Il Chelsea va ancora ko, questa volta con il West Bromwich

Ancora un rovescio del Chelsea battuto sul campo del West Bromwich, squadra di centro-classifica (1-0). Settima sconfitta per la squadra di Villas Boas, avversario del Napoli negli ottavi di Champions. Ha deciso un gol di McAuley nel finale di gara.
Il Chelsea perde il contatto col quarto posto. Lo distacca l’Arsenal vittorioso a Liverpool. Ora l’Arsenal è quarto da solo (49 punti) e il Chelsea insegue a tre punti (46). Il quarto posto della Premier League è l’ultimo valido per partecipare alla Champions del prossimo anno.

Nelle ultime sei partite di campionato, il Chelsea ha centrato una sola vittoria, ne ha pareggiate tre e perdute due. La crisi continua. Contro il West Bromwich, per un tempo, il Chelsea è apparso più vivo e combattivo andando due volte alla conclusione (39’ Essien dalla distanza, 40’ Sturridge fuori a porta vuota). Ma già all’inizio Cech doveva compiere una delle sue parate decisive (8’ controsole respingeva alla meglio il tiro di Andrews).

La squadra di Villas-Boas ha mostrato le solite pecche. La difesa alta ha messo spesso in difficoltà la squadra con tre topiche colossali di Luiz e una di Ashley Cole. Cech ha evitato il disastro con cinque parate decisive (8’ Andrews, 58’ Fortune, 66’ Mulumbu, 68’ Fortune, 85’ Andrews).

In totale le conclusioni del West Bromwich sono state 15, di cui 7 nello specchio della porta. Sette i tiri del Chelsea, solo due in porta.

In affanno il centrocampo con Essien arretrato e, ai lati, Ramires e Lampard. Né Drogba, né Torres (76’ per Essien) hanno dato profondità agli attacchi del Chelsea. Sturridge è apparso in condizioni disastrose sbagliando un gol a porta vuota e sostituito da Malouda dopo un’ora di gioco. Gran lavoro di Mata, ma la manovra dei londinesi era sempre confusa e prevedibile.

Con la squadra in difficoltà e sullo 0-0 è apparso azzardato il cambio operato da Villas-Boas togliendo un centrocampista (Essien) per un attaccante (Torres). Mossa alla quale Villas-Boas, in evidente confusione, poneva rimedio successivamente impiegando il centrocampista Meireles per il terzino Ivanoic (84’). Ma, intanto, il Chelsea andava sotto con McAuley, un difensore, che fiondava in gol dopo un batti e ribatti nell’area londinese (82’).

Nel finale, il Chelsea si avventava all’attacco, ma non aveva fortuna. Finivano fuori le conclusioni di Lampard (91’) e Mata (93’). Neanche fortunato il Chelsea, ma in piena crisi di gioco. La piccola squadra del West Bromwich ha giocato un calcio semplice e veloce. Sotto la pressione del Chelsea, ha difeso con sette e otto uomini (ritoccando il 4-3-3), ma il suo contropiede era devastante per la difesa del Chelsea sempre scoperta.

La vittoria del West Bromwich è risultata meritatissima, soprattutto per il secondo tempo giocato alla grande. Cori di scherno indirizzati a Villas-Boas concludevano il match.

Il Chelsea (4-3-3) ha schierato Cech; Ivanovic (84’ Meireles), Luiz, Cahill, Cole; Ramires, Essien (76’ Torres), Lampard; Sturridge (63’ Malouda), Drogba, Mata.

MIMMO CARRATELLI

ilnapolista © riproduzione riservata