ragazzi? Albiol ha saltato, è che proprio non ce l’ha fatta… Albiol è il più vecchio di tutti..

  20. in pratica 3 pappine all’andata e 3 al ritorno, peccato perché il 1° tempo avevamo giocato alla grande
    Che dire?? purtroppo a 58 anni la voglia d’imparare, cambiare, adattarsi, rischiare mettersi in gioco, è assolutamente nulla. Sai che fisicamente quelle sono delle bestie, almeno prova a inventare qualcosa di diverso, callejon contro grandi squadre te lo fai fritto o al massimo all’acquapazza, a quel punto cambia tutto, metti un paio di colpitori di testa forti in +, tutti sanno che ramos è forti di testa tutti, e tu gli fai fare addirittura una doppietta? gioca a 3 dietro, e con due punte, maksimovic albiol koulibaly, e mertens milik davanti (che come 2a punta ha giocato spesso e volentieri), sui calci d’angolo chiedi a milik di andare su ramos, su rog in campo non ero d’accordo, aveva giocato a roma dove aveva dimostrato che non ha i 90 minuti nelle gambe (per colpa di chi lo ha lasciato 6 mesi a fare la muffa in panca) figurati 180 minuti in 4 giorni, hamsik dopo 30 minuti non ce la faceva +, e zielinski in queste partite è UNFIT.
    D’accordo, tutto è criticabile del mio pensiero, e anch’io potrei trovare mille se e mille, ma, tipo non abbiamo mai giocato a 3 dietro, e con 2 punte, ma spalletti, allegri, montella, sousa, questi cambi di modulo li fanno spesso, noi maiiiiii, il giochino del passaggio da insigne a callejon lo puoi fare con il crotone, se pensi che gli avversari non studiano le tue partite sei davvero paleolitico, se pensi che asfissiando l’avversario per 30-40 minuti poi non crolli nel secondo tempo sei davvero uno stupido, le partite durano 90 minuti puoi giocare i primi 10-15 minuti a quei ritmi, poi devi inventare qualcosa altro, non puoi fare sempre la stessa ammuina. Sarri grazie e adios

    • Tutto giusto ma lo potrai fare quando quei giocatori che vorresti mettere li vai a comprare. A chi mettevamo di fisicato Pavoletti?

      • ammetto che il ragionamento è pura fantasia, visto che non abbiamo mai cambiato modulo, ma con 3 centrali , albiol, koulibaly, maksimovic, e l’aiuto di milik sui loro calci d’angola avremmo avuto 4 colpitori di testa + reina e hamsick di rinforzo, non credo che ramos faceva una doppietta

        • Posa la damigiana

          • continui a vedere zidane al centro dell’attacco tra ronaldo e bale e dietro benzema? dai su a nanna, rimbocca le coperte a sarri

          • Comunque se non ci foste, bisognerebbe inventarvi.

          • meno male che ci siete voi sempre e maggioranza, che portate in cielo qualsiasi cosa, poi quando si fa cap e muro pronti a trovare qualsiasi scusa, , continuiamo con sarri uno di noi e colpa della società,

          • Ti ho già risposto in un altro post che per me va bene Sarri e anche ADL (quando non sbraca con l’incontinenza verbale però).

          • L’attacco concentrico a Desarribus mi sembra eccessivo e ingiusto.
            Che non riusciamo a mantenere quel ritmo per 90′, che Sarri non sappia cambiare la partita, che giochi sempre con lo stesso modulo senza tenere conto della caratteristiche dell’avversario, che prenda cappellate sulla formazione dell’organico (via Gabbiadini e dentro i bradipi Maksimovic e Pavoletti), che si ostini a mandare in campo giocatori spremuti come limoni (Callejon), che continui a preferire il frastornato Hyusaj attuale al più fresco e prestante Maggio, ecc ecc, non sono considerazioni condivisibili?
            Con questo ovviamente non si vuole dire (almeno non lo voglio dire io) che Sarri sia una schiappa, metterne però in evidenza dei limiti non mi sembra un reato di lesa maestà.

        • Campione del senno del poi…

          • sono 7 mesi che dico che senza turn over e senza cambi moduli questa è la fine che fai nelle partite importanti,

          • Enrico Pessina 7 marzo 2017, 23:38

            Delirium tremens?

          • semplice storia, evidenza, i fatti, o numeri, le opinioni sono opinioni condivisibili o meno, po ci sono le 3 pere di oggi che parlano chiaro, come quelle dell’andata

          • Enrico Pessina 8 marzo 2017, 0:02

            Ok, confermato.

    • Sergio Travi 7 marzo 2017, 23:03

      Immancabile il campione del mondo dei tecnici da tastiera. C’è poco da fare. Gli sciacalli proprio non ce la fanno a nascondersi.

      • levvare ??? almeno sapessi scrivere ma sarebbe troppo.

        • ha parlato ilmigliorini della situazione, il serianni dei napoletani, ma che fai qua vai a commentare sul blog della crusca, se non hai argomenti, come sempre, dedica la tua mente alla grmmatica generativa, non al calcio

      • Enrico Pessina 7 marzo 2017, 23:40

        Sei troppo ridicolo per essere vero.

      • Ho l’impressione che qualcuno di questi leoncini si muova sotto più pseudonimi

        • Enrico Pessina 8 marzo 2017, 8:48

          Esattamente. Questo desarribus è una vecchia (brutta) conoscenza.

    • Ma vergognati zidane allena da due minuti ma di che parli? Sulla panca del real ci si puo mettere pure Galeone che vince

      • zidane? e mo che c’entra zidane? guarda che prima di andare a dormire l’assenzio fa brutti scherzi

    • Enrico Pessina 7 marzo 2017, 23:36

      Mi spiace che tu non sia riuscito a vedere la partita.

    • Un intervento così dopo questa partita?
      Bah…

      • Sergio Travi 7 marzo 2017, 23:54

        Troll. Pseudo-tifosi. Gente che non capisce una mazza di pallone, ma si esibisce alla tastiera per credersi qualcuno. E come sempre escono dal buco nei momenti di difficoltà. Si qualificano da soli.

    • De sarribus, senza neanche grazie, va te cocc’!

Comments are closed.