Mazzarri: La partita più difficile dei miei tre anni e non ho deciso io di non prendere Trezeguet

Novara, Trezeguet e Hamsik nella conferenza stampa della vigilia di Napoli-Novara

“Il Novara si giocherà la gara della vita” – Mazzarri: “I ragazzi stanno attraversando un momento molto delicato” – “Il recupero di Maggio è molto importante il suo valore è indiscutibile, però devo valutare le sue condizioni come di altri calciatori tra attaccanti e centrocampo. Nonostante la settimana tipo non ho avuto il piacere di vederli allenare per tre giorni di fila. Il Novara è una squadra molto tosta, se perdono al San Paolo non è grave e non avranno nulla da perdere, perciò dovremo stare molto concentrati per gli interi novanta minuti”.
“Non ho deciso io su Trezeguet” – Mazzarri: “Hamsik è un calciatore importante, il suo rinnovo lo caricherà in maniera netta. Trezeguet è un grande attaccante, sarebbe stato un’ottima alternativa a Cavani ma non ho scelto io di non prenderlo. Pandev mi sta dando tante soddisfazioni e poi Edinson si sta dimostrando un bomber di livello assoluto ed in costante crescita”
“Sono orgoglioso dei miei ragazzi” – Mazzarri: “La squadra quando sta bene mette sempre l’avversario all’angolo, come spesso ci è successo quest’anno in più circostanze e per questo che sono orgoglioso dei miei ragazzi. Purtroppo si giudica spesso il risultato, vedete il Chelsea che ha vinto con un tiro in porta eppure è stato elogiato dalla stampa. Domani ci vorrà molta pazienza, perchè è la gara dell’anno e se non saremo brillanti però verranno i tre punti io sarei contentissimo”.
“Hamsik non è un centrocampista” – Mazzarri: “A me dispiace mettere il centrocampista slovacco a centrocampo, non ricopre quel ruolo ed è un attaccante. La Juventus è una grande squadra ma l’allenatore e una campagna acquisti da top player ha reso i bianconeri un organico davvero al meglio. Ritornando su Vargas, ha delle qualità importanti, ma con le esigenze della piazza gettarlo allo sbaraglio sarebbe un suicidio. Non dimentichiamo che davanti ha tanti attaccanti e prendere il loro posto non è cosa semplice. Io misi Edu dall’inizio con il Cesena, non giocò bene e fu massacrato e per questo lo voglio far ambientare al meglio per poi inserirlo in maniera gradatamente”
“Per l’attacco ho tre scelte” – Mazzarri: “Per l’attacco ho diverse opzioni, inizieremo in un modo, poi a gara in corso farò altre scelte. Con il Catania misi Pandev e la gara cambiò drasticamente. Poi subimmo due reti e mi arrabbiai molto. Lo dico da adesso, domani conterà solo la vittoria come contro il Chievo, sarà un match difficile ed è per questo che dal punto di vista tattico Vargax partirebbe dalla panchina. Sono felice per il rinnovo di Hamsik, per me è un giocatore fondamentale e vederlo felice è un’ottima notizia”
“Ci si dimentica troppo presto delle nostre vittorie” – Mazzarri: “Noi in gare come contro Chelsea e Bayern Monaco, protagoniste in semifinale, abbiamo speso molto a livello fisico e che stiamo pagando in questo momento. La sosta ci ha dato una mano, dovevamo recuperare energie fisiche e nervose, non ho mai fatto allenamenti così dettagliati e chiedo ai tifosi di sostenerci come non mai. Quella di domani sarà la gara più difficile del mio triennio, il Novara farà la gara della vita, tra l’altro non avrò ne Pandev e nè Lavezzi e il nostro momento è il più difficile da quando alleno questi ragazzi”
(Iamnaples.it)

ilnapolista © riproduzione riservata