Il brand di Napoli come lo spread, è schizzato alle stelle. Così dice il sindaco

NAPOLI – «Dopo l’America’s Cup il brand di Napoli è schizzato alle stelle. Ce ne stiamo già rendendo conto e ce ne renderemo conto sempre di più» afferma il sindaco de Magistris. «Sono tantissime le richieste di eventi che si vogliono organizzare in città, così tante che molte le abbiamo dovute rifiutare». E quindi «se prima c’era diffidenza rispetto al fatto che Napoli potesse organizzare un grande evento, abbiamo dimostrato che invece lo sappiamo fare e che stiamo volando in questa direzione». Tanto che, dice il primo cittadino, «a Napoli stiamo dimostrando che gli eventi stanno diventando l’ordinarietà».

FONDI EUROPEI – Sull’utilizzo dei fondi europei sostiene che sarebbe «una falsa idea» quella di chi dice che i fondi europei andavano investiti per fare altro, «questa è una misura di fondi europei prevista per eventi di questo tipo, se non si faceva questo evento i soldi non si spendevano». E poi, «si è riusciti a qualificare diverse zone della città», e ancora di più, un invito, «a smettere di fare polemiche e a lavorare tutti insieme».

TAPPA 2013 – Intanto si è già a lavoro per la tappa del 2013, laddove ci potrebbe essere spazio anche per il Molo San Vincenzo. «Stiamo già in una fase di riorganizzazione perchè dobbiamo far tesoro delle cose che sono andate bene e di quelle da migliorare».

Corrieredelmezzogiorno.it

ilnapolista © riproduzione riservata