Mazzarri: «Forse abbiamo pagato il clima soporifero del San Paolo»

Nel post partita di Napoli-Viktoria Plzen, ai microfoni di Sky, è intervenuto Walter Mazzarri: “Siamo partiti male, quando giochiamo al San Paolo c’è sempre molta gente e forse abbiamo pagato questo clima soporifero. Somigliava all’inizio con la Lazio. Nel secondo tempo abbiamo creato tanto e loro con due tiri e mezzo hanno segnato. Era scritto, il calcio è strano. Siamo stati superficiali e spero che finisca al ritorno come fece il Chelsea con noi che ci ha battuti con tre gol di scarto.

Difesa a quattro? Non c’entra niente, molti elementi erano posizionati male, loro avevano due punte che ci hanno messo in difficoltà. Dovevamo entrare con un altro piglio. Nel calcio moderno si deve entrare con la testa giusta, dobbiamo crescere e migliorare ancora, la rosa è competitiva e siamo stati immaturi. I miei giocatori hanno sempre tenuto molto all’Europa League, domani parlerò coi ragazzi e cercherò di capire cosa è successo.

Insigne? Doveva giocare, ma per l’influenza non c’è stato. Non si può pensare di aver perso perchè mancava Lorenzo. Stasera i cambi erano pochi, ad esempio Rolando è stato molto bravo tra i nuovi, con la Lazio siamo anche partiti peggio con i titolari” . IamNaples.

Il tecnico partenopeo Walter Mazzarri ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di SKY dopo la cocente sconfitta contro il Viktoria Plzen. “Abbiamo sbagliato tutto, questa sera girava tutto storto. Dobbiamo imparare ad entrare in campo con un altro piglio e convinzione. Tanti errori andavano assolutamente evitati. Fuori dall’Europa? L’anno scorso il Chelsea ci eliminò dall’Europa ribaltando il risultato, lo proveremo a fare anche noi. Ora pensiamo a riscattarci in campionato. Si vedeva che stasera non eravamo entrati in campo con la testa giusta, non vi era la giusta concentrazione, forse si pensava troppo al compleanno di Cavani e abbiamo sottovalutato una signora squadra come il Viktoria. Tra le altre cose ho visto un San Paolo un po’ freddo. Dobbiamo ancora maturare tanto. Ho sempre detto ai giocatori che si deve puntare al massimo in tutte le competizioni a cui partecipiamo. Parlerò con i ragazzi per capire cosa è successo. Mancanza Insigne? Questa sera doveva partire titolare, ma l’influenza lo ha tenuto fuori, si tratta di un giocatore importante, ma dovevamo fare certamente meglio con i giocatori che avevamo a disposizione. Turn over? Ho operato pochi cambi stasera, Rolando ha fatto una grande gara, si tratta di un grande giocatore, è una lieta sorpresa. Purtroppo non sono stati i cambi di formazione a determinare il risultato, ma si è sottovalutato l’impegno in generlae e questo è molto grave”.
areanapoli.it

ilnapolista © riproduzione riservata