Allegri: «Nella vita la fortuna è fondamentale, il Napoli aveva il pallino del gioco»

Allegri: «Nella vita la fortuna è fondamentale, il Napoli aveva il pallino del gioco»

Allegri: Partita mooolto complicata. Il Napoli merita la classifica che ha. Nel primo tempo Bonucci ha salvato una grande palla gol. Nella ripresa li abbiamo fatti palleggiare. Sono partite bloccate, solo un episodio poteva deciderla. Vittoria importante per il campionato, abbiamo vinto uno scontro diretto e abbiamo tenuto a distanza la terza, e per la crescita della squadra, era una partita molto importante, il Napoli è venuto con grande entusiasmo. Importante per la nostra autostima.

Sarà un campionato bello, avvincente, e comunque non ci saranno solo Napoli e Juventus. Noi abbiamo solo un punto in meno rispetto allo scorso anno, quindi è il Napoli che stava e sta facendo un campionato straordinario. Nonostante 14 vittorie di fila, eravamo dietro. Una sconfitta stasera ci avrebbe costretto a un’altra rincorsa. È stato meglio vincere.

Nessuno è una riserva, sono giocatori della Juventus. Stasera Zaza e Alex Sandro. Lo stesso Cuadrado, Padoin, Rugani è entrato in una partita delicata, non è stato semplice per lui. Speriamo di recuperare presto Aasamoah e poi gli altri.

Pogba ogni tanto gigioneggia un po’ e si mette un po’ troppo a fare la lotta. Ma è un ragazzo di 23 anni. 

Juventus siamo favoriti perché siamo in testa al campionato. Higuain è un giocatore straordinario ma aveva di fronte Bonucci, Barzagli e Rugani. Tutti si sono ben comportati. È sempre la disponibilità che ogni giocatore dà al compagno nella fase difensiva a fare la differenza. È l’atteggiamento che fa la differenza, non i moduli. 

Nella vita la fortuna è fondamentale. Oltre a questo, c’è l’abilità della squadra. Il Napoli aveva il gioco in mano, potevamo far gol solo su una ripartenza.

ilnapolista © riproduzione riservata