Cari Bigon e De Laurentiis, un breve promemoria per il mercato

Allora, lo vogliamo iniziare o no questo mercato? Cari De Laurentiis e Bigon, che intenzioni avete? Forse non sapete bene cosa fare. Ma l’ansia comincia a salire. Tra riflessioni e domande, l’elenco si fa lunghetto. Eccolo.

1) Se dite che il Progetto (con la Maiuscola, eh, mi raccomando) è orientato verso i giovani, lasciamo perdere quelli tipo Gamberini, evitiamo di prendere quei giocatori che hanno un buon passato alle spalle e un ingombrante presente sulle palle.

2) Da due anni Cavani non ha un’alternativa. Quest’anno che vogliamo fare, la prendiamo una prima punta o ci teniamo Lucarelli?

3) Per favore, i difensori non devono essere per forza dei giganti uallarosi. Possibile che in tutto il mondo non ci sia uno con il fisico di Grava?

4) Per ora abbiamo Pandev, Insigne e Vargas. Che ce ne facciamo di tutte queste seconde punte?

5) Dite che Insigne resta. Bene, ma Mazzarri è d’accordo? O va a finire come con Vargas?

6) Lavezzi è del Psg da un mese. E allora, quando lo chiudiamo questo affare? Se è tutto fatto, firmate e ci togliamo il pensiero. Fateci ‘sta cortesia.

7) Campagnaro ha giocato un girone di ritorno piuttosto modesto. Arriverà un difensore destro, oppure ci volete raccontare un’altra volta la palla di Fernandez adattabile sull’esterno?

8) Sembra che abbiate intenzione di prendere questo Cissokho, un esterno sinistro. Bene, però non vendete Dossena, perché non sopporterei un altro anno con Zuniga che fa il ballerino di tirabusciò pur di non calciare di sinistro.

9) Per favore, evitate di alimentare voci sull’arrivo di Top Players. Ogni tanto una bella smentita ufficiale può servire, così non illudete i tifosi e nessuno si sentirà preso in giro. Tanto lo sappiamo che i grossi nomi non arrivano perché non volete pagare ingaggi alti.

10) A proposito di ingaggi: non facciamo scherzi con Cavani. Dategli la luna ma tenetelo a Napoli.

11) Donadel è da considerare un nuovo acquisto? Ma davvero? Ma lo pensate veramente? Ricordatevi quanto giocò Blasi due anni fa. Da bravi, prendete un bel mediano giovane e sano, ci servirà come il pane.

12) De Sanctis ha chiuso la stagione facendo parecchi pasticci. Prima di cedere Rosati, pensateci molto ma molto bene.

13) Avete affermato più volte l’intenzione di creare una squadra completa, con i doppi ruoli. Sì, ma lo dite ogni anno e poi non lo fate mai. Ce lo giurate che questa volta andrà diversamente?

14) Britos non lo vuole proprio nessuno? No, perché se arrivasse anche un’offertina, io non ci penserei due volte ad ammollarglielo.

15) Lo so, ormai il calcio è globale. Però troppi stranieri possono creare una confusa Babele nello spogliatoio. Possibilmente, prendiamo qualche italiano in più.

16) Se devono arrivare giocatori dall’estero, prendeteli al più presto. Se firmano il 31 agosto, poi mentre capiscono dove sono, come si gioca, che vuole l’allenatore, arriviamo a Natale che stanno ancora in panchina guardandosi in giro con aria smarrita.

17) Ah, vi avviso: le partite di campionato sono 38, quelle di Europa League sono sei. Poi c’è almeno un incontro di Coppa Italia. In tutto fanno minimo 45 partite. Non facciamo come l’anno scorso, che dopo ogni partita deludente vi sentivamo dire: “E’ dura giocare ogni tre giorni”. Ora lo sapete, ci sono un sacco di impegni, costruite una rosa ampia e competitiva.

18) Caro Aurelio, l’ultima è per lei: a tutti capita di sbagliare. Però eviti di applicare il suo motto: “faccio una cacata e la chiamo cioccolata”. Insomma, spero che gli acquisti di Santana, Fideleff, Cribari, Sosa, Mascara etc. le abbiano insegnato qualcosa.

Tante care cose e buon lavoro.
Giulio Spadetta

ilnapolista © riproduzione riservata