Cavani: «Mi batterò per andare alle Olimpiadi»

Cavani vuole le Olimpiadi e avverte il Napoli. «Mi batterò fino alla fine per essere alle Olimpiadi», ha dichiarato il Matador a un portale uruguaiano, Tabarez vorrebbe portarlo come fuori quota alla rassegna di Londra in programma dal 27 luglio all’11 agosto ma il Napoli potrebbe negare l’assenso. «Alle Olimpiadi voglio andare, una competizione alla quale voglio partecipare», esplicito il Matador.

All’orizzonte potrebbe profilarsi una nuova grana tra il Napoli e la federazione uruguaiana e in particolare tra il presidente De Laurentiis e il cittì Tabarez della Celeste. Un botta e risposta ci fu già l’estate scorsa quando il Matador si fece male alla seconda partita della Coppa America contro il Cile e il club azzurro diffidò la nazionale uruguaiana ad impiegarlo se non al top della condizione. Cavani fu schierato solo nell’ultima mezz’ora della finale. Altro botta e riposta più di recente, a fine febbraio: Tabarez dichiarò di prevedere un futuro di Cavani in Inghilterra, De Laurentiis rispose al selezionatore della Celeste d’interessarsi dei fatti propri. Il Matador è finito di nuovo al centro delle voci di mercato per un interessamento della Juve che sarebbe pronta ad offrire 45 milioni più Matri (o Giovinco) ma pensa solo alla finale di coppa Italia. Domenica torna titolare dopo la squalifica contro il Siena e vorrebbe chiudere la stagione proprio come la cominciò a Manchester contro il City, con i gol. Media che proverà a migliorare: l’uruguaiano è a quota 32. L’anno scorso chiuse a 33.

Intanto Lavezzi è al centro dei pensieri di Mazzarri anche per la partita dell’Olimpico. Il Pocho è il vero grande dubbio del tecnico per la finale di coppa Italia. In aumento le sue quotazioni, l’argentino sta meglio dal punto di vista della condizione atletica. Pandev però fu tra i migliori con il Siena. Ipotizzabile una staffetta: difficile capire chi parte titolare.

L’allenatore ieri ha tenuto a rapporto e caricato gli azzurri, ha chiesto a tutti l’ultimo sforzo per la finale di coppa Italia con la Juve. Si è soffermato con l’intero gruppo. Prima dell’allenamento azzurri in sala video per studiare pregi e difetti della Juve. Buone notizie da PaoloCannavaro. Il capitano ha svolto l’intero allenamento però avverte ancora dolori al costato. Stringerà i denti e farà di tutto per essere in campo, l’alternativa sarebbe costituita dall’argentino Fernandez che si è disimpegnato bene contro il Siena. L’altro dubbio è la sostituzione dello squalificato Gargano, un’assenza pesante quella dell’uruguaiano. La soluzione naturale è rappresentata dall’inserimento di Dzemaili che però andrà disciplinato a tenere la posizione. Centrocampo a cinque,Hamsik si abbasserà e proprio con Dzemaili dovrà proteggere Inler, modulo speculare a quello della Juve. Stavolta Dossena, reduce dalla doppietta e dalla bella prestazione contro il Siena, parte leggermente favorito rispetto a Zuniga.
(tratto da Il Mattino)

ilnapolista © riproduzione riservata