Football Analytics: Napoli, vittoria meritata e rendimento difensivo migliorato

Il 2-0 al Genoa permette a Reina di migliorare le statistiche della sua difesa. Il risultato è perfettamente coerente con i dati della partita.

Football Analytics: Napoli, vittoria meritata e rendimento difensivo migliorato

Cleansheet

Il Napoli vince contro il Genoa grazie ai gol di Zielinski e Giaccherini, propiziati dall’inventiva di Mertens. La nota lieta è l’inviolabilità della porta azzurra, come non accadeva dalla sfida interna contro l’Inter (una delle migliori in termini di Football Analytics).

Per primi nel panorama giornalistico online, in collaborazione con il blog Calcio Statistica, vi abbiamo proposto una classifica di performance difensiva, che è stata ripresa o emulata da altri siti, in virtù della sua bontà esplicativa. Secondo i nostri calcoli, vi è un miglioramento difensivo da parte del Napoli, come mostrato in figura. Lo scarto tra gol incassati e quelli meritati scende dal -8 di Milano al -6,5 attuale. Reina ritrova una certa solidità difensiva, recuperando circa un punto a settimana. Rispetto le 24 reti subite (rigori esclusi) sussistono 17,5 expected gol cumulati. In generale, la squadra ha incassato un gol di media per gara e 0,73 xg.

Tabella di performance difensiva – Nel Napoli è di 6,5 lo scarto tra i gol subiti (senza rigori) e quelli attesi ricevuti

Il confronto

Il deficit azzurro, come noto, non sta nel concedere molti tiri, ma nel subire troppe reti al netto di poche conclusioni nello specchio. Reina & co. stanno ponendo soluzione a questo grosso limite, che ha invece consentito alla solida Roma (peggiore invece nella performance offensiva) di essere avanti in classifica. Gli azzurri, stanno riuscendo a subire meno reti. O almeno incassare solo quanto meritato.

Un confronto interessante e di buon auspicio è quello tra le prestazioni difensive tra girone di andata e ritorno alla 5 giornata. In tal senso, la squadra di Sarri ha avviato il girone di ritorno meglio del precedente, infatti, se in ambo i casi sono 3,5 gli expected goals subiti, passano da 7 a 5 le reti incassate. A Genoa – Napoli, lo scarto era dunque di -3,5, ora di solo – 1,5 (rigore fallito da Destro incluso).

Nel dettaglio, a Marassi finì 0-0 rispetto un risultato atteso di 0,7 a 0,9, stavolta anziché un giusto pareggio vi sono stati 3 punti meritati.

La gara

Al San Paolo il Napoli vince con merito convertendo 2 degli 8 tiri in porta, per un tasso di successo del 25%. Più in generale, altre 8 conclusioni finiscono fuori dallo specchio, mentre 4 sono bloccate sul nascere, per un totale di 20 tiri ed un tasso generale di conversione del 10%. Seppur quest’ultima percentuale sia lontana dal clamoroso 50% di Bologna, gli azzurri si dimostrano concreti ed efficienti, facendo corrispondere 2 gol al valore xg di 1,8. Allo stesso modo, gli xg del Genoa sono 0,1 coerentemente al risultato finale.

Nel dettaglio, allo 0-0 del primo tempo corrisponde un tabellino xg di 0,35 a 0,03, che muta nella ripresa grazie agli attacchi azzurri, su tutti la rete di Giaccherini a porta vuota, che ha il valore più elevato (0,7). Gli ospiti creano solo 6 conclusioni, di cui 3 in porta, 2 fuori lo specchio e 1 bloccata. Essi hanno difficoltà nel costruire in open play, difatti la metà avviene in situazione da palla inattiva.

Napoli

Mappa dei tiri di Napoli-Genoa. Gli azzurri concludono 3 volte più dei rossoblu meritando il successo per 2-0 anche in ragione della shot quality

Previsioni

Le chance di vincere il campionato paiono ancora ridotte. Difatti, le simulazioni di FiveThirtyEight danno una possibilità di scudetto del Napoli al 6% (la qualificazione in Champions League è all’80), con la Roma all’8% e la Juve al 85%, più un 1% diviso tra le altre 17 compagini di Serie A. Nella nostra classifica alternativa, restano 10 i massimi punti potenziali persi dagli azzurri, 6 i minimi. I gol fatti arrivano a 55 e quelli attesi a 42 (più 2 rigori).

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Ciao Fabio. Scusami se posso risultare un po’ rompipalle ma ho davvero un problema con l’interpretazione che dai alla tua metrica nella Tabella di performance difensiva su Reina.
    Ho letto l’articolo di Alfredo Giacobbe su l’Ultimo uomo e mi piace il fatto che prende il tempo di dire che l’interpretazione può essere molto diversa : varianza, pressione difensiva, posizione dei giocatori, qualità del tiro… Detto ciò, rimango comunque perplesso quando usa la metrica per valutare i portieri come fai tu.

    Paul Riley (che di certo conosci) ha messo su una metrica del genere da anni per valutare le prestazioni dei portieri della Premier League. Puoi ritrovare la classifica da 2010/2011 ad oggi a questo link : https://public.tableau.com/profile/paul.riley#!/vizhome/PremierLeagueKeepers201011-todate/PremierLeagueKeepers-ShotLocationsandSavePositions
    Nei 10 primi posti, ritroviamo solo 3 portieri di grande squadre (De Gea, Cech e Hart), ma una predominanza di portieri minori che hanno giocato per squadre piccole. (tra parentesi, Reina del Liverpool è al tredicesimo posto).

    1. Heaton —> Burnley
    2. Adrian —> West Ham
    3. Mannone —> Sunderland
    5. Schmeichel —> Leicester
    7. Vorm —> Swansea
    8. Ben Foster —> WBA

    L’interpretazione non è diretta ma si può pensare che nelle squadre che subiscono molto, i tiri concessi implicano più spesso una difesa schierata che mette pressione sull’attaccante quando tira. Questo potrebbe anche spiegare in parte Cech (a Chelsea), De Gea (a Manchester ha giocato sotto Moyes e Van Gaal). Mi ricordo anche il caso Mignolet che era al vertice della classifica a Sunderland, mentre era sceso molto passando al Liverpool.

    In conclusione, penso che questa metrica misuri più la pressione difensiva messa in atto dalla squadra sull’attaccante che le prestazioni dei soli portieri. E per ciò che legare la metrica al portiere senza parlare del contesto difensivo della squadra mi sembra riduttivo. Nel caso del Napoli, é difficile distinguere l’impatto degli errori difensivi individuali, in un sistema di difesa molto esigente, dalle prestazioni del portiere; senza parlare della possibile varianza statistica in un campione ridotto.

  2. Ho letto da settembre tutti gli articoli del Napolista su “Football Analitics” e li trovo di una noia incredibile,con l’aggravante di ridurre uno sport di squadra alla mera statistica.
    Lungi dal pensare che la mia opinione sia quella di tutti,vorrei almeno chiedere un piacere a Fabio Fin…..potrebbe,gentilmente,usare la nostra bellissima lingua per le sue spiegazioni,invece di termini come “expected gol”,”open play” e “shot accuracy”? (Per non parlare della parola “slot”,tanto usata sul Napolista,che mi fa rabbrividire….).
    In ultima analisi e’ da rivedere la statistica sulle possibilita’ di vittoria,se la juventus ha il 90%,il Napoli il 6%,la Roma l’8%,le restanti squadre l’1% il totale e’ 121%….magari sara’ colpa della mia ignoranza,ma non capisco!

    • Sono termini indispensabili in questi articoli.

      Se ti interessano ti consiglio di leggerti qualche guida dove vengono spiegati i vari termini e cosa significano.
      Alcune sono fatte benissimo 🙂

      Detto questo, ti dico che:
      A me il calcio piace proprio perché é un mix di passione e studio.

    • Ciao Mauro, mi fa piacere che mi leggi da Settembre (anche se la rubrica è iniziata a Novembre) e ti ringrazio per la segnalazione sulle percentuali che abbiamo corretto, come verificabile alla fonte citata la percentuale di vittoria scudetto della Juve è 85. Sulla purezza dell’idioma patrio non sono d’accordo, inoltre tendo ad accompagnare i termini inglesi con la loro traduzione o significato (shot accuracy la usa un altro autore non io).
      Sulla noia che posso dirti, prossima volta inserirò due barzellette. Continua a seguirci.

      • In ogni caso,apprezzo molto che mi abbia risposto,sono pochi i giornalisti che lo fanno….grazie.

        • Grazie a te che ci segui. Quando mi è posta una domanda/osservazione rispondo perché aiuta a comprendere gli articoli e alimentare un dibattito costruttivo

  3. Enrico Pessina 11 Febbraio 2017, 23:53

    Interessantissimo ed ottimamente scritto. Solo un’osservazione: la somma delle percentuali indicate alla fine non è 100 (oppure sono io che non ho capito niente).

    • Ciao Enrico, sei fin troppo gentile; grazie per la segnalazione, abbiamo corretto. Come verificabile alla fonte la percentuale di vittoria scudetto della Juve è 85.

Comments are closed.