Dzeko e Dybala tra i top, Icardi, Koulibaly e Hysaj fanno flop

I migliori e i peggiori del weekend calcistico: tanto Napoli nella lista dei cattivi, tre attaccanti e un portiere in quella dei più bravi.

Dzeko e Dybala tra i top, Icardi, Koulibaly e Hysaj fanno flop

Top e Flop dell’ottava giornata di Serie A.

Top

Dzeko (Roma) – Ottavo goal in campionato, rompe anche un tabù: primi due gol fuori casa. Centravanti vero, veloce nelle ripartenze, abile nel far salire la squadra, spietato in area di rigore.

Dybala (Juventus) – Da autentico leader prende per mano la squadra dopo il gol avversario. Splendida la punizione del pareggio, così come la corsa per abbracciare Bonucci. Freddo nel realizzare il calcio di rigore con cui la Juventus passa in vantaggio.

Melchiorri (Cagliari) – Fermo a lungo a causa di un brutto infortunio, in 140 minuti giocati in serie A ha già segnato 2 gol. È l’uomo in più del Cagliari, splendida rivelazione di questo inizio di campionato.

Da Costa (Bologna) – Giornata di grazia per il portiere rossoblù, trafitto solo all’ultimo minuto di recupero da un rigore. Compie prodezze da fuoriclasse su Milinkovic-Savic, Anderson ed Immobile.

Flop

Icardi (Inter) – È il peggiore in campo. Resta schiacciato dalla contestazione dei tifosi neroazzurri, sbaglia il terzo rigore degli ultimi quattro calciati in serie A e non sfrutta a dovere una ghiotta occasione.

Koulibaly (Napoli) – Qualche bell’intervento, il gol dell’1-2, ma la palla persa da pollo sulla linea di fondo è un orrore da dilettante, che costa il goal del vantaggio della Roma. Purtroppo non è neanche l’ultimo….

Hysaj (Napoli) –  Lento, svogliato, approssimativo, colpevole almeno quanto Reina sul 2-0 firmato da Dzeko. Avrebbe dovuto approfittare di qualche pausa di Perotti per spingere, invece…

Caprari (Pescara) – Il guizzo non gli manca, ma si divora troppi gol davanti al portiere. Sbaglia il secondo rigore in campionato, che avrebbe potuto significare 2 punti in più per la deficitaria classifica del club abruzzese.

ilnapolista © riproduzione riservata