Dialogo tra un ottimista e un pessimista su Juventus-Napoli

Pessimista: La vedo nera.

Ottimista: Ah sì, e chi l’avrebbe mai detto? Dai, tu la vedi sempre nera.

P: Sì ma domenica ho visto anche la Juve, sono troppo forti. Hanno ritmo, grinta, classe, voglia di vincere.

O: Veramente l’Inter nel primo tempo ha giocato molto meglio. Hanno preso un gol assurdo lasciando solo Caceres su un corner, e da lì l?inter è morta e la Juve si è esaltata.

P: Ah, vogliamo parlare di gol subiti su corner? Mi spieghi dove ci avviamo noi? E guarda che gli angoli li batte Pirlo, il miglior piede della serie A…

O: D’accordo, sui piazzati stiamo avendo qualche problema, anche se tirare in ballo i gol del Cagliari è quasi disonesto, che attenzione vuoi che ci sia sul tre a zero o sul cinque a uno?

P. Sta di fatto che dopo ne sono arrivati altri di gol così, c’è qualcosa che non va, la difesa è a pezzi, prende gol da chiunque.

O. Vabbuò ma mettiamo nel conto una cosa: è un reparto di ultratrentenni, quelli meno giovani quando ci sono tante partite ravvicinate fanno più fatica a recuperare…

P. Ecco, appunto. Visto che là dietro non abbiamo dei campioni, facciamo giocare chi sta meglio, per esempio Fernandez o anche Britos…

O. Ah, mo vuoi Fernandez! Hai sempre detto che era una pippa…

P. Darei un’occhiata anche a Britos, anche se temo che l’influenza ce l’abbia al piede operato… Fernandez da esterno destro è impresentabile, ma da centrale è meglio, col Catania mi è piaciuto.

O. Sì, ma dopo un’ora aveva i crampi, alla faccia della gioventù. Quelle polemiche sulla sostituzione sono assurde. E Britos non dà garanzie di tenuta, dopo l’infortunio troppe ricadute.

P. E va bene, ma Aronica e Campagnaro non si reggono in piedi, domenica erano veramente in confusione. A questo punto basta con i titolarissimi. A me sembra che Mazzarri faccia la formazione come un atto di fede, non ragiona più con la testa. Abbiamo giocato già una quarantina di partite, ora i titolarissimi non ne hanno più e devono lasciare spazio a chi sta più fresco.

O. Se Mazzarri ha un pregio è il pragmatismo, lui è tutto tranne che un dogmatico, sono sicuro che farà bene le sue valutazioni.

P. Certo, come le ha fatte col Catania? Hai visto il Pocho come stava giù? Perché non ha giocato Pandev dall’inizio?

O. A Udine ha giocato Pandev dal primo minuto e non ha combinato nulla. Quando entri a mezzora dalla fine puoi dare tutto, dall’inizio è meno facile. Il Pocho negli spazi può essere decisivo.

P. E Dzemaili? Se sta così bene non può andare sempre in panchina…

O. Ah, e lo vorresti in campo al posto di Hamsik?

P. Senti, Hamsik è un genio ma si assenta troppo, troppe pause.

O. Si sta facendo un mazzo a tarallo, scusa il francesismo, per aiutare il centrocampo. Col Catania nel primo tempo è stato tra i migliori. E con la Juve spesso si esalta.

P. Fai discorsi da tifoso accecato. Non ti rendi conto che rischiamo un mazziatone? Questa partita è decisiva. Se perdiamo, addio sogni di gloria.

O. E secondo te i nostri non lo sanno? Credono di giocare un’amichevole con il Rovereto? Senti, per la prima volta, dopo un bel po’ di tempo, c’è tutta una settimana per preparare la partita. Io sono sicuro che ce la giochiamo alla morte e che la Juve non è ‘sta corazzata che dici tu. Poi certo il pallone è infame…

P. E gli arbitri pure…

O. Ahah, mo sei tu che fai il tifoso cieco. Lascia perdere i complotti, siamo andati due volte a San Siro con le strisciate e non mi pare proprio che gli arbitri ci abbiano danneggiato.

P. Sarà, ma quando c’è la Juve di mezzo io non mi fido mai.

O. Tu c’hai il complesso. Gentile e Cabrini non ci sono più, e manco Zidane o Nedved. Sono una bella squadra, sì. Ma perchè, nuie facimm’ schifo?

P. non dico questo, però tra i rimpianti per il Chelsea e l’attesa per la coppa Italia, pare che ‘sto campionato non interessi più a nessuno, invece se arriviamo terzi ci arrivano ancora tanti soldi e possiamo rafforzare la squadra, puntare allo scudetto…

O. Ma non è vero, tu confondi il piano mediatico con la realtà. I giornali parlano tanto della finale, ma domenica per vedere il Catania c’erano più di 50mila persone, ti sembra che la piazza non pensi al campionato?

P. Smetterà di pensarci domenica sera, temo…

O. Ti sbagli alla grande. Dopo una prova deludente abbiamo quasi sempre fatto grandi partite, la Juve verrà avanti e noi avremo la nostra situazione tattica preferita. Saremo concentrati e riposati, pronti a colpire.

P. Quelli non subiscono gol manco a sparargli. Ne hanno presi 19 in 29 partite.

O. Sì, e tre glieli abbiamo fatti noi all’andata.

P. Era un’altra Juve… Senti, io ho il pessimismo della ragione.

O. E io ho l’ottimismo della passione, se permetti non c’è paragone. Forza Napoli?

P. Sempre.

Giulio Spadetta

ilnapolista © riproduzione riservata